Vaccino anti-Covid, Ue: possibile via libera a Moderna e Pfizer entro fine anno

Mondo

Lo ha comunicato la presidente della commissione europea Ursula Von der Leyen alla fine della videoconferenza con i leader dell'Ue. Sarà compito dell'Ema autorizzarne la commercializzazione. In merito alle restrizioni per contenere i contagi, serve allentare le misure seguendo "un approccio graduale e coordinato per evitare il rischio di un'altra ondata". E per quanto riguarda i test rapidi, "la loro sensibilità deve essere sopra l'80%"

L'agenzia europea per i farmaci (Ema) potrebbe dare l'autorizzazione alla commercializzazione dei vaccini di BioNTech-Pfizer e Moderna nella seconda metà di dicembre, "se tutto procederà senza problemi". Lo ha comunicato la presidente della commissione europea Ursula Von der Leyen alla fine della videoconferenza con i leader Ue (COVID, GLI AGGIORNAMENTI - LO SPECIALE - IL VERTICE UE).

"Allentare le restrizioni in modo graduale"

leggi anche

Covid, Arcuri: "Vaccino a gran parte popolazione entro settembre 2021"

"Abbiamo appreso dall'esperienza di questa estate che uscire da un'ondata è difficile, e se si è troppo frettolosi nell'allentare le misure c'è un impatto molto negativo sulla situazione epidemiologica. Dobbiamo gestire le cose adeguatamente", ha evidenziato Von der Leyen. "Faremo una proposta per un approccio graduale e coordinato per l'allentamento delle misure di contenimento, questo per evitare il rischio che ci sia un'ulteriore ondata", ha continuato la presidente della Commissione europea, precisando che si sta "lavorando a una campagna di vaccinazione, sostenendo gli Stati membri per quanto riguarda l'importanza dei vaccini. Significa proteggersi, è una questione di solidarietà".

"Non abbiamo discusso del vaccino russo"

approfondimento

Coronavirus, Lancet: il vaccino russo Sputnik V produce anticorpi

Von der Leyen ha aggiunto che i leader Ue non hanno discusso del vaccino russo Sputnik V. "Sappiamo che la vaccinazione è questione di sicurezza e fiducia", che sussiste "solo quando applichiamo il principio di trasparenza. È fondamentale che ogni vaccino utilizzato segua il processo di approvazione presso l'Ema".

Test rapidi, necessaria "sensibilità sopra l'80%"

approfondimento

Covid, il piano Arcuri per il vaccino Pfizer: prima ad ospedali ed Rsa

Sui test rapidi, Von der Leyen ha dichiarato che "è importante che abbiano una sensibilità sopra l'80%. Se ci sono cinque persone contagiate, almeno quattro devono essere individuate". La presidente della Commissione europea ha ricordato che "ci sono tanti tipi di test sul mercato", e dunque bisogna "stabilire un quadro europeo per la convalida", selezionando quelli più efficienti. "I test rapidi sono molto interessanti per gestire focolai o monitorare regolarmente gruppi ad alto rischio, per esempio prima del ricovero in ospedale, o per controllare persone asintomatiche. Possono essere utili quando c'è un'alta prevalenza di persone contagiate", anche se "naturalmente il Pcr è sempre il migliore, ma è più costoso e ha bisogno di capacità di laboratorio e tempo".

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.