Da #ConTe di Grillo ad #AvanticonConte, la crisi di governo su Twitter

Politica

Sul social network molti esponenti politici si schierano a favore del premier: da Speranza a Bonafede, passando anche per il fondatore del M5s e il segretario del Pd Zingaretti. Alcuni utenti, invece, chiedono le dimissioni del Presidente del Consiglio, mentre altri ancora criticano Renzi per il ritiro della delegazione di Iv e l'avvio della fase critica all'interno dell'esecutivo

Passa anche da Twitter la crisi di governo innescata da Matteo Renzi, dopo che Italia Viva ha ritirato la sua delegazione, con le dimissioni di Teresa Bellanova, Elena Bonetti e del sottosegretario Ivan Scalfarotto (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI LIVE - LO SPECIALE). Già nella serata del 13 gennaio, diversi esponenti del mondo politico, come i ministri Speranza e Bonafede, si sono schierati a favore del premier Conte, anche attraverso i loro tweet. E, sempre a supporto del premier, è iniziato a circolare l’hashtag #AvanticonConte. La mattina successiva, un altro hashtag: #ConTe. A idearlo è il fondatore del Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, che posta una foto di lui e Conte abbracciati e sorridenti. Nel mentre, diversi utenti hanno pubblicato commenti critici, oltre che foto e meme ironici, con gli hashtag #Renzivergogna ma anche con #CONTEDIMETTITI.

L'hashtag #ConTe

approfondimento

Crisi di governo, cosa succede ora: i possibili scenari

"In questi mesi Conte ha servito il Paese con disciplina ed onore. Avanti al suo fianco", il commento del ministro della Salute Roberto Speranza su Twitter. Simile il messaggio del viceministro PierPaolo Sileri, che conferma: "Si va avanti con Conte". Dello stesso parere anche il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede. Beppe Grillo sceglie invece di creare un nuovo hashtag di solidarietà al premier, #ConTe, e nel giro di poche ore dalla pubblicazione del suo cinguettio, riceve migliaia di like.

Il sostegno di #AvanticonConte

approfondimento

Di Maio: "Da Renzi gesto irresponsabile"

Altri esponenti politici, subito dopo che la crisi si è innescata, hanno invece optato per l'hashtag #AvanticonConte. È il caso del segretario del Pd Nicola Zingaretti, che scrive: "In questi mesi durissimi l’Italia ha potuto contare sul grande impegno di Conte e della squadra di Governo. Ora c’è un Paese da ricostruire #AvanticonConte". Mentre il ministro per l'Ambiente Sergio Costa, appena prima del Consiglio dei Ministri che si è tenuto la sera del 13 gennaio, ha spiegato: "Si lavora, come ogni giorno, per onorare il giuramento di fedeltà e lealtà alla Repubblica Italiana #AdMaioraSemper #AvanticonConte"

Gli hashtag di critica: da #CONTEDIMETTITI a #Renzivergogna

approfondimento

Crisi di governo, la notizia sui giornali e sui siti internazionali

Diversi utenti, però, si sono dimostrati critici con la situazione che si è venuta a creare all'interno dell'esecutivo, in un momento delicato per il Paese, con la pandemia di Coronavirus che non rallenta. Sono quindi in molti a chiedere le dimissioni del premier su Twitter, attraverso l'hashtag #CONTEDIMETTITI. Dall'altra parte, c'è chi addossa tutte le responsabilità della crisi di governo alle scelte di Matteo Renzi, e lo critica attraverso l'hashtag #Renzivergogna. I cinguettii, in questo caso, sono spesso accompagnati da meme e immagini ironiche che mostrano il leader di Italia Viva con la faccia da pagliaccio.

I commenti di Bellanova, Bonetti e Scalfarotto a fine incarico

approfondimento

Calenda a Sky TG24: "Unica linea è esecutivo di salvezza nazionale"

Nel mentre, a poche ore dalle loro dimissioni, su Twitter compaiono anche i commenti dei tre esponenti di Iv che si sono dimessi. L'ormai ex ministra Teresa Bellanova scrive: "Con Iv ci siamo assunti la responsabilità di mettere un punto alla crisi. Ora è il Presidente del Consiglio che deve decidere in che direzione andare". Mentre l'ex ministra Elena Bonetti commenta: "È stato un onore servire questo Paese nei palazzi romani delle istituzioni. Torno a farlo nelle aule universitarie milanesi. La politica è servizio". E Ivan Scalfarotto incalza: "Quando c'è un momento difficile, come questo, una classe dirigente degna di questo nome deve alzare la testa ed assumersi le proprie responsabilità. L'instabilità non è certo qualcosa da auspicare, ma molto peggio è l'immobilismo".

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.