Coronavirus, in Lombardia fatti oltre 27mila tamponi: 337 i nuovi casi

Lombardia
©Ansa

Con il record di tamponi effettuati, 27.324, sono in aumento anche i contagi in Lombardia con 337 nuovi casi. Sono invece sei i decessi

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Lombardia

 

Con il record di tamponi effettuati, 27.324, sono in aumento anche i contagi in Lombardia: i nuovi casi sono infatti 337, mentre ieri erano 228, e il rapporto tra il numero dei nuovi tamponi e i positivi riscontrati è pari all'1,23%. Sono sei i decessi per un totale di 16.876 morti in regione. C'è un paziente in meno ricoverato in terapia intensiva. (CORONAVIRUS: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA)
Durante la notte l'ex premier Silvio Berlusconi è stato ricoverato a Milano per un inizio di polmonite bilaterale, diagnosi emersa dalla tac a cui è stato sottoposto e che ha portato ad un ricovero precauzionale (LA SUITE AL SAN RAFFAELE - FOTO).

A Codogno, invece, il paziente 1 domani giocherà una partita di calcio in un triangolare organizzato in occasione del raduno di oltre 120 sindaci.

Intanto continuano i test nelle scuole sono 56.953, gli insegnanti e operatori scolastici che si sono sottoposti al test sierologico, di questi, 2.723 sono risultati positivi e si sono sottoposti al tampone.

Sempre oggi un magistrato del tribunale di Milano è risultato positivo al coronavirus, si tratta del primo caso dopo la ripresa delle attività al termine della pausa estiva.

18:01 - In Lombardia 56.953 test a insegnanti, 2.723 positivi

Sono 56.953, in Lombardia, gli insegnanti e operatori scolastici non docenti che si sono sottoposti al test sierologico. Di questi, 2.723 sono risultati positivi e si sono sottoposti al tampone. Lo rende noto Regione Lombardia spiegando che dei 206.687 docenti e non si sono registrati in 98.470 per il test. "Continueremo con i test anche nelle prossime settimane: al fine di garantire la massima copertura degli screening agli insegnanti, - spiega l'assessore al welfare Giulio Gallera - abbiamo scelto di posticipare al 18 settembre il termine delle operazioni rispetto alla scadenza precedentemente prevista dal governo per il 7 settembre".

17:24 - Oltre 27mila tamponi in Lombardia e 337 nuovi casi

Con il record di tamponi effettuati, 27.324, sono in aumento anche i contagi in Lombardia: i nuovi casi sono infatti 337, mentre ieri erano 228, e il rapporto tra il numero dei nuovi tamponi e i positivi riscontrati è pari all'1,23%. Sono sei i decessi per un totale di 16.876 morti in regione. C'è un paziente in meno ricoverato in terapia intensiva (26 il totale), mentre crescono i ricoverati negli altri reparti (+19, 244). Tra le province, quella di Milano è sempre la più colpita con 144 nuovi casi, di cui 78 a Milano città, seguita da Brescia (36), Monza e Brianza (33), Mantova (32) e Bergamo (26).

17:13 - “Virus fuori da zone rosse”, così si chiuse la Lombardia

"Nelle zone rosse si è osservata una lieve flessione nell'incremento dei casi , a cui corrisponde contemporaneamente un aumento dell'incidenza in aree precedentemente non rientranti nelle 'zone rosse' medesime". E' l'allarme che portò il Comitato tecnico scientifico nella riunione del 7 marzo a chiedere la chiusura dell'intera Lombardia, dopo aver acquisito dall'istituto Superiore di Sanità i dati aggiornati sulla diffusione del Coronavirus. "Il Comitato tecnico scientifico ribadisce la necessità di adottare tutte le azioni necessarie per rallentare la diffusione del virus", si legge nel verbale di quella riunione, che chiede di applicare "misure più rigorose" di quelle previste su tutto il territorio nazionale in Lombardia e in 11 province di Emilia Romagna, Marche, Veneto e Piemonte 

16:48 – Zangrillo: “Ho imposto a Berlusconi riposo assoluto”

"Mi sono imposto nell'istituire un regime che comporti il riposo assoluto, che probabilmente è la terapia di cui lui più necessita. Non è stato assolutamente facile convincere" Silvio Berlusconi "ho dovuto insistere per ricoverarlo, soprattutto stanotte. Ma come sempre l'uomo è molto pronto e intelligente. Una volta informato di quello che lo riguardava, ne ha convenuto ed è contento della decisione presa". Lo ha detto il professor Alberto Zangrillo, medico personale del leader di Forza Italia e direttore della terapia intensiva del San Raffaele di Milano.

