Bruno Tabacci a L'Ospite su Sky TG24: "Sulle riaperture da Draghi decisione razionale"

Politica

Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio parla della strategia che il Governo Draghi intende perseguire in politica economica e delle dinamiche interne alla maggioranza: "Tutto sommato si tratta di schermaglie" . E sul presidente del Consiglio aggiunge: ha "alzato molto l'asticella" costringendo i "partiti a essere più severi e responsabili"

"Da Draghi una decisione razionale, ha voluto dare un segnale forte di speranza tra l’altro puntando su una ripresa formidabile del nostro Paese nei prossimi mesi". Così Bruno Tabacci, su Sky TG24 a “L’Ospite”, condotto da Massimo Leoni, ha commentato quanto annunciato dal presidente del Consiglio in tema di riaperture. Decisivi però saranno i comportamenti dei cittadini. "Draghi ha parlato di rischio calcolato - ha aggiunto - non c'è un azzardo: spero però che gli italiani sappiano mantenere meglio della scorsa estate le regole. Questa libertà dobbiamo meritarcela sul campo".

"Non solo la Lega vuole le riaperture"

vedi anche

Covid, Draghi annuncia le riaperture: cosa cambia dal 26 aprile

Alla domanda se sia vero che all'interno del Governo il clima sia ideale, come detto dal presidente Mario Draghi, Tabacci ritiene che "sia una condizione oggettiva" e che sugli attriti che possono esserci "tutto sommato si tratta di schermaglie". "Poi in particolare Salvini, conoscendo l'andamento delle curve epidemiologiche, ha giocato d’anticipo come fosse solo la Lega che punta a riaprire - ha detto - ma le riaperture sono interesse di tutti. Non solo la Lega vuole le riaperture" ma tutti i partiti. "Questo è un Governo voluto dal presidente che richiede che le forze che ne fanno parte depongano un po' le ragioni del contrasto", ha aggiunto.

"Palazzo Chigi, Draghi ha alzato l'asticella"

approfondimento

Covid, pass per spostamenti ed eventi: cos'è e quando si userà

Su chi abbia deciso per le riaperture del 26 aprile, il sottosegretario afferma che la decisione sia avvenuta come "punto di sintesi del presidente del Consiglio, con la forza, l'autorevolezza che tutti gli riconoscono". "Tra l'altro - ha proseguito Tabacci - leggendo la stampa internazionale, dicono di lui che sia un punto di riferimento per l'Europa: non vorrei che non lo fosse per l'Italia. Abbiamo messo in campo il personaggio più autorevole, cosa facciamo, gli creiamo delle difficoltà?". Sul ruolo di Draghi, infatti, il sottosegretario ritiene che all'interno di Palazzo Chigi abbia "alzato molto l'asticella" costringendo i "partiti a essere più severi e responsabili". "Dopo di che - ha aggiunto - si tornerà alla normalità ma con elementi diversi, più virtuosi". Sull'ex presidente della Bce meglio a Palazzo Chigi o al Quirinale, Tabacci non dà una risposta certa ma spiega che "sarebbe bene che il Governo arrivasse al termine della legislatura per completare un percorso anche se non definitivamente. Però a settembre si vota per il presidente della Repubblica e sarà il parlamento a decidere. È meglio che Draghi sia in campo, ma sarà il parlamento a decidere".

"Conte caduto per ragioni interne"

Sull'uscita di Giuseppe Conte da Palazzo Chigi, il sottosegretario ha spiegato che "è caduto per ragioni interne, per il fatto che non si è riusciti a rafforzare la maggioranza così come il presidente della Repubblica aveva chiesto al parlamento nel momento in cui aveva dato l'incarico esplorativo al presidente della Camera. Noi abbiamo lavorato all'interno di quel mandato esplorativo, io ho sostenuto, come era giusto fare, Conte fino all'ultimo secondo".  

"Riapertura stadio di Roma decisa per gli Europei"

leggi anche

Europei, Vezzali a Gravina: “Ok del governo a 25% tifosi all’Olimpico”

Sulla riapertura dello stadio di Roma per gli Europei di calcio Tabacci ha chiarito che tratta di "una decisione legata al fatto che era l'Uefa a chiederci di dare una risposta adesso" e la decisione "è stata presa immaginando che il miglioramento della curva proseguisse e poi immaginando un accesso limitato" allo stadio. Dal campionato europeo si passa alla Turchia e al rapporto con l'Italia. "Credo che non ci debbano essere impedimenti a creare relazioni di natura economica e diplomatica - ha detto Tabacci - ma senza nascondere le opinioni che abbiamo rispetto alla tutela dei diritti umani e dei diritti civili".

L'appuntamento ogni sabato

approfondimento

Podcast, notizie e approfondimenti di Sky TG24

"L'Ospite" è un faccia a faccia condotto da Massimo Leoni, in onda su Sky TG24 ogni sabato. Un botta e risposta con personalità della politica ma anche delle istituzioni e dell’economia, che punta ad approfondire le dinamiche e i retroscena della politica italiana, raccontando agli spettatori i fatti della settimana e chiedendo risposte concrete e chiare ai protagonisti del dibattito pubblico. Una conversazione serrata per capire il personaggio della settimana: le sue ragioni, i suoi obiettivi e la sua visione del futuro e del Paese. Le interviste sono disponibili anche tra i podcast di Sky TG24, il nuovo servizio della testata per raccontare l’attualità da una prospettiva più laterale.

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.