Russia, media: “Putin ha un cancro alla tiroide”. Cremlino smentisce

Mondo

“Vi mostriamo l'elenco dei medici che accompagnano il presidente nei suoi viaggi”, si legge nell'articolo. I medici — tra cui Alexei Shcheglov, Yaroslav Protasenko e Yevgeny Selivanov — avrebbero visitato in passato il presidente russo per un lungo periodo. Il portavoce del Cremlino Dmytry Peskov, secondo quanto riporta la Prdavda Russa, ha detto che il fatto non è vero

ascolta articolo

Trentacinque visite mediche da parte dell’endocrinolgo del Central Clinical Hospital di Mosca Yevgeny Selivanov. Il leader del Cremlino, secondo quanto pubblicato da Proekt (media russo indipendente specializzato in giornalismo investigativo) avrebbe un “cancro alla tiroide”. “Vi mostriamo l'elenco dei medici che accompagnano il presidente nei suoi viaggi”, si legge nell'articolo. I medici — tra cui Alexei Shcheglov, Yaroslav Protasenko e Yevgeny Selivanov — avrebbero visitato in passato Putin per un lungo periodo, quando “apparentemente aveva problemi alla schiena”, e in tempi più recenti lo zar avrebbe chiesto il supporto di “uno specialista in cancro alla tiroide che è andato a trovarlo 35 volte a Sochi”. Immediata la smentita del Cremlino (GUERRA IN UCRAINA, il liveblog - lo Speciale).

 

 

L'inchiesta

approfondimento

Ashurkov a Sky TG24: “Putin cadrà. Presto cambio di regime in Russia”

"Dall'inizio del primo mandato di Putin, il Cremlino iniziò a nascondere informazioni sulla salute dell'allora giovane presidente, anche quando cadde da cavallo, ferendosi alla schiena", si legge nella lunga inchiesta. "L'anziano Putin è ora accompagnato da un vasto team di medici, tra cui un chirurgo specializzato in cancro alla tiroide", spiega Proekt. Il sito pubblica anche un elenco di occasioni in cui il prsidente russo, si pensa per motivi di salute, è stato costretto a rinunciare a viaggi di lavoro, incontri o commemorazioni 

Pallore e gonfiore

approfondimento

Ucraina, l’ipotesi del Nyt: “Putin non vuole conquistare il Paese”

Gli 007 del gruppo Five Eyes (alleanza di sorveglianza che comprende Australia, Canada, Nuova Zelanda, Regno Unito e Stati Uniti) avevano già notato uno “strano pallore e un gonfiore sospetto, soprattutto del collo e del viso” abbozzando la possibilità che il presidente russo soffrisse di una patologia grave che richiedeva l’utilizzo di steroidi e l’assunzione di farmaci anti-cancro. Una fonte anonima aveva anche riferito al Mail di “un cambiamento nel suo processo decisionale negli ultimi cinque anni circa”.

Mondo: I più letti