16:37 – Verbale del Cts del 3 marzo: “Zona rossa anche Nembro e Alzano”

"Nel tardo pomeriggio sono giunti all'Iss (Istituto superiore di sanità, ndr) i dati relativi ai comuni di Alzano Lombardo e Nembro (...) che sono poi esaminati dal Cts. Al proposito è stato sentito per via telefonica l'assessore Gallera e il dg (direttore generale, ndr) Caiazzo della Regione Lombardia, che confermano i dati relativi all'aumento nella regione e, in particolare, nei due comuni menzionati". E' quanto si legge nel verbale del Comitato tecnico scientifico del 3 marzo scorso. ""Il Comitato propone di adottare le opportune misure restrittive già adottate nei Comuni della zona rossa anche in questi due comuni - prosegue il testo -, al fine di limitare la diffusione dell'infezione nelle aree contigue".Nella riunione dello scorso 26 febbraio, invece, il Comitato tecnico scientifico non riteneva ci fossero le condizioni per l'estensione delle restrizioni al movimento delle persone a nuove aree oltre ai 10 Comuni indicati come zona rossa dal Dpcm del 23 febbraio.

16:36 – Barbara Berlusconi: “Improbabileche l'abbia infettato io”

"Dopo tre tamponi e un test sierologico negativi è molto improbabile che papà abbia preso il Covid 19 da me. Lui è risultato positivo molto dopo, e ultimamente il periodo di incubazione del virus si è ridotto", ha proseguito Barbara Berlusconi. La figlia dell'ex premier contesta soprattutto le ricostruzioni sulla sua estate passata tra feste con poche precauzioni: "Non ci sto a sentirmi dire questo. Non mi riconosco in questa specie di ritratto. Non ho condotto alcuna vita sregolata in Sardegna. Le volte che sono uscita la sera in tre mesi si possono contare sulle dita di una mano. Mai come quest'anno sono stata praticamente sempre a Villa Certosa: altro che movida...Pannolini, piuttosto!". Non è stata quindi lei a infettare Silvio Berlusconi come dimostrano "i tempi e i ripetuti tamponi negativi fatti da mio padre. La caccia all'untore è una cosa da Medioevo - ha concluso - e la trovo umanamente inaccettabile oltre che scientificamente indimostrabile".

16:09 – Zangrillo: “Per Berlusconi blando coinvolgimento polmonare”

Il tampone a cui è stato sottoposto Silvio Berlusconi il 2 settembre "era programmato. Abbiamo rilevato una positività in un soggetto che ho definitio asintomatico. Nel volgere di qualche ora, nella giornata di ieri, in una situazione di assoluta tranquillità, ho ritenuto di fare una visita e nell'ambito di questa visita ho rilevato un blando coinvolgimento polmonare". Lo dichiara il primario del San Raffaele e medico del premier Alberto Zangrillo nel punto stampa sulle condizioni di Berlusconi.

