Coronavirus, negli Usa 65mila contagi in 24 ore. Bolivia, positiva la presidente Anez

Mondo

Non si ferma la pandemia negli Stati Uniti: oltre 65mila nuovi contagi in un giorno. In America Latina positivi la presidente ad interim boliviana Jeanine Anez e il numero due del Venezuela chavista, Diosdado Cabello. Russia annuncia risultati positivi dei trial clinici sul vaccino. In un controllo le Dogane cinesi hanno rilevato presenza di contagio su confezioni di gamberi bianchi dall'Ecuador. Fine dell'obbligo di quarantena in Uk per le persone in arrivo o in rientro da molti Stati. In Siria primo caso a Idlib

La pandemia da coronavirus (GLI AGGIORNAMENTI LIVE - LO SPECIALE) non si arresta in diverse zone del mondo. Negli Usa si è registrato un nuovo record di contagi: oltre 65 mila in 24 ore secondo i dati della Johns Hopkins University. In totale i casi sono 3,11 milioni, le vittime oltre 133 mila. Intanto in America Latina sono risultati positivi la presidente ad interim della Bolivia, Jeanine Anez, e il numero due del Venezuela chavista, Diosdado Cabello. La Russia annuncia risultati positivi dei trial clinici sul vaccino.  In un controllo di routine le Dogane cinesi hanno rilevato la presenza di un contagio da coronavirus sulle confezioni di gamberi bianchi congelati arrivati dall'Ecuador. Fine dell'obbligo di quarantena in vigore da oggi nel Regno Unito per tutte le persone in arrivo o in rientro da decine di Paesi, inclusa l'Italia. Mentre in Siria, riporta il Guardian, è stato confermato un primo caso di coronavirus nella provincia di Idlib.

Bolivia: presidente Jeanine Anez positiva

leggi anche

Coronavirus, quando Bolsonaro parlava di “influenzetta”. VIDEO

La presidente ad interim della Bolivia, Jeanine Anez, ha rivelato di essere risultata positiva ad un test del Covid-19 e di essersi immediatamente posta in isolamento. In un video diffuso attraverso le reti sociali Anez, insediatasi il 12 novembre 2019 dopo le dimissioni di Evo Morales, ha sottolineato che "con tutti i miei collaboratori abbiamo lavorato a favore delle famiglie dei boliviani per un lungo periodo, e siccome molti di loro sono risultati positivi, mi sono sottoposta ad un test che ha confermato che anche io lo sono". "Adesso - ha aggiunto - resterò in quarantena per 14 giorni e poi vedremo quali saranno le mie condizioni". Anez è il secondo capo dello Stato contagiato in America Latina dopo il brasiliano Jair Bolsonaro. Negli ultimi giorni i media boliviani avevano confermato che almeno tre ministri (Presidenza, Sanità e Miniere) erano risultati positivi al coronavirus. 

Venezuela: numero due chavismo positivo a test

approfondimento

Coronavirus, dal primo caso ai contagi: le tappe. FOTO

Anche Diosdado Cabello, considerato il numero due del chavismo in Venezuela, ha confermato di essere risultato positivo al test per il coronavirus. "Cari compagni e compagne, vi informo che dopo aver realizzato i test corrispondenti, sono risultato positivo a Covid-19", ha riferito sul social network Twitter. Cabello, primo vicepresidente del Partito socialista unito del Venezuela (Psuv) al potere e presidente dell'Assemblea nazionale costituente chavista, ha affermato di essere "già in isolamento, sottoposto al trattamento indicato" per la malattia. "Vinceremo", ha dichiarato. Anche il presidente Nicolas Maduro ha confermato che Cabello è risultato positivo al coronavirus, riportando che "è già in cura, è a riposo e sta bene" e trasmettendogli "tutta la solidarietà e positività, il Venezuela è con Diosdado".

Nuovo record di contagi in Messico

vedi anche

Coronavirus, Giappone: sconsigliato urlare sulle montagne russe. FOTO

Il Messico ha registrato un nuovo record giornaliero di contagi da Covid-19, con 7.280 nuovi casi nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Con questi, il totale dei casi accertati in Messico dal 28 febbraio ad oggi è di 282.283, 33.526 i decessi poiché il primo caso è stato registrato nel paese il 28 febbraio. Il numero di nuovi decessi nelle ultime 24 ore è 730. Tuttavia, nonostante il record di casi in una sola giornata, le autorità sanitarie rilevano che la tendenza generale è al ribasso sia per per contagi che per i decessi, nonostante le riaperture in atto dal mese scorso.

