Austria, attivato un posto di controllo dei migranti al Brennero

Lo scorso 16 agosto Vienna aveva disposto lo stanziamento di 70 militari per coadiuvare la polizia nei controlli, anche sull'immigrazione, in prossimità del confine del Brennero (Getty Images)
2' di lettura

Nella stazione di Seehof, a pochi chilometri dalla frontiera con l'Italia, il governo di Vienna ha fatto istallare un binario aggiuntivo che servirà per effettuare controlli a campione. La disposizione arriva alla vigilia delle elezioni che si svolgeranno domenica

A due giorni dalle elezioni governative austriache, Vienna ha deciso di introdurre sul suo territorio una postazione di controllo dei migranti lungo la ferrovia del Brennero. La misura entra in vigore il 13 ottobre nonostante il numero di extracomunitari intercettati lungo la linea sia notevolmente calato rispetto allo scorso anno e la situazione sembri sotto controllo. Da tempo, infatti, le autorità austriache, in collaborazione con quelle italiane, controllano i treni diretti verso Nord.

Stazione ferroviaria di Seehof

Per evitare rallentamenti del traffico internazionale, alla stazione ferroviaria di Seehof, a pochi chilometri dalla frontiera con l'Italia, è stato introdotto un binario che servirà per effettuare controlli a campione. I treni interessati saranno quelli internazionali, ma anche i regionali provenienti dal Brennero e diretti in Austria. Il progetto varrà presentato ufficialmente nel pomeriggio del 13 ottobre dal ministro degli Interni austriaco, Wolfgang Sobotka, dal capitano del Tirolo, Guenther Platter e dal direttore della polizia del Tirolo, Helmut Tomac.

Immigrazione, tema centrale nella campagna elettorale

L'Austria domenica è chiamata alle urne per eleggere il nuovo parlamento. La campagna elettorale negli ultimi mesi è stata molto incentrata sui temi dell’immigrazione e sul timore suscitato dall'Islam radicalizzato. A poche ore dal voto i sondaggi danno in netto vantaggio Sebastian Kurz, il giovanissimo leader del partito Popolare Austriaco di cui fanno parte il ministro Sobotka e il capitano del Tirolo, Platter, che in questi mesi si sono distinti proprio per la linea dura sulla questione migranti. Dalle rilevazioni, però, emerge anche un gran numero di indecisi che potenzialmente potrebbero spostare gli equilibri.

Leggi tutto
Prossimo articolo