Finlandia, in vendita il pane di farina di grilli

3' di lettura

Succede a Helsinki: il panificio finlandese Fazer ha lanciato il primo prodotto realizzato con farina di grilli. Ha più proteine e costa circa 3,99 euro al kg

Il panificio finlandese Fazer ha proposto ai suoi clienti pane prodotto con farina a base di insetti. La pagnotta messa in commercio ha un maggiore potere proteico e costa un po' di più rispetto a quella fatta con farina normale: 3,99 euro contro i 2-3 euro associati al pane classico. Il consumo di insetti, che a fine 2016 coinvolgeva 2 miliardi di persone, sta crescendo sempre di più. Intanto in Italia si ipotizza l'arrivo del "cibo del futuro" sulle tavole per il 2018.

La novità del panificio Fazer

Come riporta il Guardian, l'interesse per gli insetti è aumentato sia per trovare nuove fonti alimentari alternative sia per rispondere alla necessità di un trattamento più rispettoso nei confronti degli animali. Per sostituire le proteine fornite dalla carne, si punta dunque sugli insetti. Il pane pensato da Fazer "offre una buona fonte di proteine e un modo facile per familiarizzare con il cibo a base di insetti", ha spiegato Juhani Sibakov, capo dell'innovazione presso l'azienda. La fase di progettazione e test del pane a base di insetti si è conclusa ad agosto: Fazer ha dunque dovuto aspettare il progresso legislativo per metterlo in vedita. Secondo i primi assaggiatori, non si avvertirebbe alcuna differenza di sapore. A causa della scarsa disponibilità di farina di grilli, per il momento questo pane speciale verrà venduto in soli 11 store Fazer, ma l'azienda mira a diffondere il prodotto attraverso tutti e 47 i propri punti vendita.

La vendita negli insetti nel resto del mondo

A novembre 2017 la Finlandia si è unita ad altri cinque Paesi europei (Regno Unito, Olanda, Belgio, Austria e Danimarca), permettendo l'allevamento a scopo alimentare degli insetti. In Svizzera, hamburger e polpette di insetti sono stati messi in vendita nei supermercati. Fazer compra i propri insetti proprio in Olanda, ma l'azienda spera che presto ci siano coltivatori locali in grado di offrire farina di grilli "a km zero". Secondo le stime dell'Onu, riprese dal Guardian, due miliardi di persone nel mondo mangiano insetti. Il menu è molto vario: si calcola che più di 1.900 specie siano utilizzate per scopi alimentari. Nel mercato alimentare occidentale gli insetti hanno attirato l'attenzione soprattutto per il contributo che possono dare alle diete gluten-free o per coloro che mirano a rendere la propria alimentazione più sostenibile. Infatti, allevare insetti richiede meno terra, acqua e risorse per il sostentamento degli animali.

L'arrivo degli insetti in Italia

In occasione del Forum internazionale dell'Agricoltura a Cernobbio, Coldiretti ha mostrato in anteprima alcuni piatti a base di insetti. Dalla pasta all'uovo a base - anche questa - di farina di grillo, ai millepiedi arrostiti, il menu (che si ispira molto alla cucina della Thailandia) sembra molto vario. Sebbene gli italiani non sembrino né pronti né troppo favorevoli a questa novità in tavola, l'arrivo degli insetti commestibili in Italia dal 2018 dovrebbe diventare realtà.

Leggi tutto
Prossimo articolo