Giro d'Italia 2022: Hirt vince la tappa di oggi Salò-Aprica

Sport
©Ansa

Dopo il lunedì di riposo, la corsa è ripartita in Lombardia. Secondo l'olandese Thymen Arensman a 8". Terzo posto per Hindley, che conquista 4 secondi di abbuono e si porta a 3" dalla maglia rosa Carapaz

 

ascolta articolo

Dopo l’ultimo lunedì di riposo, il Giro d’Italia 2022 è ripartito in Lombardia con la tappa numero 16: la Salò-Aprica (Sforzato Wine Stage). Si tratta di una frazione lunga 202 chilometri: è considerata la più difficile di questa 105esima edizione della corsa, con 5.400 metri di dislivello. Ad aggiudicarsela è stato Jan Hirt, in 5h40'45",  vincendo per distacco. Secondo l'olandese Thymen Arensman a 8".  Terzo posto per Hindley, che conquista 4 secondi di abbuono e si porta a 3" dalla maglia rosa Carapaz.

 

Il percorso della sedicesima tappa

vedi anche

Giro d'Italia 2022, Ciccone vince la tappa Rivarolo Canavese-Cogne

La frazione che inizia da Salò e arriva all’Aprica è un tappone alpino che è ritenuto il più duro del Giro. Partenza subito in salita in Valsabbia, poi si arriva alla prima asperità del Goletto di Cadino e si sale a quasi 2mila metri. Segue la discesa in Val Camonica, poi si passa da Edolo e si arriva al Passo del Mortirolo dal versante di Monno: a pochi chilometri dalla vetta, la strada si fa ripida e stretta. Strada stretta e ripida anche in alcuni punti dell’impegnativa discesa su Grosio. Dopo un tratto pianeggiante c’è la salita di Teglio, poi la discesa veloce su Tresenda. Fino alla salita finale del Valico di Santa Cristina e all'ultima impegnativa discesa verso il traguardo (su asfalto).

Le tappe precedenti

vedi anche

Giro d'Italia 2022, Simon Yates vince la tappa Santena-Torino

La prima tappa, del 6 maggio, è stata quella da Budapest a Visegrad: ha vinto Mathieu van Der Poel, diventando la prima maglia rosa del Giro 2022. La seconda tappa è stata la cronometro Budapest-Budapest del 7 maggio, vinta da Simon Yates. Nella terza tappa dell'8 maggio, la Kaposvár-Balatonfüred, ha vinto in volata il britannico Mark Cavendish. Dopo un giorno di pausa, il 10 maggio si è corsa la quarta tappa, con arrivo in salita, Avola-Etna Nicolosi: ha vinto Lennard Kamna, mentre Juan Pedro Lopez Perez è arrivato secondo e ha strappato la maglia rosa a van der Poel. La quinta tappa, l’11 maggio, è stata la Catania-Messina: primo allo sprint il francese Arnaud Démare, maglia rosa sempre a Lopez Perez. La sesta tappa, il 12 maggio, è stata quella Palmi-Scalea (Riva dei Cedri) vinta al fotofinish ancora da Démare. Lopez Perez ha mantenuto la testa della classifica. La settima tappa, il 13 maggio, è stata vinta dall'olandese Bouwman, con Lopez Perez che ha conservato ancora la maglia rosa. L'ottava tappa, del 14 maggio, ha visto trionfare il belga Thomas De Gendt, con Lopez Perez ancora in rosa. Il 15 maggio Jai Hindley ha vinto l’Isernia-Blockhaus, nona tappa del Giro, e lo spagnolo Juan Pedro Lopez Perez, andato in crisi sull'ultima salita di giornata, è riuscito a difendere la maglia rosa di leader della classifica generale. Nella decima tappa, del 17 maggio, ha vinto l'eritreo Biniam Girmay, con la maglia rosa che è rimasta a Lopez Perez. Nell'undicesima tappa sprint vincente di Alberto Dainese (prima vittoria italiana). Sempre Lopez Perez in rosa. Il 19 maggio Stefano Oldani ha vinto la 12esima tappa, in maglia rosa c'è sempre Lopez Perez. La 13esima tappa, il 20 maggio, è stata vinta da Arnaud Demare e in maglia rosa c'è ancora Juan Pedro Lopez Perez. La 14esima tappa, il 21 maggio, è andata a Simon Yates e la maglia rosa ha cambiato proprietario, andando a Carapaz. Il 22 maggio si è corsa la 15esima tappa: ha vinto Giulio Ciccone, con Richard Carapaz che ha conservato la maglia rosa.

Il Giro d'Italia 2022

vedi anche

Giro d'Italia: Arnaud Demare vince tredicesima tappa, la Sanremo-Cuneo

Il Giro d'Italia 2022 è partito il 6 maggio in Ungheria e si concluderà il 29 maggio con la cronometro di Verona. Si percorreranno in tutto 21 tappe e 3.446 chilometri, con oltre 50mila metri di dislivello e 164 km di media giornaliera. Previsti 5 arrivi in salita. Sono 22 le squadre in gara, ognuna composta da 8 corridori: in totale i ciclisti sono 176, tra cui 45 italiani.

Sport: I più letti