Open Arms, cos'è e come opera l'Ong che salva i migranti in mare

Mondo
open_arms_ansa

Dalle prime operazioni nel 2015 a Lesbo, in Grecia, a quelle al largo della costa della Libia dopo l'accordo Ue-Turchia, fino allo scontro con Salvini nel 2019 e la successiva autorizzazione a procedere del Senato nei confronti del leader della Lega: ecco come lavora l'organizzazione spagnola finita al centro di accuse e polemiche con il governo italiano  

Nella questione migranti il nome Proactiva Open Arms, in Italia e non solo, non lascia indifferenti. Dalle prime operazioni in mare in Grecia, a Lesbo, per poi passare nel Mediterraneo, l’Ong spagnola è diventata una delle principali organizzazioni a occuparsi del salvataggio dei migranti. Ma Open Arms è finita anche al centro di accuse di collusione con i trafficanti di uomini. Le cronache l’hanno anche vista protagonista delle polemiche con l'ex ministro dell’Interno italiano Matteo Salvini, come nel caso dell'estate 2019, in relazione al quale il Senato ha dato l'autorizzazione a procedere nei confronti del leader della Lega.

Cos’è Open Arms e come lavora

Open Arms è un’Ong spagnola che opera dall'ottobre 2015 con alcune navi nel Mediterraneo per salvare i migranti che rischiano la vita attraversando il mare (QUALI SONO GLI OBBLIGHI SUI SALVATAGGI IN MARE). Proactiva Open Arms si è sviluppata come organizzazione non governativa dalla Pro-Activa Serveis Aquàtics, una compagnia di salvataggio e recupero in acqua con sede a Badalona, in Catalogna. Ed è nata dopo il viaggio del fondatore Oscar Camps in Grecia, nel settembre 2015, insieme ad altri tre volontari. Ha iniziato la propria attività immediatamente dopo, nell’autunno del 2015 a Lesbo, proprio in Grecia, per il salvataggio dei migranti che attraversavano il mar Egeo partendo dalla Turchia per arrivare in Europa. L’Ong coordina le sue operazioni con le imbarcazioni Astral, utilizzata perlopiù per operazioni di ricerca, Golfo Azzurro e Open Arms. L'organizzazione si finanzia, come si legge sul sito ufficiale, quasi esclusivamente attraverso donazioni private (il 90% del totale). Il restante 10% arriva da altre organizzazioni e amministrazioni locali. Open Arms afferma di aver salvato almeno 60 mila persone nel corso delle sue operazioni.

Le prime operazioni a Lesbo

Nel mese di settembre 2015, i primi volontari della Ong arrivano a Lesbo per le operazioni di soccorso. Le attività principali consistono nel guidare e assistere i rifugiati, principalmente siriani arrivati dalla Turchia, affinché arrivino in sicurezza sulla costa. La squadra di Open Arms copre 17 chilometri di costa. All’inizio l’Ong disponeva di 20 imbarcazioni. Il numero poi è diminuito, ma Open Arms rimane comunque attiva sulla costa greca.

La missione nel Mediterraneo

Alla fine del mese di maggio 2016, Proactiva decide di assegnare Astral alla zona del Mediterraneo centrale, per assistere i migranti in arrivo dalle coste della Libia. L'accordo tra l'Unione europea e la Turchia stava rendendo più difficile l'attraversamento del mar Egeo e quindi il proseguimento per i migranti sulla cosiddetta “rotta balcanica”. Si erano riaperti perciò altri canali come quello, il più pericoloso, dell’attraversamento del mar Mediterraneo dalla costa nordafricana all’Europa. Proactiva afferma di aver salvato 15mila vite nei primi 4 mesi di operazioni. Nel luglio 2017, inizia l’attività della nuova nave della Ong, la Open Arms, acquistata grazie alle donazioni e capace di trasportare circa 400 persone. Open Arms è attiva anche in Africa perché, si legge sul sito, “vogliamo prevenire ciò che accade in mare lavorando nei Paesi d’origine”. Collabora con l’organizzazione Nasco, che si occupa di scuola ed educazione in Ghana.

