Covid news. Ema avvia revisione vaccino Pfizer per bimbi adattato a varianti Ba4 e 5

Dosi destinate alla fascia di età tra i 5 e gli 11 anni. Bollettino: 13.316 casi e 47 morti. Tasso positività 15,5%. Si registra un aumento sia delle terapie intensive (+7) che dei ricoveri ordinari (+228). In aumento la percentuale dei contagi segnalati nella popolazione in età scolare ma proprio questa fascia di età registra una copertura vaccinale anti-Covid tra le più basse

1 nuovo post
L'agenzia europea del farmaco (Ema) ha avviato la revisione del vaccino della Pfizer Comirnaty adattato anche contro le varianti Ba4 e 5 per i bambini tra i 5 e gli 11 anni. Intanto in Italia sono stati 13.316 i nuovi casi, con 47 morti. Tasso di positività al 15,5%. Risultano in aumento i ricoveri ordinari (+228) e quelli nelle terapie intensive (+7). Processati 85.693 tamponi, ieri sono stati 147.359. Questi i dati principali comunicati oggi dal Ministero della Salute (BOLLETTINO - MAPPE - GRAFICHE). Segnalata in aumento, rispetto alla scorsa settimana, la percentuale dei casi di Covid-19 segnalati nella popolazione in età scolare ma proprio questa fascia di età registra una copertura vaccinale anti-Covid tra le più basse: è vaccinato solo il 38,5% dei bimbi tra 5 e 11 anni. Un dato che preoccupa fortemente i pediatri che chiedono un forte rilancio della campagna vaccinale e invitano anche a rivalutare la misura delle mascherine nelle scuole.

Gli ultimi approfondimenti:

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui)e
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Redazione Sky TG24
- di Maurizio Odor

Covid: Sebastiani (Cnr), continua aumento dei ricoveri

La più intensa circolazione del virus SarsCoV2 in Italia ha indotto la crescita dei ricoveri ordinari e lascia prevedere un prossimo aumento anche delle terapie intensive, con la risalita della curva attesa in questi giorni. Lo indicano le analisi del matematico Giovanni Sebastiani, dell'Istituto per le Applicazioni del Calcolo 'M.Picone', del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr).   "L'analisi delle differenze settimanali della sequenza dell'occupazione nei reparti di terapia intensiva, rileva Sebastiani, "mostra che nei prossimi giorni la curva media inizierà a salire, analogamente a quanto previsto e accaduto per i reparti ordinari. una precisa localizzazione del minimo sarà possibile con i dati di questa settimana (potremmo aver già da poco superato il minimo o esserci sopra)".    A livello regionale, prosegue il matematico, le curve dell'occupazione nei reparti ordinari sono tutte in crescita evidente, tranne che Liguria, Molise, Puglia, Sicilia, Sardegna, Umbria e Valle d'Aosta. Nelle ultime due regioni, rileva Sebastiani, si notano oscillazioni rilevanti.  Per quanto riguarda i livelli di occupazione dei reparti ordinari, Abruzzo, Calabria, Friuli Venezia Giulia, Valle d'Aosta e provincia autonoma di Trento superano la soglia del 10%, l'Umbria supera il 15% e la provincia autonoma di Bolzano supera il 20%. 
- di Maurizio Odor

Covid: in Emilia Romagna 1.964 nuovi casi e 3 morti

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 1.873.175 casi di positività, 1.964 in più rispetto a ieri, su un totale di 10.664 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, di cui 6.942 molecolari e 3.722 test antigenici rapidi. Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 18,4%.  Si registrano 3 decessi, riferiti ai giorni scorsi: 2 in provincia di Modena (una donna di 92 anni e un uomo di 86 anni); 1 in provincia di Bologna (un uomo di 98 anni). Nessun decesso nelle altre province.
 
- di Maurizio Odor

Agenas: al 7% occupazione reparti, +2% in 6 giorni

La percentuale dei posti letto occupati da pazienti Covid nei reparti ospedalieri, dopo essere aumentato di 2 punti percentuali in 6 giorni, è stabile al 7% nelle ultime 24 ore (un anno fa era al 5%) e due regioni superano il 15%: Umbria (17%) e Pa Bolzano (23%). E' ferma all'1%, invece, la percentuale di terapie intensive occupate da pazienti Covid in Italia (un anno fa era al 5%) e tutte le regioni sono sotto il 10%. Questi i dati relativi al 2 ottobre, elaborati dall'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas). IL REPORT DELL'ISS
- di Maurizio Odor

Ministero della Salute, i dati del 3 ottobre: 13.316 nuovi casi, 47 morti. Tasso di positività al 15,5%

