Eurovision 2022, i Paesi partecipanti che si sfideranno a maggio a Torino

Musica

Camilla Sernagiotto

Durante la cerimonia di passaggio del testimone da Rotterdam a Torino, tenutasi poco fa a Palazzo Madama, è stato deciso attraverso l’estrazione a sorte come sarà la composizione delle due Semifinali. Saranno 36 i Paesi protagonisti, oltre ai Big Five (Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito, il cui accesso alla finale è diretto). Ecco tutti i partecipanti alla prima semifinale (martedì 10 maggio) e alla seconda semifinale (giovedì 12 maggio)

Calcio di inizio per l’Eurovision Song Contest 2022!

Poche ore fa a Torino si è tenuta la cerimonia del passaggio di testimone da Rotterdam a Torino, in attesa dell’evento canoro che il 10, 12 e 14 maggio si terrà nel capoluogo piemontese.

Durante la cerimonia è stato deciso - attraverso l’estrazione a sorte - come saranno composte le due Semifinali.
Saranno 36 i Paesi che si aggiungeranno ai Big Five (Italia, Francia, Germania, Spagna e Regno Unito, il cui accesso alla finale è diretto).

Ecco tutti i partecipanti della prima semifinale (martedì 10 maggio) e della seconda semifinale (giovedì 12 maggio). In totale saranno 41 i Paesi che si sfideranno a suon di acuti, do di petto e via dicendo. Tutto grazie ai Måneskin, la band nostrana che ci sta facendo grandi nel mondo. Grazie al loro trionfo alla scorsa edizione della gara canora, tra le tante cose che ultimamente "It's coming home" c'è anche questa prestigiosa kermesse musicale. Che "sta tornando a casa" dopo 31 anni (e noi la aspettiamo a braccia aperte).

Tutti i semifinalisti

approfondimento

Eurovision Song Contest, svelato il logo della manifestazione

Il sorteggio di assegnazione ha determinato quali Paesi semifinalisti parteciperanno alla prima semifinale (martedì 10 maggio) e alla seconda semifinale (giovedì 12 maggio).
È stato anche sorteggiato se un Paese si esibirà nella prima o nella seconda metà della propria semifinale.


L’Italia, in quanto Paese ospitante, insieme agli altri quattro membri dei cosiddetti Big Five (Francia, Germania, Spagna e Regno Unito) non gareggerà nelle semifinali però il pubblico avrà diritto di voto nella Prima Semifinale.


La suddivisione dei Big Five nelle due Semifinali sarà la seguente:
    •    Prima Semifinale: Francia, Italia
    •    Seconda Semifinale: Regno Unito, Spagna, Germania


Oltre ai Paesi "big five”, che sono già qualificati alla finale del 14 maggio, sono state sorteggiate le nazioni che prenderanno parte alle due semifinali del 10 e del 12 per acquisire il diritto alla finale.

Nella prima semifinale, il 10 maggio, gareggeranno Albania, Norvegia, Russia, Portogallo, Lettonia, Svizzera, Slovenia, Danimarca, Armenia, Bulgaria, Moldavia, Austria, Croazia, Islanda, Ucraina, Grecia, Lituania e Olanda.

Nella seconda, il 12 maggio, in competizione ci saranno Montenegro, Australia, Georgia, Cipro, Romania, Repubblica Ceca, Serbia, Finlandia, Azerbaigian, San Marino, Polonia, Belgio, Macedonia del Nord, Svezia, Israele, Malta, Estonia e Irlanda.

I 36 semifinalisti sono stati suddivisi in 6 urne sulla base di schemi di voto storici calcolati da Digame, partner ufficiale dell’Eurovision Song Contest.

L’incontro tra il sindaco di Torino e la presidente della Rai

approfondimento

Eurovision Song Contest, saranno 41 i Paesi partecipanti

Il sindaco di Torino, Stefano Lo Russo, questa mattina ha incontrato a Palazzo Madama la presidente della Rai, Marinella Soldi, prima della cerimonia del passaggio di testimone fra Rotterdam e il capoluogo piemontese per l'Eurovision Song Contest.

La cerimonia di scambio delle insegne appena avvenuta è il primo passo ufficiale verso il 66° Eurovision Song Contest, atteso a Torino per il 10, 12 e 14 maggio 2022. L’hype è già a livelli altissimi, a Torino e non solo. Sarebbe come dire che il Festival della Canzone Italiana è sentito solo nella città di Sanremo, insomma...

