Guerra in Ucraina, la Turchia: Mosca e Kiev sono vicine a un accordo

Mondo
©Ansa

Ankara ha assicurato che i due paesi hanno compiuto progressi nei negoziati per porre fine all'invasione e sono vicine ad un'intesa. Intanto l'ambasciatrice americana all'Onu Linda Thomas-Greenfield ha escluso che gli Stati Uniti parteciperanno a un'eventuale missione di peacekeeping in Ucraina

ascolta articolo

Potrebbe esserci una svolta per la soluzione della guerra tra Russia e Ucraina (AGGIORNAMENTI LIVE - SPECIALE - VIDEO). La Turchia ha assicurato che i due Paesi hanno compiuto progressi nei negoziati per porre fine all'invasione e sono vicine ad un accordo. "Certo, non è facile arrivare a un'intesa mentre la guerra è in corso, i civili vengono uccisi, ma vorremmo dire che lo slancio negoziale sta progredendo", ha detto il ministro degli Esteri Mevlut Cavusoglu. Il quale ha anche aggiunto: "Vediamo che le parti sono vicine a un accordo. Ankara è in contatto con i team dei negoziatori dei due paesi". Il ministro  non ha voluto dare i dettagli sui colloqui perché - ha puntualizzato -"stiamo svolgendo il ruolo di mediatori e facilitatori".

Il ruolo della Turchia nella guerra

approfondimento

Ucraina, possibile incontro tra Putin e Zelensky in Turchia

Cavusoglu è stato in Russia e in Ucraina questa settimana. La Turchia, membro della Nato, sta intensificando gli sforzi di mediazione tra Mosca e Kiev e ha rifiutato di allinearsi alle sanzioni occidentali contro la Russia. Le autorità turche, mantenendo i contatti con le due parti, la scorsa settimana hanno accolto ad Antalya i ministri degli Esteri russo e ucraino Serghiei Lavrov e Dmytro Kuleba per il loro primo incontro dall'inizio del conflitto.

6 i punti del negoziato

approfondimento

Ucraina, Vaticano si offre come mediatore per negoziato. VIDEO

In un'intervista al quotidiano Hurriyet, il portavoce presidenziale turco Ibrahim Kalin ha spiegato che le parti stanno negoziando su sei punti: la neutralità dell'Ucraina, il disarmo e le garanzie di sicurezza, la cosiddetta "denazificazione", la rimozione degli ostacoli all'uso della lingua russa in Ucraina, lo status della regione separatista del Donbass e della Crimea, annessa dalla Russia nel 2014.

Usa non parteciperanno a missione di Pace in Ucraina

Intanto l'ambasciatrice americana all'Onu Linda Thomas-Greenfield ha escluso che gli Stati Uniti partecipino ad un eventuale missione di peacekeeping in Ucraina. "Il presidente è stato molto chiaro sul fatto che non schiereremo truppe americane in Ucraina. Non vogliamo che la situazione degeneri in una guerra per gli Usa. Ma sosterremo i nostri alleati della Nato" ha detto la diplomatica rispondendo sul tema alla Cnn. Poi ha aggiunto:" Abbiamo soldati, come sapete, nei paesi della Nato, e il presidente ha chiarito che se ci sarà un attacco contro uno qualsiasi dei nostri alleati, ai sensi dell'articolo V, li sosterremo e li difenderemo". 

Mondo: I più letti