Le accuse di complicità con i trafficanti

Nel frattempo, però, Open Arms inizia a subire accuse di collusione con i trafficanti ed è implicata in alcuni procedimenti giudiziari. Nel maggio 2017 inizia un procedimento penale della procura di Palermo nei confronti della nave Golfo Azzurro, in seguito a presunte incongruenze nel modo in cui erano stati soccorsi oltre 220 migranti poi sbarcati a Lampedusa. Nel giugno 2018, i magistrati di Palermo chiedono e ottengono l’archiviazione del procedimento, spiegando che “alla luce delle indagini svolte, non si ravvisano elementi concreti che portano a ritenere alcuna connessione tra i soggetti intervenuti nel corso delle operazioni di salvataggio a bordo delle navi delle Ong e i trafficanti operanti sul territorio libico”. L'indagine archiviata dalla procura di Palermo non ha nulla a che fare con quella avviata nel marzo 2018 dalla procura di Catania, con l’accusa nei confronti dell’Ong di associazione per delinquere finalizzata all’immigrazione clandestina. Nell’ambito dell’inchiesta l’imbarcazione Open Arms era stata sequestrata nel porto di Pozzallo, dove si trovava, e successivamente dissequestrata. Nel maggio 2019, la procura di Catania ha poi chiesto l’archiviazione.

Il salvataggio di Josefa e le polemiche con l’Italia

Le polemiche tornano nell’estate 2018. A metà luglio la Ong interviene per un naufragio al largo della Libia e trova i corpi di una donna e di un bambino, insieme a una donna sopravvissuta dopo due giorni in mare aggrappata a una tavola di legno. Si chiama Josefa e viene ritrovata infreddolita e in stato di shock. Open Arms accusa la Guardia costiera libica di aver abbandonato i naufraghi e l’Italia per la sua politica di chiusura dei porti. Salvini respinge le accuse definendole “bugie”. Dopo il primo caso, quello della nave Aquarius, attraccata a Valencia dopo nove giorni in mare per il rifiuto delle autorità italiane di farla sbarcare, con Open Arms si verifica una situazione simile il 4 luglio. L’imbarcazione, con a bordo 59 migranti, era stata costretta a fare rotta verso Barcellona, dopo che le era stato negato lo sbarco sulle coste italiane e maltesi.

Il caso Open Arms - Salvini

leggi anche

Open Arms, il Senato autorizza il processo a Salvini

Un anno dopo, nell'estate 2019, un altro caso vede protagonista la nave dell’Ong: ad agosto a un gruppo di oltre 100 migranti che si trova a bordo dell’imbarcazione, al largo di Lampedusa, viene vietato di scendere a terra dall’allora ministro dell’Interno, Matteo Salvini. Tra i migranti soccorsi e in attesa di sbarcare ci sono anche molti minori. La maggior parte delle persone rimane a bordo per 19 giorni, prima di poter sbarcare dopo che il procuratore di Agrigento decide di disporre lo sbarco e il sequestro preventivo d’urgenza della nave, ipotizzando il reato di abuso d’ufficio. Il 30 luglio 2020, l’aula del Senato ha dato il via libera alla richiesta di autorizzazione a procedere contro Salvini, avanzata dal tribunale dei ministri di Palermo nei confronti del leader della Lega accusato di “sequestro plurimo di persona aggravato” e “abuso di atti d’ufficio”. Secondo il tribunale dei ministri, Salvini avrebbe agito in autonomia, in contrasto con il presidente del consiglio Giuseppe Conte. L'ex ministro dell'Interno nella sua memoria difensiva ha sostenuto che la nave sarebbe dovuta attraccare a Malta, in Spagna o in Tunisia. 

Mondo: I più letti