Esplosione a Beirut, Papa Francesco: “Tragedia e dolore, prego per il Libano"

Mondo

Molte le offerte di aiuto dopo le forti detonazioni che hanno interessato la capitale del Paese. Trump: "Aiuteremo i libanesi". Conte: "L'Italia farà tutto il possibile". La Francia invia medici e materiale sanitario, domani Macron sarà in Libano. Merkel: "Offriremo il nostro sostegno". L'Ue attiva la protezione civile: "Pronti a dare assistenza e sostegno" 

Dopo le esplosioni che hanno scosso Beirut il 4 agosto, causando almeno 100 morti, sono state molte le reazioni a livello internazionale di vicinanza al Libano. "Preghiamo per le vittime e per i loro familiari, e preghiamo per il Libano, perchè  con l'impegno di tutte le sue componenti sociali politiche e religiose possa affrontare questo momento così tragico e doloroso", ha detto papa Francesco, nell'udienza generale. Supporto arriva anche dagli Usa, con Donald Trump che, però, ha sottolineato che le detonazioni “assomigliano ad un terribile attentato” (FOTO - VIDEO). Anche la Cancelliera tedesca Merkel ha garantito che la Germania offrirà il suo sostegno (LA CITTÀ IL GIORNO DOPO: FOTO). Mentre il presidente francese Macron domani volerà in Libano. L'Unione europea a sua volta ha assicurato che è pronta a dare "assistenza e sostegno", attraverso un tweet del presidente del Consiglio europeo Charles Michel.

Trump: "Sembra che non sia un incidente"

approfondimento

Esplosioni Beirut, ferito anche un militare italiano

Sull’origine delle esplosioni - che per le autorità libanesi sono dovute a un incendio in un deposito dove erano immagazzinate 2.750 tonnellate di nitrato di ammonio - il tycoon ha spiegato che alcuni dirigenti militari Usa pensano che si tratti di un attacco, una bomba di qualche tipo. "Ho incontrato i nostri generali e sembra che non sia un incidente industriale”, ha aggiunto Trump.

Conte: "Italia farà tutto il possibile". Mattarella: "Affetto a libanesi"

Solidarietà a Beirut è arrivata anche dall’Italia, con il premier Giuseppe Conte che ha fatto sapere: "Le terribili immagini che arrivano da Beirut descrivono solo in parte il dolore che sta vivendo il popolo libanese. L'Italia farà tutto quel che le è possibile per sostenerlo. Con la Farnesina e il ministero della Difesa stiamo monitorando la situazione dei nostri connazionali”.  Inoltre, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha inviato al presidente libanese  Aoun un messaggio in cui sottolinea: "In questa dolorosa circostanza ci stringiamo con affetto all'amico popolo Libanese. Il nostro pensiero va alle numerosissime vittime della tragedia e alle loro famiglie, mentre con viva speranza auguriamo ai feriti una pronta e completa guarigione".

Gli aiuti internazionali

vedi anche

Beirut, doppia esplosione fortissima al porto. VIDEO

Molti anche gli aiuti che sono stati subito predisposti per il Libano. La Francia invierà un distaccamento di sicurezza civile e "diverse tonnellate di materiale sanitario" a Beirut, come ha annunciato il presidente francese Emmanuel Macron su Twitter. Macron il 6 agosto sarà proprio in Libano, per incontrare "l'insieme dei politici locali". Anche Israele ha offerto aiuto al governo libanese - attraverso intermediari internazionali - dicendo di essere prondo a dare "aiuti umanitari e medici e immediata assistenza di emergenza".

Ue attiva protezione civile

Intanto, l' Ue ha attivato il meccanismo di protezione civile, in seguito alla richiesta delle autorità libanesi, e coordinerà l'invio urgente di 100 pompieri altamente qualificati, con veicoli, cani ed attrezzature specializzati nella ricerca e salvataggio in zone urbane. "Lavoreranno con le autorità libanesi per salvare vite", ha detto il commissario alla gestione delle crisi, Janez Lenarcic. 

Mondo: I più letti