Premio Nobel per la Letteratura 2020, vince Louise Glück: "Voce poetica universale"

Mondo
louise_gluck_twitter

La poetessa e scrittrice americana si aggiudica questa edizione del premio per "la sua inconfondibile voce poetica che con austera bellezza rende universale l'esistenza individuale". Si tratta della seconda assegnazione dopo la sospensione del 2018 a causa dello scandalo sessuale che ha colpito l'istituzione svedese. Lo scorso anno a vincere fu Peter Handke ma nell’edizione del 2019 è stata premiata anche la polacca Olga Tokarczuk vista la mancata cerimonia dell’anno precedente

È la poetessa e scrittrice americana Louise Glück a vincere l'edizione 2020 del Premio Nobel per la Letteratura grazie alla "sua inconfondibile voce poetica che con austera bellezza rende universale l'esistenza individuale". Si tratta della seconda cerimonia dopo la sospensione del 2018 a causa dello scandalo sessuale che ha colpito l'istituzione svedese. Assieme a quello per la Pace, il premio Nobel per la Letteratura è da sempre quello più seguito, circondato da attenzione e polemiche ogni anno (LA LISTA COMPLETA DEI PREMI NOBEL 2020). 

Chi è la vincitrice Louise Glück

approfondimento

Olga Tokarczuk, chi è la vincitrice del Nobel per la Letteratura 2018

Louise Glück, 77 anni, nata a New York, è considerata una delle più importanti ed influenti poetesse contemporanee. Per lei c’è anche un premio Pulitzer della poesia vinto nel 1993 con la raccolta di poesie L’iris selvatico. In carriera è autrice di 12 raccolte di poesie, oltre a varie raccolte di saggi di critica letteraria. Nel 2014 ha vinto il National Book Award, un altro importante premio letterario americano.

I favoriti battuti da Louise Glück

approfondimento

Premio Nobel per la Letteratura, gli italiani che lo hanno vinto

Louise Glück batte dunque gli altri favoriti, che quest'anno erano la francese Maryse Condé, la russa Liudmila Oulitskaia, la canadese Margaret Atwood e il giapponese Murakami Haruki. Ma gli esperti avevano citato anche l'americana-caraibica Jamaica Kincaid, il keniota Ngugiwa Thiongo, la poetessa canadese Anne Carson, l'ungherese Peter Nadas o il francese Michel Houellebecq.

Lo scandalo del 2018 e la doppia assegnazione del 2019

approfondimento

Chi è Peter Handke, vincitore del premio Nobel per la Letteratura 2019

A fine 2017, in pieno periodo "Me too", l'accademia svedese era stata colpita dallo scandalo che ha coinvolto il francese Claude Arnault, marito di un'accademica e personalità influente della scena culturale svedese, che sarebbe stato condannato per violenza sessuale. Si è trattato di un episodio inaudito in un Paese considerato trasparente, moderno e attento alla parità di genere. Per questa ragione la cerimonia del 2018 è stata cancellata e così nel 2019 ad essere premiati sono stati la  polacca Olga Tokarczuk e l'austriaco Peter Handke rispettivamente per gli anni 2018 e 2019. La vittoria di Peter Handke, inoltre, suscitò forti critiche per le sue prese di posizione a favore dell'ex dittatore serbo Slobodan Milosevic. 

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.