Svizzera, arrivano nei supermercati hamburger e polpette di insetti

Gli hamburger che saranno venduti a partire dal 21 agosto (Coop)
2' di lettura

I prodotti, disponibili dal prossimo 21 agosto, sono a base di larve della farina, con l'aggiunta di verdure, riso e spezie. E ci sono anche i consigli per gustarli al meglio

Le tavole dei consumatori svizzeri stanno per arricchirsi con un nuovo tipo di pietanze, che contengono ingredienti inconsueti. Coop, uno dei principali marchi della grande distribuzione nel Paese (senza legami con l'omonimo brand italiano) inizierà infatti a vendere insetti destinati al consumo alimentare. Si parte il 21 agosto, in sette punti vendita di altrettante città: Zurigo, Basilea, Berna, Winterthur, Lugano, Losanna e Ginevra.

A base di larve

La Svizzera ha autorizzato l'uso alimentare di tre specie di insetti: il tenebrione mugnaio (più noto come larva della farina), il grillo domestico e le cavallette; il via libera è arrivato nello scorso maggio. L'arrivo sui banchi della grande distribuzione segna adesso un salto di qualità perché porta i nuovi cibi a contatto con la massa dei consumatori. Gli insetti saranno per ora commercializzati all'interno di prodotti già lavorati e confezionati. Coop parte in particolare da due specialità: hamburger e polpette, entrambi a base di tenebrione mugnaio. Il gruppo li ha presentati descrivendone la composizione e suggerendo anche le migliori modalità per esaltarne il sapore.

Le ricette

Gli hamburger sono preparati con le larve della farina, riso, verdure (come carote, sedano e porri), origano e peperoncino. Il loro aspetto è molto simire a quello di un hamburger tradizionale. Il consiglio è di gustarli con un panino condito con lattuga, germogli e una salsa. Le polpette hanno lo stesso insetto come ingrediente base, ma sono preparate con prezzemolo, ceci, cipolle, aglio e spezie. Il sapore viene descritto come "delicato", soprattutto se servite in una pita con verdure fresche e salsa a base di yogurt. Polpette e hamburger sono prodotti da Essento, una start up svizzera che da tre anni sta tentando di promuovere gli insetti come cibo del futuro.

Lavorazione e sostenibilità

La normativa svizzera, oltre a limitare le specie utilizzabili, prevede rigide norme di lavorazione. Gli insetti "devono essere sottoposti prima della consegna a un congelamento e a un trattamento termico, o a un altro procedimento appropriato che garantisce l’uccisione dei germi vegetativi". Christian Bärtsch, co-fondatore di Essento, descrive gli insetti come un alimento "perfetto per una dieta moderna e sostenibile" perché associa un alto profilo nutrizionale con un ridotto consumo di risorse.

Leggi tutto
Prossimo articolo