Elezioni comunali Savona, ballottaggio Russo-Schirru: tutto quello che c’è da sapere

Politica
Facebook

Il 17 e 18 ottobre i cittadini del comune ligure tornano alle urne per il secondo turno delle Amministrative. Il nuovo sindaco si deciderà tra il candidato sostenuto dal centrosinistra e quello appoggiato dal centrodestra. Al primo turno avevano preso rispettivamente il 47,79% e il 37,31% di preferenze

Savona sceglie il suo nuovo sindaco al ballottaggio. Domenica 17 e lunedì 18 ottobre, i cittadini del comune ligure sono chiamati di nuovo alle urne per il secondo turno delle elezioni comunali (LO SPECIALE). I due candidati che si contendono la poltrona sono Marco Russo (sostenuto dal centrosinistra) e Angelo Schirru (sostenuto dal centrodestra). Alla tornata del 3 e 4 ottobre, nel primo turno, nessuno dei due era riuscito a superare il 50% di preferenze: avevano preso rispettivamente il 47,79% e il 37,31% dei voti (COME ERA ANDATO IL PRIMO TURNO A SAVONA).

Ballottaggio Savona: quando si vota

leggi anche

Ballottaggi, su Sky TG24 il confronto tra i candidati di Torino e Roma

Il ballottaggio a Savona si svolge domenica 17 ottobre (seggi aperti dalle 7 alle 23) e lunedì 18 ottobre (seggi aperti dalle 7 alle 15). Il secondo turno si è reso necessario perché, come previsto per i Comuni con più di 15.000 abitanti, “qualora nessun candidato ottenga la maggioranza” al primo turno, “si procede ad un secondo turno elettorale che ha luogo la seconda domenica successiva a quella del primo. Sono ammessi al secondo turno i due candidati alla carica di sindaco che hanno ottenuto al primo turno il maggior numero di voti. Dopo il secondo turno è proclamato eletto sindaco il candidato che ha ottenuto il maggior numero di voti validi”.

Ballottaggio Savona: come si vota e chi può farlo

leggi anche

Comunali Trieste, ballottaggio Dipiazza-Russo: cosa c’è da sapere

La scheda per il ballottaggio comprende il nome e il cognome dei candidati alla carica di sindaco, scritti entro l'apposito rettangolo, sotto il quale sono riprodotti i simboli delle liste collegate. Il voto si esprime tracciando un segno sul rettangolo entro il quale è scritto il nome del candidato prescelto. Come al primo turno, possono votare tutti gli iscritti nelle liste elettorali residenti nel Comune con età superiore ai 18 anni, gli iscritti all’A.I.R.E. e i cittadini comunitari iscritti nell’apposita lista. Per poter esercitare il diritto di voto, l’elettore deve presentare al seggio di appartenenza la propria tessera elettorale unitamente a un documento di identificazione.

Marco Russo Angelo Schirru Savona
Marco Russo (a sinistra) e Angelo Schirru (a destra) - Facebook

Elezioni Savona: l’esito del primo turno

Al primo turno l’affluenza è stata del 52,43%. Il candidato del centrosinistra Marco Russo ha ottenuto il 47,79% delle preferenze. Dietro di lui il candidato del centrodestra Angelo Schirru con il 37,31%. Gli altri candidati erano Manuel Meles per il Movimento 5 Stelle e la lista ConTe per Savona (9,77%), Luca Aschei sostenuto dalla lista Andare Oltre (3,88%) e Francesco Versace sostenuto dalla lista Savona Popolare (1,25%).

Ballottaggio Savona: chi sono i candidati

I due candidati al ballottaggio sono quindi Marco Russo e Angelo Schirru. Russo, civico che corre per il centrosinistra, è sostenuto dalle liste Partito Democratico-Articolo 1, Patto per Savona, Sinistra per Savona e RiformiaAMO Savona. Avvocato nato e cresciuto a Savona, è stato presidente provinciale delle Acli, presidente del Forum del Terzo Settore e membro del consiglio provinciale fino al 2014. Nel 2015 ha dato vita al Laboratorio da cui è nata l’idea del Patto per Savona. Il centrodestra corre invece con il civico Angelo Schirru - sostenuto dalle liste Lega, Forza Italia-UdC, Fratelli d’Italia, Toti per Savona e Lista Civica Schirru Sindaco -, per 13 anni primario di Chirurgia all’ospedale San Paolo di Savona.

I possibili scenari

Il primo turno ha quindi confermato, come predetto dai sondaggi, un ballottaggio fra Russo e Schirru. Quest’ultimo ha incassato il sostegno di Francesco Versace (1,25% al primo turno) e ha sottoscritto l’apparentamento con la lista Andare Oltre di Luca Aschei (3,88% al primo turno). Incognita M5S: “Non sono state date indicazioni precise dal Movimento - ha detto il segretario comunale del Pd Stefano Martini - Tuttavia credo che il loro elettorato possa essere maggiormente intercettato dalla proposta politica e amministrativa di Marco Russo, d’altronde lo stesso Meles è stato all’opposizione in maniera forte e decisa del centro destra nell’ultimo mandato in Comune”.

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24