Prima della fase cerimoniale vera e propria, il sindaco Lo Russo ha espresso tutto l’entusiasmo suo e della sua città. "Il coinvolgimento e l'impegno della città è massimo, tutta l'amministrazione è coinvolta nella preparazione del più grande evento musicale europeo”, ha affermato.
Al centro dei colloqui pre-cerimonia c’è stato l'impegno della città e la collaborazione con la Rai per l’importantissimo evento canoro.

Alcuni aspetti di tipo organizzativo sono ancora da definire. “Il settore turistico e dell'accoglienza sta recependo alcune richieste specifiche legate alle necessità di alloggiare quasi duemila persone, tra delegazioni dei diversi Paesi partecipanti e addetti ai lavori”,  ha sottolineato Lo Russo.

Marinella Soldi ha posto l’accento sull’importanza che questo show avrà per TELEVISIONE. 

approfondimento

Eurovision 2022, a Torino hotel tutti esauriti per le date dell'evento

“Un appuntamento di massimo rilievo per la Rai e un importante momento di dialogo e collaborazione nell'ambito della European Broadcasting Union”, ha affermato la presidente Soldi, riferendosi all'organismo che riunisce tutti i media di servizio pubblico europeo e che organizza ogni anno Eurovision Song Contest, affiancato in ciascuna edizione da un diverso Paese ospitante.

"Eurovision è una grande vetrina per la città e riporta al centro il messaggio dell'Europa che vogliamo unita, più forte e in grado di rappresentare un fattore di stabilità in questo tempo complicato”, ha aggiunto il sindaco di Torino Stefano Lo Russo.

Il ricordo del compianto David Sassoli

approfondimento

Eurovision, Torino ospiterà l'edizione del 2022

Non è mancato un ricordo commosso dell'ex presidente del Parlamento Europeo, il compianto David Sassoli scomparso lo scorso 11 gennaio.
“Voglio ricordare un altro importante leader europeo che abbiamo perso di recente, il presidente David Sassoli. Credo che questo sia il nostro compito specifico come sindaci, accrescere quei valori e il senso del progetto originario dell'Unione Europee e in questo senso noi, sindaci di Rotterdam e Torino, siamo uniti e abbiamo la comune convinzione che vogliamo un'Europa più forte e unificata", ha concluso il sindaco torinese.

La cerimonia di scambio delle insegne tra Rotterdam e Torino

approfondimento

I Maneskin al Global Citizen Live 2021: la fotostoria del gruppo

La cerimonia è stata condotta da Carolina di Domenico e Mario Acampa, storica voce dello Junior Eurovision Song Contest per la Rai (che ha preso il posto di Gabriele Corsi, risultato positivo al tampone per il Covid-19).

L’evento è stato trasmesso sia in streaming sul canale YouTube dell’Eurovision sia su RAI Play e ha visto partecipare la Presidente Rai Marinella Soldi, il Presidente del Reference Group dell’Eurovision Song Contest Frank-Dieter Freiling, gli Executive Producer Rai Simona Martorelli e Claudio Fasulo e il direttore del Centro di Produzione Tv Rai di Torino Guido Rossi.

Presente all’evento anche il sindaco di Rotterdam, Ahmed Aboutaleb, il cui consiglio è stato: “È necessario lavorare insieme agli imprenditori e ai cittadini per rendere l’Eurovision una grande occasione anche per loro. Così si otterranno le migliori idee e la città vivrà appieno questo meraviglioso evento. È ciò che abbiamo fatto noi con l’allestimento della nostra città e con i festeggiamenti. Lasciate che il festival pervada ogni angolo di Torino! Questa competizione musicale è una sorta di accumulatore di energia positiva. Caricatelo al massimo e lasciate che tutti in città ne traggano vantaggio”.

Il ringraziamento ai Måneskin

approfondimento

Trionfo Måneskin! L'Eurovision Song Contest è italiano dopo 31 anni

Non è mancato chiaramente un ringraziamento ufficiale a coloro a cui dobbiamo il piacere e l'onore di ospitare l'edizione 2022 del contest, i Måneskin.  

 

"Eurovision Song Contest è un grande trampolino di lancio: lo dimostra il successo internazionale dei Måneskin, vincitori dell’ultima edizione, a cui dobbiamo il piacere di essere il paese ospitante quest’anno. Mi auguro che Eurovision 2022 abbia lo stesso spirito e la stessa energia di questa band italiana che con la sua passione, la sua grinta, la forza della sua musica ha conquistato il mondo. Siamo felici che a ospitare la manifestazione sia Torino, la città che è stata la culla della televisione italiana, abituata ai grandi eventi sportivi e culturali e ad accogliere visitatori di ogni Paese”, queste le parole della Presidente Rai Marinella Soldi.

 

Spettacolo: Per te