- di Maurizio Odor

Covid, secondo uno studio aumenta il rischio di Alzheimer negli anziani

Uno studio del Case Western Reserve University School of Medicine di Cleveland (Usa), pubblicato sul Journal of Alzheimer's Disease, sostiene che per gli anziani contrarre il Covid-19 potrebbe comportare un aumento del 69% del rischio di ammalarsi di Alzheimer. LA RICERCA
- di Maurizio Odor

Ocse: con Covid aumentano Neet, 34,6% tra i 25-29 anni

Nel periodo del Covid è aumentata la quota dei Neet, i giovani adulti che non hanno un lavoro né seguono un percorso scolastico o formativo per periodi prolungati. Nel suo report annuale 'Education at a Glance 2022' l'Ocse rileva come la quota di Neet di età compresa tra 25 e 29 anni in Italia era già in aumento al 31,7% durante la pandemia da Covid nel 2020, e ha continuato ad aumentare fino al 34,6% nel 2021. In questa fascia d'età sono più le donne (il 39%) che gli uomini. Per i giovani tra 20 e 24 anni, la quota era diminuita tra il 2019 e il 2020 dal 28,5% al 27,4%, ed è aumentata fino al 30,1% nel 2021. I soggetti infetti non vaccinati dopo un anno non avrebbero più anticorpi: lo studio
- di Maurizio Odor

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui)e
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Maurizio Odor

Toscana, 524 nuovi casi; 2 i decessi

Sono 524 i nuovi casi di Covid-19 registrati nelle ultime ventiquattro ore in Toscana: 128 sono stati confermati con tampone molecolare e gli altri 396 con test rapido. Il numero dei contagiati rilevati nella regione dall'inizio della pandemia sale dunque a 1.410.014. I nuovi casi sono lo 0,04% in piu' rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,02% (224 persone) e raggiungono quota 1.361.635 (96,6% dei casi totali). I dati, relativi all'andamento della pandemia, sono quelli accertati oggi sulla base delle richieste della Protezione civile nazionale. Al momento in Toscana risultano pertanto 37.592 positivi, +0,8% rispetto a ieri. Di questi 263 (20 in piu' rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale: 6 (1 in piu') si trovano in terapia intensiva. La lista dei decessi si aggiorna con 2 nuovi decessi: un uomo e una donna con un'eta' media di 79 anni. 
- di Maurizio Odor

Iss, cinque regioni sopra la soglia di allerta del 10% per occupazione dei reparti

Il monitoraggio settimanale dell’Istituto superiore di sanità e del ministero della Salute segnala i dati delle aree mediche della Provincia autonoma di Bolzano (20,2%), dell’Umbria (17,8%), della Valle d'Aosta (16,4%), della Calabria (12,9%) e del Friuli Venezia Giulia (10,6%). Nelle province di Trento e Bolzano l’incidenza dei casi supera 600 per 100mila abitanti, quasi il doppio della media nazionale. Stabili le terapie intensive. IL REPORT
- di Maurizio Odor

Agenas: al 7% occupazione reparti, +2% in 6 giorni

La percentuale dei posti letto occupati da pazienti Covid nei reparti ospedalieri, dopo essere aumentato di 2 punti percentuali in 6 giorni, è stabile al 7% nelle ultime 24 ore (un anno fa era al 5%) e due regioni superano il 15%: Umbria (17%) e Pa Bolzano (23%). E' ferma all'1%, invece, la percentuale di terapie intensive occupate da pazienti Covid in Italia (un anno fa era al 5%) e tutte le regioni sono sotto il 10%. Questi i dati relativi al 2 ottobre, elaborati dall'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas). IL REPORT DELL'ISS
- di Maurizio Odor

Bollettino: i dati delle terapie intensive e dei ricoveri ordinari

Le terapie intensive salgono di 7 unità (ieri -5) ed ora sono 140 con 20 ingressi del giorno; i ricoveri ordinari sono 228 in più (ieri +111), per un totale di 4.520. Pregliasco: "Attesi 90mila contagi al giorno entro novembre"
- di Maurizio Odor

Ocse: durante pandemia cresce il popolo dei Neet in Italia, 34,6% nel 2021

In Italia cresce il numero dei giovani adulti che non hanno un lavoro, né seguono un percorso scolastico o formativo (Neet). E' quanto mette in rilievo il report Education at a Glance 2022 presentato oggi nel corso di un evento organizzato da Ocse insieme a Fondazione Agnelli e Save the Children. Dopo essere salita al 31,7% durante la pandemia nel 2020, la quota di Neet tra i 25 e 29 anni in Italia - viene spiegato - ha continuato ad aumentare fino al 34,6% nel 2021. Tale quota è diminuita tra il 2019 e il 2020 dal 28,5% al 27,4% per i giovani tra 20 e 24 anni, ma è poi aumentata fino al 30,1% nel 2021. Questa situazione rischia di perpetuare il circolo vizioso che va dalla povertà economica a quella educativa, e viceversa. Vaccini Covid bivalenti, quale fare contro Omicron? Ministero: “Nessuna differenza”
- di Redazione Sky TG24

