Guerra Ucraina, il viaggio di Sky TG24 a Borodyanka, città simbolo dell’avanzata russa

Mondo

Jacopo Arbarello

Il centro al Nord del Paese, situato nell'oblast' di Kiev e nel distretto di Buča, porta ancora i segni dell’occupazione delle forze militari di Mosca, fra macerie, grandi V disegnate dai soldati e la statua sfregiata di Taras Shevchenko

ascolta articolo

Cartoline da Borodyanka. La città che più di tutte intorno a Kiev ha il catalogo completo degli orrori della guerra ancora in esposizione, in carne viva (GUERRA IN UCRAINA, LO SPECIALE DI SKY TG24 – I REPORTAGE E LE DIRETTE DALL’UCRAINA).

 

I famosi palazzi residenziali sventrati ripresi dai droni nelle prime settimane dei combattimenti sono stati messi in sicurezza per permettere il passaggio delle persone. Ma restano tali e quali. Le macerie da cui sono stati estratti decine di cadaveri sono state tolte, adesso c'è solo una voragine. A quanto pare il governo starebbe pensando di lasciarli così, a perenne memoria dell'invasione russa.

 

A pochi metri bambini e ragazzi vanno in altalena o si spingono sulle giostre del parco giochi.

Borodyanka
Jacopo Arbarello

approfondimento

Guerra Ucraina, orrore a Borodyanka: “Duecento corpi sotto macerie”

A sfregio, per chi deve continuare a vivere qui, ovunque, sui negozi, sui tetti, sui muri, restano le piccole e grandi V disegnate dai soldati russi a testimonianza del proprio passaggio. 

 

Dal catalogo non manca nulla. Veicoli armati andati in fiamme, bombardamenti aerei, missili grad, colpi di artiglieria. Case in frantumi. Centri commerciali, palestre e negozi distrutti. E il quartier generale dove si era installato il comando russo che ha occupato la città, con tanto di trincea scavata a difendere la posizione. A Borodyanka tutto ricorda i giorni dell'occupazione.

Borodyanka
Jacopo Arbarello

approfondimento

Ucraina, Bucha alle prese con una difficile ricostruzione. VIDEO

Ed è arrivata anche la macchina della solidarietà per aiutare e dare una speranza a chi deve tornare a vivere qui. L'ufficio postale ad esempio è gravemente danneggiato, ma un gruppo di volontari ha già iniziato le riparazioni. Uno dei ragazzi ci fa vedere una casella postale dalle lamiere contorte: stanno recuperando le vecchie lettere rimaste e non spedite. Ci metteranno nuovi francobolli e le manderanno ai destinatari.

 

Dalla Polonia poi sono arrivati i primi moduli per le case provvisorie dove ospitare chi non ha più un tetto. Saranno pronti tra una settimana. Qui, vicino allo stadio, vivranno in 300.

Borodyanka
Jacopo Arbarello

approfondimento

Leopoli, il memoriale dei soldati sovietici è deserto e abbandonato

Prima di partire torniamo in piazza e troviamo un altro simbolo sfregiato. La statua del più grande poeta nazionale, Taras Shevchenko, il Dante Alighieri della lingua Ucraina, 7 anni passati nelle carceri russe e altri in esilio. I proiettili russi l’hanno colpita e danneggiata, ma non abbattuta, è ancora qui che guarda lo scempio compiuto dagli invasori.

Borodyanka
Jacopo Arbarello

Mondo: I più letti