Lilo e Stitch compie 20 anni, ecco come ha cambiato la tradizione Disney

Cinema

Camilla Sernagiotto

Quest'anno si celebra il 20º anniversario del film di animazione che ha segnato una svolta nella settima arte: una pellicola più completa rispetto alle precedenti; la prima prova animata che propone corpi realistici e accuratezza culturale; il primo personaggio femminile che non vive una storia d'amore... Questo film pionieristico è stato una pietra miliare del grande schermo. Celebriamolo come si merita, innanzitutto riguardandolo su Disney+ (visibile anche su Sky Q e tramite la app su Now Smart Stick)

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie di spettacolo

Il 21 giugno 2002 usciva Lilo e Stitch, il leggendario film di animazione di Disney che ha segnato una svolta nella settima arte.
Fin da subito il pubblico di vent’anni or sono si è accorto di avere di fronte una pellicola più completa rispetto alle precedenti. Gli spettatori si sono stupiti davanti a quella prima prova animata che proponeva corpi realistici e accuratezza culturale. Per questi motivi, oltre a tanti altri che vedremo di seguito, questo film è considerato una pietra miliare del grande schermo. Celebriamolo come si merita, innanzitutto riguardandolo su Disney+ (visibile anche su Sky Q e tramite la app su Now Smart Stick), e poi analizzandolo qui.
 

Come nota Sarah Bahr in un recente articolo apparso sul New York Times, quando il regista Chris Sanders stava iniziando a lavorare su Lilo & Stitch, il supervisore dello sviluppo visivo del film, Sue Nichols, ha fatto un confronto che lo ha sorpreso.
"Ha fatto un disegno fianco a fianco di Mulan accanto a Nani", ha detto Sanders, riferendosi alla sorella maggiore di Lilo. "E ha sottolineato che a Mulan mancano effettivamente pezzi della sua anatomia, se guardi quanto è alto il suo busto”.

Chris Sanders, che ha scritto e diretto Lilo & Stitch assieme a Dean DeBlois, ha optato per uno stile di animazione più completo per questo film. E questa avventura che si ascrive al genere comedy (un’avventura tutta da ridere, tra le più divertenti di casa Disney) ha raccolto tantissimi elogi da parte della critica e del pubblico proprio per la sua fattura realistica, oltre che per l'accuratezza culturale che propone.

La trama

approfondimento

Lightyear, spin off di Toy Story non uscirà in 14 Paesi per bacio gay

Il film racconta la storia di una giovane ragazza hawaiana di nome Lilo. La sua vita verrà sconvolta quando un alieno atterrerà nelle vicinanze di casa sua, alle Hawaii.
“Il film ha gettato le basi per le tendenze dei recenti film Disney, come la mancanza di una storia d'amore e di un protagonista più pessimista”, sottolinea Sarah Bahr sul NYT.

"Quando abbiamo girato gli orologi dagli anni '90 agli anni 2000, tutti pensavano che il mondo sarebbe finito", ha affermato Shearon Roberts, editor del libro Recasting the Disney Princess in an Era of New Media and Social Movements nonché professore associato di comunicazione di massa alla Xavier University di New Orleans. "Quindi tutto il contenuto che stavano creando era meno rivolto verso le fiabe che abbiamo visto negli anni '80 e '90 e più rivolte a questa esplorazione dell'ignoto".
Sanders inizialmente aveva creato la storia di Lilo e Stitch per farla uscire in un libro per bambini, ma poi ha deciso di farla sbarcare sul grande schermo.

Un budget inferiore rispetto ai film Disney

approfondimento

Lightyear - La vera storia di Buzz, la recensione del film

Dopo una serie di uscite di alto profilo assai costose degli anni '90 e dei primi anni 2000 come Atlantis e Tarzan - che sono costati oltre 120 milioni di dollari - i produttori di Lilo e Stitch volevano realizzare un film più "modesto", con un budget da 80 milioni di dollari. DeBlois e Sanders, che avevano lavorato insieme per scrivere Mulan nel 1998, si sono riuniti per co-dirigere e co-sceneggiare.
Daveigh Chase, una giovane attrice ma già assai celebre, ha doppiato Lilo nella versione originale del film. Invece per Stitch è stato lo stesso Sanders a prestare la propria ugola.
 
"Non volevamo andare da un vero attore come Danny DeVito, e poi che lo studio venisse da noi dicendo: 'Perché hai assunto qualcuno che è un'entità nota, ma dicono solo 15 parole?'", ha detto Sanders.
"Mi piace che sia così che lo ricorda", ha detto dal canto suo Clark Spencer, che ha prodotto il film ed è ora presidente dei Walt Disney Animation Studios. “Ma questo era il personaggio di Chris (Sanders) fin dal primo giorno. Ha realizzato il design; sapeva come voleva che fosse il personaggio, come suonasse la voce. Non riesco a immaginare nessuno tranne la voce di Chris per Stitch”, afferma Spencer.

