Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

I vaccini fanno male? Evidente tendenza no-vax nei video consigliati da YouTube

3' di lettura

L’algoritmo di Google spesso suggerisce contenuti radicali, proponendoci non necessariamente i filmati più visti. L’inchiesta di Sky Tg24  

La tendenza di YouTube a proporre contenuti estremi e divisivi - di cui ci siamo occupati nelle nostre ricerche sul ponte Morandi e sul cancro - si conferma anche quando si fanno ricerche su argomenti che concernono la nostra salute, come i vaccini.

Cercando sul portale video più famoso del mondo “Vaccini” oppure “I vaccini fanno male” o ancora “Vaccini e autismo”, tra i video più ricorrenti in assoluto vi è quello di un’agguerrita mamma no-vax che in una trasmissione televisiva spiega perché ha deciso di non vaccinare i figli. Il suo video compare in continuazione, sia tra i risultati delle ricerche che nei video consigliati.

I presunti danni da vaccino tra i video suggeriti da Youtube

Proprio seguendo i video consigliati emerge che quelli che hanno come argomento i vaccini sono per la maggior parte centrati su danni da vaccino o correlazioni tra autismo e vaccini. Si passa dai presunti “vaccini della morte” alla testimonianza di genitori che hanno avuto reazioni avverse, dalle ragazze danneggiate dal vaccino contro il papilloma virus a video che contengono dubbi sui contenuti dei vaccini. Mentre il video ufficiale del ministero della Salute che spiega il decreto vaccini - il terzo più visto in Italia sull’argomento - non compare mai tra le clip consigliate.

 

E così scopriamo che una delle società più ricche del mondo, che potrebbe senz’altro destinare somme consistenti a un controllo più approfondito sui contenuti che propone, offre per la maggior parte video con titoli sensazionalistici e “acchiappaclick”.

Codice Youtube: come funziona l'algoritmo?

Il motivo? L’algoritmo dei video consigliati è progettato per farci rimanere attaccati al computer o allo smartphone, proponendoci non necessariamente i filmati più visti, ma quelli dai titoli più accattivanti e sopra le righe: più rimaniamo “attaccati”, infatti, più pubblicità guardiamo. L’analisi è stata condotta su dispositivi anonimizzati (computer, tablet, cellulari) e da diverse località, non fermandosi ai primi risultati o alle sezioni “Home” e “News”, ma seguendo il lungo elenco di video suggeriti in automatico.

La replica di Google

In seguito a una nostra richiesta di commento, l’ufficio stampa di Google ha spiegato che “l’autorevolezza è un fattore essenziale per gli utenti” e che nell’ultimo anno sono state introdotte “nuove funzionalità di prodotto e un investimento di 25 milioni di dollari a favore di editori che producono video online per creare una migliore esperienza nella fruizione di notizie su YouTube”.

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"