15:37 - Primo caso tra magistrati Milano dopo vacanze

Primo caso di contagio da Coronavirus al Palazzo di Giustizia di Milano dopo la ripresa delle attività, dopo la pausa estiva. Caso per il quale si è proceduto immediatamente ad applicare la procedura anti-Covid. Come emerge da una circolare firmata questa mattina dal presidente della Corte d'Appello facente funzione Giuseppe Ondei, ieri sera è risultato positivo un magistrato della Procura generale che lo scorso primo settembre ha celebrato un'udienza nei confronti di un minorenne nell'apposita aula dell'edificio di via San Barnaba. Dopo l'udienza il pg ha accusato malori e il giorno successivo si è sottoposto a tampone. Quindi già questa mattina, oltre ad essere stati avvisati il medico referente per il Palagiustizia e il medico competente dell'Ats (Agenzia tutela salute), l'aula dove martedì si è tenuta l'udienza è stata chiusa e sanificata e i procedimenti in calendario oggi rinviati. Sanificati anche i corridoi circostanti e la cancelleria della palazzina distaccata dove ha sede, tra l'altro, la sezione famiglia. Anche i cancellieri che tre giorni fa erano in aula, i giudici e l'avvocato del minore, così come il personale che è venuto in contatto con il magistrato risultato positivo, sono stati avvisati di rimanere a casa in attesa dell'eventuale tampone. Da quanto è stato riferito, l'udienza minorile si è celebrata nel rispetto delle norme: tutti indossavano la mascherina e hanno mantenuto le distanze di sicurezza. In Procura Generale sono stati chiesti i tamponi.

13:55 - A Milano sconto del 25% su Tari a negozi chiusi in lockdown

A Milano le imprese e i negozi che sono rimasti chiusi durante il lockdown avranno uno sconto del 25% sulla parte variabile della Tari, la tassa sui rifiuti. Lo ha stabilito una delibera della giunta che dovrà essere discussa e approvata dall'aula del Consiglio comunale. Lo sgravio si traduce in 10 milioni di euro di spesa per il Comune. Risorse che in parte saranno recuperate grazie alla ripartizione dei proventi e dei risparmi dello smaltimento tra Comune a Amsa, come previsto da una recente delibera introdotta dall'autorithy di controllo sui rifiuti per far fronte agli effetti dell'emergenza Covid-19. Restano in essere le agevolazioni già presenti nel 2019, per un controvalore di 6 milioni di euro.

"Per il momento questa manovra rappresenta un forte impegno dell'amministrazione oltre il quale sarebbe rischioso spingersi - ha spiegato l'assessore al Bilancio, Roberto Tasca, in una nota -. Ulteriori interventi di sgravio andrebbero a pesare sulla fiscalità generale, sulle utenze domestiche che nel 2020 pagheranno invece la stessa tariffa dell'anno precedente e per le quali rimangono in vigore gli sconti già previsti" Il conto complessivo della Tari, previsto per il 2020, è di 298 milioni di euro. Importo che si è ridotto per il quarto anno consecutivo. Una minor attività di raccolta rifiuti, l'incremento delle superfici delle unità immobiliari del 2020 rispetto al 2019 e l'attività di recupero evasione hanno consentito risparmi per 4 milioni di euro, che costituiscono una parte dei 10 milioni necessari per gli sgravi. Gli altri 6 milioni mancanti saranno finanziati in tre annualità a partire dal 2021.

13:06 - Milano: Sala, a ottobre chiamerò città riflessione su futuro

Nel mese di "ottobre chiamerò i milanesi a una riflessione collettiva sul nostro futuro". Lo ha annunciato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, sulla sua pagina Facebook, dove in un lungo post ha parlato della città dopo l'emergenza Covid e dell'ultimo anno del suo mandato da sindaco. Questa riflessione sarà "la presentazione del nostro progetto, partendo da quanto fatto e pronti ad accogliere censure, emendamenti, idee migliorative sul futuro - ha aggiunto -. Noi abbiamo a lungo riflettuto su quale città vogliamo essere. Studieremo insieme come percorrere le strade della nuova normalità". Il sindaco ha poi scritto che il Covid "genera ancora domande e preoccupazioni per ognuno di noi. La partenza della scuola è un primo appuntamento cruciale per verificare quanto abbiamo imparato a convivere con questa situazione". La città di Milano "ha certamente pagato un prezzo alto a questa pandemia in termini di lutti, di dolore e di sacrificio. Ma possiamo dire che la città ha resistito". Milano ha nel suo futuro "idee ben chiare e programmi definiti" come la fase operativa del piano degli ex scali ferroviari, le Olimpiadi del 2026 e i nuovi impianti sportivi, i 3 milioni di alberi di ForestaMi, il Piano Quartieri, la rinascita dell'ex area Expo, "la poderosa digitalizzazione della città", sia dal punto di vista dell'infrastruttura, con copertura integrale in 5G, che dei servizi. "Certo, ci sono una serie di questioni ancora tutte da affrontare. Ne cito una, a titolo di esempio. Gli affitti a Milano sono troppo alti e rischiano di portare parte della popolazione più giovane a dover lasciare la città - ha concluso -. Una soluzione non è facile da individuare, essendo tecnicamente non semplice inserirsi in accordi tra privati. Ma ci lavoreremo, su questo e su altro".

