Usa 2020, è il giorno di Kamala Harris. Sul palco anche Barack Obama e Hillary Clinton

Mondo
©Ansa

Dopo l’ufficialità della candidatura per Joe Biden, ora tocca alla senatrice californiana accettare la nomination a vicepresidente. Previsti interventi anche dell’ex presidente (che parla dal Museo della Rivoluzione a Philadelphia), dell’ex Segretaria di Stato, di Elizabeth Warren e Nancy Pelosi. Intanto LeBron James annuncia che farà campagna per Biden

La convention dem in vista delle elezioni presidenziali Usa 2020, dopo l’ufficialità della candidatura per Joe Biden, vive il "Kamala Harris day". La senatrice californiana accetterà la nomination a vicepresidente, facendo la storia come prima donna di origine afroamericana e indiana nominata per ricoprire questo incarico (GLI ULTIMI SONDAGGI). La seconda star più attesa della terza giornata è Barack Obama, la figura maggiormente popolare nel partito e nel Paese insieme alla moglie Michelle, che finora ha tenuto il discorso più potente e appassionato della kermesse.

Sul palco anche Hillary Clinton

Sul palco virtuale salirà anche l'ex segretaria di Stato ed ex candidata presidenziale Hillary Clinton, all'indomani dell'intervento del marito Bill: il suo sarà un ritorno agrodolce, tra i rimpianti della sconfitta del 2016 e la voglia di rivincita alle prossime elezioni tramite Joe Biden uno che sa "come rimarginare le ferite, unire e guidare il Paese", secondo le parole dell'ex segretaria di Stato, stando alle anticipazioni di un discorso in cui Clinton rivolgerà anche un accorato appello al voto: "Andate a votare a prescindere da tutto. Votate come se ci fossero in gioco le vostre vite, perché lo sono".  Tra i big inoltre la senatrice progressista ed ex candidata presidenziale Elizabeth Warren, che ha già lanciato un appello all'unità per sconfiggere Donald Trump, e la speaker della Camera Nancy Pelosi.

Il discorso di Kamala

leggi anche

Usa 2020, video di Kamala Harris: “Ora l'America ha bisogno di azione”

Kamala Harris si cimenta con quello che è il discorso politico più importante e difficile della sua carriera: deve mettere sotto accusa Donald Trump, illuminare l'immagine del 'vecchio Joe', attrarre i voti delle donne e delle minoranze ma soprattutto conquistare gli elettori più progressisti ancora scettici anche su di lei e sul suo passato da procuratrice generale della California. Solo così può accreditarsi, in caso di vittoria, come la futura leader del partito per la Casa Bianca, evitando la fronda ideologica e generazionale di una sinistra che scalpita contro la vecchia guardia di leader ultrasettantenni e l'apertura a repubblicani come John Kasich o come Colin Powell. La Harris, pur essendo una moderata, si è già spostata verso i liberal sponsorizzando dopo la morte di George Floyd la riforma della polizia e sostenendo le proteste razziali.

Obama interviene alla convention dal Museo della Rivoluzione 

leggi anche

Usa, Trump attacca Michelle Obama: "Torna a sederti e guarda"

Barack Obama parlerà alla convention democratica dal Museo dell'American Revolution di Philadelphia. Lo riporta la Cnn citando alcune fonti, secondo le quali con la scelta l'ex presidente vuole mettere l'accento sul fatto che alle elezioni c'è in gioco la democrazia. Nel discorso di Obama, secondo le anticipazioni dei media Usa, è previsto un attacco a Donald Trump e al suo tentativo di scoraggiare e sabotare il voto per posta, che dovrebbe definire una mossa “cinica". L'ex presidente dovrebbe inoltre parlare in termini più personali del suo ex vice Joe Biden, sostenendo che ha "l'esperienza e il carattere" per guidare il Paese in questo momento di crisi riportando normalità e decoro alla Casa Bianca dopo gli anni del tycoon. 

LeBron James farà campagna per Biden, "Cambiamento"

leggi anche

Convention dem Usa, Biden conquista la nomination per la Casa Bianca

Intanto la star del basket Nba LeBron James ha annunciato che entrerà ufficialmente a far parte del team di Joe Biden e farà attivamente campagna per l'ex vice presidente Usa e per Kamala Harris per sconfiggere Donald Trump alle elezioni presidenziali. "Siamo in un momento in cui abbiamo bisogno di un cambiamento", ha detto LeBron. "Il cambiamento è tutta una questione di leadership e la leadership inizia dall'alto", ha aggiunto. LeBron ha sostenuto Hillary Clinton durante la sua campagna presidenziale del 2016, anche in una apparizione con l’ex segretario di Stato sul palco di un evento in Ohio.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.