Ministero della Salute: il bollettino del 3 ottobre

Nelle ultime 24 ore sono stati 13.316 i nuovi casi di coronavirus registrati in Italia, mentre ieri erano stati 28.509. I tamponi effettuati sono 85.693 (ieri 147.359). La percentuale di positivi considerando il totale dei tamponi - quindi molecolari più antigenici rapidi - è al 15,5% (ieri era al 19,3%). Sono 47 i morti, 7 i posti letto in più occupati in terapia intensiva rispetto a ieri. I DATI ODIERNI 
- di Maurizio Odor

Due decessi in Trentino, 73 ricoveri in ospedale

Due nuovi decessi per Covid in Trentino: sono un uomo e una donna ultra ottantenni, entrambi con altre patologie e vaccinati. I casi positivi emersi nelle ultime 24 ore sono 159, tutti individuati dall'antigenico (su 761 test effettuati) e nessuno al molecolare (su 18 test). I pazienti ricoverati sono 73, di cui 5 in rianimazione. Nella giornata di ieri si sono registrati 16 ricoveri a fronte di 4 dimissioni.  Covid, guida ai nuovi vaccini contro le varianti
- di Redazione Sky TG24

In Sicilia 498 i positivi, una vittima

Sono 498 i nuovi casi di Covid19 registrati nelle ultime 24 ore in Sicilia a fronte di 4.859 tamponi processati. Ieri erano 1.058. Il tasso di positività è all'10,2%, in diminuzione rispetto all'13,1% di ieri. La Sicilia è all'ottavo posto per contagi. Gli attuali positivi sono 24.633, in diminuzione di 486 casi. I nuovi guariti sono 983, una vittima che porta il numero totale dei decessi a 12.203.  Sul fronte ospedaliero i ricoverati sono 202, 16 in più, mentre in terapia intensiva sono 13, uno in più di ieri.  A livello provinciale si registrano a Palermo 152 casi, a Catania 157, a Messina 35,  aSiracusa 44, a Trapani 42, a Ragusa 15, a Caltanissetta 10, ad Agrigento 32, a Enna 11. Long Covid, un esame del sangue può prevederne l'insorgenza: lo studio
- di Redazione Sky TG24

In Emilia-Romagna casi sotto 2mila, intensive stabili

Sono 1.960 i nuovi casi di coronavirus in Emilia-Romagna, rilevati su poco più di 10.600 tamponi effettuati nelle ultime 24 ore. Età media dei contagiati 49,5 anni. Sono stabili i ricoveri Covid nelle terapie intensive, dove si registra un paziente in più da ieri per un totale di 23, mentre negli altri reparti i positivi sono aumentati: sono 725, 40 degenti in più da ieri. Tre i decessi segnalati oggi dal bollettino della Regione, riferiti ai giorni scorsi. I casi di infezione attiva sono 26.972, dei quali il 97,2% in isolamento a casa. Covid, risale la curva: i possibili scenari per l'autunno
- di Redazione Sky TG24

Igienisti: "Testing essenziale per distinguere Rsv da Covid e influenza"

I sintomi dell’infezione da Virus respiratorio sinciziale (Rsv) possono essere difficili da distinguere dall'influenza o da altre infezioni respiratorie come Covid-19 ed è spesso complesso arrivare a una diagnosi precisa. "Il testing è essenziale perché, altrimenti, non abbiamo diagnosi eziologica", cioè “non possiamo essere certi che si tratti di Rsv, con tutto quello che ne consegue, sia in termini di valutazione del fenomeno, che della terapia". Così Emanuele Amodio, professore associato di Igiene all’università degli studi di Palermo, intervenendo a latere del simposio 'L’Rsv negli adulti. Il nemico nascosto', durante il 55esimo Congresso nazionale della Società italiana di igiene, medicina preventiva e sanità pubblica (Siti) che si è appena concluso a Padova. Da 1 ottobre proroga un mese obbligo di mascherine in ospedali e Rsa. Ma non su bus
- di Redazione Sky TG24

Covid, Ema avvia revisione vaccino Pfizer bimbi adattato

L'agenzia europea del farmaco (Ema) ha avviato la revisione del vaccino della Pfizer Comirnaty adattato anche contro le varianti Ba4 e 5 per i bambini tra i 5 e gli 11 anni.
- di Redazione Sky TG24