Manchester: un altro fermo, attentatore si preparava da un anno

3' di lettura

Continuano le indagini dopo l'attacco che ha provocato 22 morti e decine di feriti. Stampa inglese: fermata un'altra persona legata a Abedi, in corso perquisizioni. Londra, intanto, ricomincia a condividere le informazioni con gli Usa dopo la fuga di notizie

Continuano le indagini dopo l’attentato che lunedì scorso ha provocato 22 morti e decine di feriti a Manchester, alla fine del concerto di Ariana Grande. Secondo il Guardian, la polizia avrebbe effettuato un nuovo arresto. Al momento, quindi, le persone finite in manette sarebbero otto. Tra queste c’è anche Ismail Abedi, 23 anni, fratello di Salman Abedi, il giovane che si è fatto saltare in aria. Un uomo e una donna arrestati in precedenza, invece, sarebbero stati rilasciati. Gli arresti, scrive il Guardian, pur definiti “importanti” dalla polizia non significano che l'intera cellula che si presume abbia assistito Salman Abedi sia stata sgominata. Alcuni complici “sono ancora a piede libero”, aggiunge citando fonti investigative. Altri media inglesi, tra cui Sky News, parlano di perquisizioni in corso in un’abitazione nel quartiere di Moss Side, a sud di Manchester.

Londra ricomincia a condividere informazioni

Dopo la polemica per la fuga di notizie sui giornali americani, intanto, le autorità britanniche hanno annunciato di aver ripreso a condividere le informazioni sull’attacco con gli Stati Uniti. “Sebbene di solito non commentiamo gli accordi di condivisione delle informazioni con le organizzazioni internazionali, vogliamo sottolineare che, dopo aver ricevuto nuove assicurazioni, stiamo lavorando a stretto contatto con i nostri partner chiave in tutto il mondo, inclusi tutti quelli dell'alleanza di intelligence cosiddetta dei ‘Cinque Occhi’ (Five Eyes)”, ha detto Mark Rowley, numero 2 di Scotland Yard. Five Eyes è un'alleanza di condivisione di informazioni sensibili che include gli 007 di Gb, Usa, Australia, Canada e Nuova Zelanda.

Attentatore si preparava da almeno “un anno”

Sui giornali inglesi, poi, emergono nuovi particolari. Salman Abedi, l'attentatore suicida di Manchester, pare si preparasse ad agire da almeno “un anno”. Lo scrive il Times, sulla base di notizie investigative. Il 22enne figlio di ex rifugiati politici libici, continua il giornale, avrebbe creato mesi fa un fondo bancario inattivo, da utilizzare per acquistare il materiale necessario a confezionare l'ordigno della strage. E affittato da tempo l'appartamento individuato ora come covo e luogo di assemblaggio della bomba. Il Telegraph, invece, riferisce che il materiale ritrovato nel “covo” confermerebbe i timori di piani già pronti per “una seconda bomba”.

Attentato a Manchester
Guarda tutti i video

Leggi tutto