12:08 - Codogno, paziente 1 torna a giocare a calcio

Mattia Maestri, il primo paziente colpito dal Covid scoperto a Codogno (Lodi), tornerà a giocare su un campo di calcio domani pomeriggio nella cittadina lodigiana in un triangolare tra la nazionale dei sindaci, una selezione di politici della 'ex zona rossa' e una selezione di volontari della protezione civile, in occasione del raduno in programma da oggi e fino a domenica di oltre 120 sindaci. Maestri, il cosiddetto 'paziente 1', 38 anni, amante dello sport, aveva giocato la sua ultima partita nel Cremasco nella fila della squadra amatoriale Picchio Somaglia il 15 febbraio, prima di venire ricoverato.

12:04 - L'8 settembre voto su sfiducia a Fontana

E' fissato per martedì prossimo 8 settembre il voto sulla mozione di sfiducia nei confronti del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana presentata dalle opposizioni (tutte tranne l'esponente di Iv Patrizia Baffi) in relazione alla gestione dell'emergenza Coronavirus. Lo stesso giorno il Consiglio regionale lombardo discuterà un testo sottoscritto da tutti i capigruppo della maggioranza di centrodestra - di fatto una contro-mozione di risposta al tentativo di sfiducia della minoranza a Fontana - che chiede l'intervento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per "valutare - si legge nel testo - le responsabilità politiche dell'attuale Governo e le gravi mancanze ad esso imputabili in relazione all'emergenza sanitaria ed economica da coronavirus". L'ordine del giorno della seduta, la prima dopo la pausa estiva, comprende alcune interrogazioni e interpellanze. A seguire le mozioni sulla vigilanza sanitaria negli istituti scolastici della Lombardia (di iniziativa PD), sulla prevenzione per l'emergenza Covid 19 in previsione della riapertura in sicurezza delle scuole (Lombardi Civici Europeisti), sul sostegno ai medici provvisori di medicina generale (M5S)m sulla revisione del Registro regionale delle strutture accreditate per il rilascio dei certificati di medicina sportiva agonistica (Lega) e sulle iniziative di Regione Lombardia contro le discriminazioni e le violenze determinate dall'orientamento sessuale e dall'identità di genere (M5S). I lavori saranno preceduti dalla commemorazione di Claudio Bonfanti, Presidente del Consiglio regionale nel 1992, scomparso nello scorso mese di agosto.

7:26 - In Lombardia 228 nuovi casi

A fronte di 14.077 tamponi effettuati sono 228 i nuovi positivi riscontrati in Lombardia, di cui 41 "debolmente positivi" e 12 a seguito di test sierologico. Il rapporto tra il numero dei nuovi tamponi e i positivi riscontrati è pari all'1,61%. Una la persona deceduta, che porta il totale delle vittime a 16.870. Lo rende noto Regione Lombardia. Sono 60 i guariti/dimessi, per un totale complessivo di 76.467. Salgono a 27 i ricoverati in terapia intensiva e a 225 i ricoverati non in terapia intensiva. Per quanto riguarda le province, 80 casi si sono verificati a Milano (di cui 50 in città), 18 a Bergamo: 37 a Brescia, 13 a Como, 7 a Cremona, 7 a Lecco, 8 a Lodi, 2 a Mantova, 21 a Monza, 12 a Pavia e 13 a Varese. Nessun caso registrato nella provincia di Sondrio. 

 

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24