Usa 2020, storica nomination Harris a vice Biden. Obama a Trump: "Presidenza come reality"

Mondo

Nella convention democratica in vista delle elezioni, la senatrice di origini afroamericane e indiane ha ricordato: "I fallimenti di Trump sono costati vite umane". Critico con l'attuale amministrazione anche Obama:  il presidente "non ha mostrato alcun interesse nel mettersi al lavoro". Immediata la replica del tycoon: "Lui è stato un presidente terribile"

Kamala Harris è entrata nella storia: durante la terza serata della convention democratica per le elezioni Usa 2020 ha accettato la nomination per la vicepresidenza, diventando così la prima donna di origini afroamericane e indiane in questo ruolo. "Possiamo cambiare il corso della storia", ha detto, ricordando che il Paese è a un "punto di svolta" e merita di fare meglio dopo i quattro anni di "caos", "incompetenza" e "insensibilità“ di Donald Trump (GLI INTERVENTI DURANTE LA CONVENTION - GLI ULTIMI SONDAGGI).

L'appello di Harris all'unità 

approfondimento

Convention dem Usa, Biden conquista la nomination per la Casa Bianca

"Abbiamo un presidente che trasforma le tragedie in armi politiche. Il fallimento  della leadership di Donald Trump ci è costato vite e posti di lavoro", ha incalzato Harris. La senatrice ha poi fatto appello all'unità e alle minoranze, quelle che servono a Joe Biden per vincere: “Dobbiamo eleggere un presidente che ci unisca tutti, afroamericani,  bianchi, latinos, asiatici, nativi americani, per conquistare il futuro che vogliamo collettivamente".

Obama contro Trump: "Presidenza come reality show"

Durante la Convention, prima di Harris, è intervenuto anche l’ex presidente Barack Obama che, a sua volta, ha attaccato Trump: "Speravo che potesse mostrare qualche interesse nel prendere sul serio la carica, che potesse arrivare a sentire il peso dell'ufficio e scoprire qualche riverenza per la democrazia affidata alle sue cure ma non lo ha mai fatto", ha esordito. "Trump non ha mostrato alcun interesse nel mettersi al lavoro, nel trovare un terreno comune, nell'usare l'eccezionale potere del suo ufficio per aiutare qualcuno tranne se stesso e i suoi amici. Nessun interesse nel trattare la presidenza se non come un altro reality show". “Le conseguenze di questo fallimento sono gravi:  170 mila americani morti, milioni di posti di lavoro persi, i nostri peggiori istinti liberati, la nostra orgogliosa  reputazione nel mondo compromessa e le nostre istituzioni democratiche minacciate come mai prima”, ha continuato Obama. Infine, un omaggio al suo ex vice: "Joe ha il carattere e l'esperienza per renderci un Paese migliore,  mi ha reso un presidente migliore e per me è come un fratello".

La replica di Trump

approfondimento

Usa 2020, video di Kamala Harris: “Ora l'America ha bisogno di azione”

A strettissimo giro è però arrivata la replica di Trump, anche su Twitter, che ha definito Obama un "presidente orribile" e "corrotto", e ha chiesto "perché si è rifiutato di appoggiare 'slow Joe' fino alla fine?”. Mentre ad Harris il tycoon ha ricordato che durante le primarie aveva chiamato Biden "razzista".

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.