Guerra in Ucraina, Usa allertano: navi russe cariche di grano rubato dirette in Africa

Mondo

Un rapporto ufficiale del dipartimento di Stato americano identifica tre cargo russi sospettati di trasportare il grano. Secondo il governo ucraino Mosca ha rubato fino a 500 mila tonnellate di grano, per un valore di 100 milioni di dollari

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie dal mondo.

 

Gli Stati Uniti hanno allertato 14 Paesi, in gran parte africani, che navi russe piene di quello che un rapporto ufficiale del dipartimento di Stato americano definisce "grano ucraino rubato" potrebbero essere dirette verso di loro. Il cable diplomatico americano ha identificato per nome tre navi cargo russe sospettate di trasportare il grano. L'allerta lanciata dagli Usa rafforza le accuse del governo ucraino secondo il quale Mosca ha rubato fino a 500 mila tonnellate di grano, per un valore di 100 milioni di dollari. Il grano sarebbe stato trasferito nei porti in Crimea e poi caricato sui cargo. (GUERRA IN UCRAINA. LO SPECIALE - GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - IL RACCONTO DEGLI INVIATI)

La crisi in Africa

leggi anche

Guerra Ucraina, Zelensky visita zone sott'attacco: "Fiducia e forza"

Secondo Washington, l'idea della Russia è quella di trarre profitto dal grano rubato vendendolo in Africa. I Paesi interessati si trovano così davanti a un dilemma: rifiutare il grano offerto dai russi a buon prezzo in un periodo in cui i costi si stanno impennando e migliaia di cittadini africani sofforno la fame, oppure accettare il grano ignorando l'avvertimento degli Stati Uniti. La seconda alternativa sarà quella per la quale, secondo alcuni esperti contattati dal New York Times, propenderanno la maggior parte di questi Paesi. Il gran numero di persone sull'orlo della carestia e la forte dipendenza dall'acquito di armi russe non lasceranno molte alternative: "Agli africani non importa da dove prendono il cibo - spiegano gli esperti -, il bisogno di sostentarsi è così urgente che non è qualcosa di cui devono discutere".

Mondo: I più letti