Chi è Massimiliano Fedriga, il governatore del Friuli Venezia Giulia

Politica
fedriga_ansa

Leghista, fedelissimo di Matteo Salvini, nato a Verona ma residente a Trieste, il nuovo inquilino di Palazzo del Lloyd è stato capogruppo della Lega alla Camera. Alle politiche di marzo era stato confermato a Montecitorio

Leghista fedelissimo, iscritto al Carroccio da quando era ancora minorenne, il 37enne Massimiliano Fedriga è il nuovo governatore del Friuli Venezia Giulia. È nato a Verona nel 1980 ma è cresciuto a Trieste, dove vive attualmente. Nel 1995, a 15 anni, si iscrive alla Lega Nord, grazie a un'autorizzazione firmata dai genitori, come si legge sul suo sito. Fedriga è laureato in scienze della comunicazione e ha poi conseguito anche un master in Gestione e analisi della comunicazione. È un volto noto al pubblico televisivo per aver rappresentato diverse volte la Lega in talk show e telegiornali.

La scalata nella Lega

Nel 2003 diventa segretario provinciale della Lega a Trieste, e la sua scalata prosegue con l’elezione nel 2008 alla Camera dei deputati, confermata nel 2013 quando diventa anche capogruppo della Lega a Montecitorio. Nel 2011 la Lega Nord, che si presenta indipendente dal centrodestra, tenta di candidarlo a sindaco di Trieste, ma il tentativo va a vuoto: Fedriga ottiene il 6,26% delle preferenze. Fedelissimo di Salvini, dal 2014 è segretario regionale della Lega in Friuli Venezia Giulia. Nelle ultime elezioni politiche del 4 marzo (LO SPECIALE) è stato rieletto alla Camera attraverso il listino proporzionale.

A Roma

In Parlamento Fedriga è stato membro della commissione XI che si occupa di politiche di lavoro e politiche sociali. Nell’ottobre 2015, in Parlamento, ha avuto una sospensione di 15 giorni per continue intemperanze e battibecchi con la presidente della Camera, Laura Boldrini. Era la prima volta che una sanzione veniva comminata a un presidente di gruppo.

La candidatura in Friuli Venezia Giulia

A sostenere la candidatura di Fedriga in Friuli Venezia Giulia è stato tutto il centrodestra: Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia e la lista Autonomia Responsabile. Su Fedriga ha puntato molto anche Matteo Salvini. Il segretario della Lega infatti ha voluto fortemente la candidatura di Fedriga nei giorni caldi delle elezioni dei presidenti della Camera e del Senato, in occasione delle trattative interne alla coalizione del centrodestra. Con Forza Italia irritata per le aperture di Salvini al M5s per un'alleanza di governo, il leader della Lega ha lasciato a Silvio Berlusconi la possibilità di indicare il presidente del Senato (è stata poi eletta la forzista Maria Elisabetta Alberti Casellati) e poi ha imposto la candidatura di Fedriga in Friuli Venezia Giulia, al posto della prima scelta della coalizione, ovvero Renzo Tondo, uomo più vicino a Fi e già due volte presidente della regione. Fedriga ha vinto nettamente le elezioni regionali e la sua Lega è il primo partito nella regione.  

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24