Russia: volontari immuni dopo trial vaccino

Intanto I trial clinici sul vaccino anti Covid-19 effettuati in Russia su un gruppo di volontari hanno rivelato immunità al coronavirus: lo ha annunciato il ministero della Difesa russo, secondo quanto riportato dalla Tass. "I dati ottenuti dal Gamalei National Research Center for Epidemiology and Microbiology - ha annunciato il ministero - dimostrano che i volontari del primo e del secondo gruppo stanno formando una risposta immunitaria dopo l'inoculazione del vaccino contro il coronavirus". Il ministero ha anche riferito che i medici dell'ospedale militare di Burdenko effettuano regolarmente esami per monitorare le condizioni di salute dei volontari e non risulta che abbiano manifestato alcun effetto collaterale. Lo stesso ministero aveva annunciato all'inizio di giugno l'avvio di trial clinici su due gruppi di volontari: il primo gruppo era composta da 50 militari, tra cui cinque donne e dieci medici. Il secondo gruppo era composto da civili.

A Hong Kong scuole chiuse da lunedì 

vedi anche

Coronavirus, esperti invitano l'Oms a rivedere le regole. FOTO

Il governo di Hong Kong ha deciso di anticipare a lunedì prossimo la chiusura delle scuole per la pausa estiva nell'ex colonia britannica a causa di una nuova fiammata di casi di coronavirus: lo ha reso noto il ministro dell'Istruzione, Kevin Yeung. Ieri nella metropoli sono stati registrati 34 contagi trasmessi a livello locale.

Cina, Covid-19 su scatole di gamberi da Ecuador

leggi anche

Polmonite sconosciuta in Kazakistan, ministero della Salute smentisce

In un controllo di routine le Dogane cinesi hanno rilevato la presenza di un contagio da coronavirus sulle confezioni di gamberi bianchi congelati arrivati dall'Ecuador, riferisce il Quotidiano del Popolo di Pechino. In una conferenza stampa del Meccanismo congiunto di prevenzione e controllo dei rischi di epidemie, precisa il giornale, i responsabili hanno confermato che il 3 luglio scorso, nella dogana di Dalian è stata rilevata la presenza di Covid-19 nella parete interna di tre campioni di imballaggi esterni di gamberi bianchi congelati prodotti da imprese dell'Ecuador. Come risultato di quanto accaduto, e con l'obiettivo di proteggere la salute dei consumatori, l'Amministrazione generale delle Dogane cinesi ha deciso di "cancellare la registrazione delle tre imprese ecuadoriane coinvolte, sospendendo l'importazione e l'esportazione dei prodotti di queste imprese e adottando misure per restituire, o distruggere, i prodotti temporaneamente bloccati".

Da oggi viaggi e rientri in Gb senza quarantena

Fine dell'obbligo di quarantena in vigore da oggi nel Regno Unito per tutte le persone in arrivo o in rientro da decine di Paesi, inclusa l'Italia. La revoca della misura, il cui annuncio era stato formalizzato una settimana fa dal ministero dei Trasporti con grande sollievo delle compagnie aeree e il turismo, mette fine per i viaggiatori di una lista di nazioni, indicate in questa fase come "a basso rischio" d'importazione di contagi da coronavirus, all'isolamento obbligatorio di 14 giorni imposto dal governo di Boris Johnson a tutti i visitatori - salvo limitatissime eccezioni per alcune categorie come diplomatici o trasportatori di generi essenziali - dall'8 giugno. La lista degli Stati di provenienza esentati, inizialmente 59, si è nel frattempo allungata a 75. Restano però esclusi, e quindi soggetti alla quarantena, Paesi come Usa, Cina, Russia, India, Brasile, Canada e, in Europa, Svezia o Portogallo. La Spagna, inserita in origine, è stata tagliata fuori dalle sole autorità locali della Scozia.

Siria, primo caso a Idlib

Il Guardian ha riferito che nella provincia di Idlib, in Siria - una delle ultime enclave ancora sotto i ribelli contro il governo di Assad - si aspettano un aumento dei casi di coronavirus, dopo che è stato registrato il primo contagio: si tratta di un medico che lavora all'ospedale Bab al-Hawa. I medici e chi è entrato in contatto con lui sono stati testati e si sono autoisolati, mentre l’ospedale è temporaneamente chiuso. Lo scoppio dell’epidemia nella Regione è molto temuto, visto che almeno 1,1 milioni di persone vivono in tende e alloggi di fortuna e il sistema sanitario è molto precario.

Mondo: I più letti