Covid, Gb: stop al vaccino per chi ha reazioni allergiche. Pfizer: nessun serio allarme

Salute e Benessere
©Ansa

L’autorità nazionale di controllo sui farmaci ha raccomandato di non sottoporre al vaccino anti Covid chi abbia alle spalle una storia di "significative" reazioni allergiche. Nella prima giornata di somministrazione sono infatti avvenuti due episodi. Portavoce Pfizer rassicura: il vaccino è stato "ben tollerato" durante la sperimentazione e non è al centro di alcuna "preoccupazione seria di sicurezza"

L'autorità nazionale di controllo sui farmaci (Mhra) del Regno Unito ha raccomandato mercoledì 9 dicembre di non sottoporre al vaccino anti-Covid chi abbia alle spalle una storia di "significative" reazioni allergiche. L'indicazione è arrivata dopo che due delle centinaia di persone a cui è stato somministrato il vaccino Pfizer/Biontech hanno avuto reazioni allergiche. Il Regno Unito, infatti, l'8 dicembre è stato il primo Paese ad  iniziare la distribuzione pubblica della cura, dopo il via libera dato nei giorni scorsi dalla stessa Mhra.  Il vaccino è stato "ben tollerato" durante la sperimentazione e
non è al centro di alcuna "preoccupazione seria di sicurezza", ha rassicurato un portavoce della stessa Pfizer.

Chi ha avuto una reazione allergica?

approfondimento

William Shakespeare il primo uomo a ricevere il vaccino in Uk

Le persone colpite da reazioni allergica nella prima giornata di vaccinazione contro il coronavirus nel Regno Unito sono due operatori sanitari di case di cura e ricovero vaccinati nella prima categoria di priorità assieme a un contingente iniziale di degenti ultraottantenni di queste strutture, ha poi confermato il servizio sanitario nazionale dell'Inghilterra (Nhs England). Non senza precisare che tutti gli ospedali coinvolti nella distribuzione del vaccino Pfizer sono stati avvertiti dell'accaduto e informati della raccomandazione della Mhra di evitare la somministrazione a chi abbia avuto in passato episodi seri di allergia. Si tratta di procedure standard, ha poi minimizzato il professor Stephen Powis, direttore medico dell'Nhs in Inghilterra osservando come sia "comune che la Mhra suggerisca cautele in caso di nuovi vaccini per le persone con una storia significativa di allergie". Powis ha inoltre assicurato che i due sanitari dell'Nhs andati incontro ieri a reazioni di questo tipo dopo la vaccinazione anti Covid non sono in gravi condizioni e "stanno entrambi riprendendosi bene".

Il vaccino nel Regno Unito

Il Regno Unito è il primo Paese nel quale sono iniziate le somministrazioni del vaccino Pfizer contro il coronavirus. Londra ha deciso di avvalersi dell'autorizzazione di emergenza, possibilità a cui possono far ricorso tutti i Paesi membri dell’Ue, per bypassare la valutazione dell'Agenzia europea per i medicinali. Fino al 31 dicembre 2020, termine del periodo di transizione per la Brexit, il Regno Unito è infatti ancora soggetto alle regole dell'Unione europea. Il primo uomo ad essere vaccinato è stato un 81enne dal nome non comune: William Shakespeare.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24