Coronavirus Usa: oltre 1,5 mln di casi. Trump: "Primato contagi è un onore, test migliori"

Mondo
©Ansa

Secondo il presidente, il fatto che gli Stati Uniti siano il primo Paese per numero di casi è “un distintivo d'onore, perché significa che i nostri test sono molto meglio”. Poi attacca Nancy Pelosi che lo ha criticato per l'uso dell'idrossiclorochina: "È una donna con problemi mentali". E rilancia: "G7 a giugno a Camp David come previsto". I Dem: contagi rappresentano “un completo fallimento”. I decessi sono quasi 92mila

Gli Stati Uniti hanno il più alto numero di casi di coronavirus al mondo. Un dato che, secondo Donald Trump, è “in un certo senso una buona cosa”. “Lo vedo come un distintivo d'onore, perché significa che i nostri test sono molto meglio”, ha detto il presidente Usa. Il presidente, su Twitter, è poi tornato ad accusare la Cina di aver creato il virus in laboratorio: "Ha provocato una strage mondiale". Nel Paese, secondo i dati elaborati dalla Johns Hopkins University al 20 maggio, i casi ufficiali di Covid-19 sono oltre 1.520.000 e i decessi più di 91.900 (AGGIORNAMENTI LIVE - SPECIALE). Tra le città più colpite c'è New York, mentre in altre l'emergenza riguarda la gestione delle migliaia di senzatetto (nel video in alto, la situazione a San Francisco).

Trump: numero contagi “un onore”. Dem: un “fallimento”

approfondimento

Coronavirus, Oms: inchiesta su gestione pandemia al momento opportuno

Trump (LA FOTOSTORIA), parlando con i giornalisti dopo la prima riunione di gabinetto alla Casa Bianca dall'inizio della pandemia, ha sostenuto che aver registrato un così alto numero di contagi “è un grande tributo ai test e a tutto il lavoro svolto da molti professionisti”. Secondo il Centers for Disease Control, gli Stati Uniti hanno condotto fino a martedì 12,6 milioni di test di coronavirus. Critiche al presidente Usa sono arrivate dal Comitato nazionale Democratico. I dem - riporta la Bbc - hanno ribattuto che il milione e mezzo di casi registrati nel Paese rappresentano "un completo fallimento della leadership".

La difesa dell’idrossiclorochina

approfondimento

Coronavirus, dal primo caso ai contagi: le tappe. FOTO

Trump, che non ha escluso restrizioni o un divieto per i viaggi dal Brasile (Paese in cui i casi sono in forte aumento - LA MAPPA), è tornato a parlare anche di idrossiclorochina. Negli scorsi giorni, il presidente ha svelato di prenderne una pasticca al giorno per prevenire il contagio e questo ha provocato polemiche, visto che l’efficacia del farmaco non è verificata. “Studi da Italia, Francia e Spagna, ma molti medici, hanno detto" che l'idrossiclorochina è sicura: è usata da molti di coloro che sono in prima linea contro il coronavirus, ha detto Trump. E ha ricordato che il farmaco è in circolazione da 70 anni.

Trump: “Pelosi è una donna malata, con problemi mentali"

Sul tema dell'idrossiclorochina, ha poi attaccato la speaker della Camera Nancy Pelosi che lo ha criticato per l’uso del farmaco a causa della sua età e del suo peso eccessivo. Il presidente l’ha definita una "donna malata, con problemi mentali. Non le rispondo, credo sia una perdita di tempo". Poi ha spiegato di aver consultato il medico della Casa Bianca, Sean Conley, e ha detto che entrambi hanno determinato che "i potenziali benefici del trattamento superano i relativi rischi". Pelosi aveva dichiarato: "È il nostro presidente e preferirei che non prendesse qualcosa che non è stato approvato dagli scienziati, specialmente nella sua fascia d'età e, come dire, di peso... è patologicamente obeso".

"G7 a Camp David come previsto, non in videocall"

Il tycoon auspica poi che il G7 a presidenza Usa si svolga a giugno come previsto originariamente a Camp David, con tutti leader seduti attorno al tavolo e non in videoconferenza. "Ora che il nostro Paese sta tornando alla grandezza sto pensando di riprogrammare il meeting nella stessa data o in una data simile", ha scritto il presidente statunitense su Twitter. "Anche gli altri membri stanno cominciando a tornare sulla scena. Sarebbe un gran segnale per tutti, normalità!".

Negli Usa 1.500 morti nelle ultime 24 ore

Intanto, nelle ultime 24 ore negli Stati Uniti ci sono stati altri 1.500 morti legate al coronavirus. I casi registrati, nell’ultimo giorno, sono stati 20.260.

Mondo: I più letti