La scelta delle Hawaii come location

Inizialmente la storia si sarebbe dovuta svolgere nelle zone rurali del Kansas, ma dopo una vacanza sull'isola, Sanders ha deciso di ambientare il film in un altro luogo più esotico: Kauai, alle Hawaii.

Lui, DeBlois e altri membri del team creativo hanno fatto un viaggio insieme a Kauai per parlare con la gente del posto e familiarizzare con la cultura hawaiana.

"Una cosa che abbiamo imparato lavorando su Mulan è che quando stai ambientando una storia in un luogo specifico nel mondo reale, ci sono posti in cui non puoi andare", ha detto DeBlois. "Ci sono alcuni elementi culturali che non puoi usare perché sei un outsider".

Il consulente hawaiano

approfondimento

Lightyear-La vera storia di Buzz, Ferrari fa squadra con Disney-Pixar

È stato così che Sanders e gli altri hanno deciso di consultare i musicista hawaiano Mark Keali'i Ho'omalu, per interpellarlo circa la danza hula e gli arrangiamenti corali. Sono stati coinvolti anche i membri del cast vocale (originale, s’intende) cresciuti alle Hawaii, in primis tra tutti Tia Carrere, che ha doppiato Nani, e Jason Scott Lee, che interpretava il suo fidanzato. Proprio loro hanno suggerito modifiche per rendere meglio il dialetto colloquiale di Kauai.

Non abbastanza consultazioni, secondo Shearon Roberts

Shearon Roberts, il già citato autore del libro Recasting the Disney Princess in an Era of New Media and Social Movements, sottolinea però una mancanza: la produzione non avrebbe preso i provvedimenti che sono stati adottati con il film Moana, per esempio assumere un team di sceneggiatori e registi hawaiani. Eppure Roberts, studioso della Xavier University, è convinto che la rappresentazione più realistica delle Hawaii da parte di Lilo e Stitch sia stata l’inizio di tutto: proprio quello sarebbe stato il film che ha dato il la a un nuovo filone.
"La Disney ha davvero faticato a raccontare storie dell'Asia e del Pacifico", ha detto Shearon Roberts. “Ecco perché hanno passato così tanto tempo a mettere insieme un team attorno a Moana, un film che ha avuto un'accoglienza di gran lunga migliore, dal casting all'assicurarsi che alcune parti dell'arco narrativo non rasentassero lo stereotipo. Quindi ci sarebbero alcune lezioni in più su come portare le persone al tavolo per supportare il loro team di sceneggiatori”, sottolinea Roberts, come riporta il New York Times.

Toccate questioni del mondo reale

approfondimento

La serie Cuphead!, annunciata la 2° stagione con un teaser ufficiale

Lilo & Stitch ha toccato per primo questioni del mondo reale a cui i giovani spettatori si sono per la prima volta relazionati al cinema.

Per esempio Nani, la sorella e tutrice legale di Lilo diventata tale (tutrice) dopo che i loro genitori sono stati uccisi in un incidente d'auto, è costretta ad affrontare lotte genitoriali.

Il feedback negativo alla prima proiezione

Nonostante le novità legate a Lilo & Stitch (o forse proprio per via di quelle), il film ha ricevuto un feedback negativo alla prima proiezione.
Sanders ha detto: “Agli spettatori non è piaciuto che Nani abbia afferrato Lilo per il polso in una scena perché credevano erroneamente che Nani fosse la madre di Lilo”.

I realizzatori della pellicola lo hanno poi chiarito servendosi di un trucco insegnato da Howard Ashman. "Ha detto: 'Se vuoi che il pubblico ricordi qualcosa, devi dirlo tre volte, una dopo l'altra'", sottolinea Spencer. "Così abbiamo rifatto la scena", assicurandoci che Lilo e Nani menzionino di essere sorelle tre volte di seguito.

Un’altra lamentela del pubblico del 2002

approfondimento

Dennis Quaid Lucy Liu e Gabrielle Union nel film animato Strange World

Benché la produzione abbia deciso di rimontare il film per correggere il fatto che gli spettatori non si sono accorti che Nani e Lilo erano sorelle, non hanno fatto lo stesso in relazione a un'altra critica mossa dal pubblico di allora.

“Agli spettatori non è piaciuto quando Nani e Lilo hanno urlato l’una contro l’altra”, ha affermato Spencer. "Chris, Dean e io abbiamo detto, 'Ma è vero'", ha aggiunto. "Questo è un momento in cui Nani si sente sotto pressione, quando Lilo si sente fuori posto e cerca di capire chi è”.

Una rappresentazione più realistica dei corpi femminili

La priorità al realismo è stata data anche in relazione a un'altra questione, come sottolinea il NYT.
Il quotidiano americano parla di realismo “in un'altra area: una rappresentazione più realistica dei corpi femminili. Lilo è bassa e paffuta, e Nani ha le cosce grosse e quello che Sanders chiamava ‘un vero bacino’”.

