Pertini, 40 anni fa l'elezione del “presidente degli italiani”. FOTO

Partigiano e membro dell'Assemblea costituente, l’8 luglio 1978 diventava settimo presidente della Repubblica. Eletto con 832 voti su 995, la maggioranza più larga della storia repubblicana, fu uno dei capi di Stato più amati. Ecco le tappe fondamentali del suo mandato
  • Esattamente 40 anni fa, l’8 luglio 1978, Sandro Pertini veniva eletto presidente della Repubblica dal Parlamento con una maggioranza schiacciante, 832 voti su 995. La più larga nella storia repubblicana. Partigiano, socialista e tra i padri fondatori della Repubblica, è stato uno dei capi di Stato più amati - Il film "Pertini - Il Combattente, la storia di un uomo che ha cambiato l'Italia"
  • ©ANSA
    Per l’elezione di Pertini furono necessari 16 scrutini. Fu il primo socialista a essere eletto al Quirinale, ma il primo a indicarlo non fu il segretario del Psi Craxi, bensì il comunista Berlinguer. Nel discorso in occasione del giuramento, spiccano il ricordo di Aldo Moro, assassinato soltanto due mesi prima, e il richiamo alla pace: “Si svuotino gli arsenali di guerra, sorgente di morte, si colmino i granai, sorgente di vita” - Tra veti e franchi tiratori, tutte le elezioni al Quirinale
  • ©ANSA
    Quella del luglio 1978 è un’Italia inquieta e appena sconvolta dal rapimento e dall’uccisione del presidente della Dc Aldo Moro per mano delle Br. Il 15 giugno 1978, su una scena politica già convulsa, arriva la notizia delle dimissioni del presidente della Repubblica Giovanni Leone, costretto a lasciare il Quirinale sei mesi prima della scadenza naturale del mandato in seguito allo scandalo Lockheed - Aldo Moro, a 40 anni dalla tragedia tanti gli enigmi sull'omicidio
  • ©ANSA
    Nel 1978 Pertini ha 81 anni. Dopo il ruolo attivo svolto nella Resistenza durante la Guerra di Liberazione, aveva assunto le redini del Partito socialista (allora Psiup), di cui era diventato segretario nel 1945. Il 2 giugno 1946 era stato eletto deputato nell’Assemblea costituente e ha contribuito alla stesura degli articoli del Titolo I della Costituzione, la parte sui rapporti civili. Nell’Italia repubblicana è stato due volte presidente della Camera – Tra veti e franchi tiratori, tutte le elezioni al Quirinale
  • ©ANSA
    Quello del settennato di Pertini resta per l’Italia un periodo molto delicato. Nella foto, Pertini rende omaggio alle vittime della strage di Bologna del 2 agosto 1980 durante i funerali di Stato. Nella strage persero la vita 85 persone – Strage Bologna, Cavallini rinviato a giudizio 38 anni dopo l'attentato
  • ©ANSA
    Nel novembre 1980 l’Italia fu sconvolta dal terremoto in Irpinia, che provocò 8.848 morti. Resta memorabile il discorso alla nazione di Pertini la sera del 27 novembre 1980, quando denunciò i ritardi nei soccorsi e invitò tutti gli italiani a prestare aiuto agli sfortunati connazionali: “Qui c’entra la solidarietà umana, tutte le italiane e gli italiani devono mobilitarsi per andare in aiuto” - La storia del terremoto dell'Irpinia
  • ©ANSA
    Pertini fu un presidente vicino ai cittadini, con uno stile diretto e amichevole. È rimasta impressa nella memoria degli italiani la sua presenza ai tentativi di salvataggio del piccolo Alfredino Rampi, il bambino di sei anni di Vermicino caduto in un pozzo nel 1981, dove perse la vita dopo tre giorni. Nelle ore precedenti Pertini tentò di rincuorare personalmente il bimbo, incitandolo a resistere – Vermicino: morto il pompiere che parlò per ore con Alfredino
  • ©Fotogramma
    Pertini fu sposato dal 1946, fino alla sua morte nel 1990, con Carla Voltolina, partigiana conosciuta a Milano dove il futuro capo dello Stato si trovava come rappresentante del Comitato di liberazione nazionale. Carla Voltolina è scomparsa nel 2005 – Quirinale, i discorsi di fine anno dei presidenti
  • ©ANSA
    Quando si parla di Pertini non si può non parlare di calcio, e più precisamente dei Mondiali del 1982 che videro trionfare l’Italia. Indelebili, nella memoria degli italiani, le immagini del presidente che esulta durante la finale di Madrid contro la Germania di fronte a un impassibile re spagnolo Juan Carlos – Da Pertini a Napolitano, quando il politico si scopre tifoso
  • ©ANSA
    Altrettanto iconica è l’immagine della partita a carte sull’aereo di ritorno della Nazionale con Dino Zoff, Franco Causio, e il ct Enzo Bearzot – Da Pertini a Napolitano, quando il politico si scopre tifoso
  • ©Fotogramma
    Nel 1981, Pertini affidò l’incarico di formare un governo al repubblicano Giovanni Spadolini, in seguito alla caduta del governo Forlani a causa dello scoppio dello scandalo della loggia P2. Dal 10 dicembre 1945, data di giuramento del primo governo De Gasperi, la presidenza del Consiglio era stata sempre affidata a esponenti della Dc, ininterrottamente per più di 35 anni – Tra veti e franchi tiratori, tutte le elezioni al Quirinale
  • ©Fotogramma
    Nel 1983, dopo un tentativo andato a vuoto nel 1979, Pertini diede l'incarico di formare il governo al leader del Psi Bettino Craxi. Il 4 agosto il primo governo a guida socialista si presentava al Quirinale per il giuramento. Per due anni, e per la prima volta nella storia d'Italia, furono socialisti sia il presidente della Repubblica, sia il presidente del Consiglio dei ministri - Bettino Craxi, risate amare
  • ©ANSA
    Come da consuetudine per un presidente della Repubblica, Pertini nominò diversi senatori a vita. Tra questi il drammaturgo napoletano Eduardo De Filippo nel 1981 (nella foto). E poi il giornalista e politico Leo Valiani, Camilla Ravera (contribuì a fondare il Pci), il critico letterario Carlo Bo e il politologo Norberto Bobbio – Tra veti e franchi tiratori, tutte le elezioni al Quirinale
  • ©ANSA
    29 giugno 1985: il giorno del commiato. Sandro Pertini si dimette pochi giorni prima della scadenza naturale del suo mandato per permettere l'immediato insediamento di Francesco Cossiga, appena eletto suo successore. Pertini lascia il Quirinale commosso dopo aver salutato i suoi collaboratori. Come previsto dalla Costituzione, al termine del mandato diventa senatore a vita. Sandro Pertini si spegne il 24 febbraio 1990 all’età di 93 anni - Età, voti, scrutini: gli uomini (e i numeri) del Quirinale