Roberts, lo studioso, ha detto che il film è stato un notevole allontanamento dalla tipica rappresentazione dei corpi firmata Disney. “Nel decennio precedente, le principesse avevano completamente sviluppato i corpi delle donne adulte", ha detto. “Ma permettiamo a Lilo di essere ancora come una bambina. Il suo viso è molto innocente. Abbiamo un corpo che non è una taglia 0: abbiamo la fanciullezza pienamente incarnata nelle nostre dimensioni”.

Lilo è realistica anche per quanto riguarda la personalità

Oltre ad apparire come una bambina a livello fisico, Lilo si rivela per quello che è pure per quanto riguarda la personalità.
"Uno dei luoghi comuni di questi film è che i bambini sono sempre più intelligenti, migliori, più sintonizzati rispetto agli adulti, che vengono interpretati come buffoni", ha detto Sanders. “Ma non l'abbiamo fatto. Lilo morde una ragazzina,[…] dice cose che non hanno senso. Si comporta come una vera ragazzina".

Addio alla storia d’amore

approfondimento

Ms. Marvel, i registi spiegano le similitudini con Batgirl

Lilo, continua Roberts, è stata una delle prime rare protagoniste femminili animate della Disney totalmente priva di un interesse amoroso (a meno che non si consideri la sua passione per Elvis un interesse amoroso, ecco. Meravigliosa battuta che dobbiamo a Sarah Bahr del New York Times. Diamo a Sarah Bahr quel che è di Sarah Bahr).

Scegliendo di concentrarsi invece sul rapporto tra sorelle di Lilo e Nani, lo studio ha finalmente realizzato il capovolgimento di un archetipo che era stato affermato fin da Biancaneve e i sette nani, ha aggiunto Roberts.

Addio al principe azzurro come deus ex machina

Negli anni '90 la Disney aveva rilevato lentamente il messaggio: "Un giorno il mio principe verrà". Continua così lo studioso Roberts, aggiungendo che i film come La bella e la bestia, Aladdin e Mulan hanno fatto capire alla Disney che un film con una protagonista femminile forte quanto il suo interesse amoroso maschile è una garanzia di soldoni al botteghino. Invece "Lilo fa un passo avanti eliminando l'interesse amoroso maschile”.

Lilo HA INDICATO LA VIA A Moana, Merida di Brave e Riley da Inside Out

Janet Wasko, autrice del libro Understanding Disney: The Manufacture of Fantasy, ha notato che concentrandosi su una protagonista femminile senza una trama romantica o matrimoniale, Lilo & Stitch ha aperto la strada a future star Disney femminili come Moana, Merida di Brave e Riley da Inside Out.

È stato comunque un successo

Checché se ne si dica, Lilo & Stitch si è rivelato un successo di critica e anche a livello commerciale. Ha incassato solo 500.000 dollari meno del thriller di fantascienza di Tom Cruise Minority Report, per intenderci. Ha guadagnato un totale di 273 milioni di dollari a livello globale.
Ha anche ottenuto una nomination all'Oscar come miglior film d'animazione (statuetta che è stata vinta da La città incantata di Hayao Miyazaki).

Lilo ha generato un franchise che comprende tre sequel e tre serie televisive, oltre a un enorme numero di giostre nei parchi Disneyland. C'è anche un remake live-action in fase di sviluppo.

La fierezza di aver lavorato a Lilo e Stitch

approfondimento

Frozen avrebbe contribuito a risolvere un misterioso caso del 1959

"È uno dei film in cui, quando la gente dice 'A cosa hai lavorato?', senti letteralmente un cambiamento quando dici Lilo & Stitch", ha detto Spencer.

Il pubblico per la prima volta si è rispecchiato in personaggi animati, trovandosi di fronte figure e situazioni in cui si potevano relazionare. La frustrazione di Lilo per essersi sentita incompresa; la determinazione di Nani nonostante un mondo che ostacola continuamente le sue buone intenzioni; la natura ribelle di Stitch… tutto ciò era ascrivibile a novità assolute nel mondo del cinema d’animazione.

"Quando è uscito il film, è di questo che hanno parlato molti critici", ha detto Spencer. "Quei momenti che erano basati sulla realtà in un modo in cui le persone potevano vedersi, e non sembrava che fossero personaggi dei cartoni animati".

Da parte sua, Chris Sanders ci tiene a far notare come la relazione tra le due sorelle Lilo e Nani anticipi Frozen di oltre un decennio.

"Per essere chiari, penso che Frozen sia fantastico", ha detto Sanders. “Ma è stato un po' frustrante per me perché le persone dicevano, 'Finalmente, una relazione non romantica con queste due ragazze' e ho pensato: 'Ci siamo riusciti! Questo è stato assolutamente fatto prima’”.

Spettacolo: Per te