Venom - la furia di Carnage, la recensione del film con Tom Hardy e Woody Harrelson

Cinema

Paolo Nizza

Tom Hardy ritorna sul grande schermo nel ruolo del ‘protettore letale’ Venom, uno dei personaggi Marvel più enigmatici e complessi. Diretto da Andy Serkis, tra i protagonisti anche Michelle Williams, Naomie Harris e Woody Harrelson, nel ruolo del villain Cletus Kasady/Carnage. Al cinema dal 14 ottobre

“I fatti sono nemici della verità” Lo diceva Don Chisciotte e lo ripete il giornalista Eddy Brock, il protagonista di Venom - la furia di Carnage, al cinema dal 14 ottobre. Un gratificante corto circuito consumato davanti al Monumento a Miguel Cervantes, situato a due passi dal Golden Gate di San Francisco. Come l’alieno e l’umano, l’alto e il basso, la letteratura e i fumetti si fondono insieme in una delle sequenze più riuscite del film.  L’uomo e il simbionte si trasfigurano nel cavaliere della Mancha e nello scudiero Sancho Panza. In fondo ci confrontiamo sempre con gli archetipi che spesso adorano soggiornare nei film di genere, nei B-Movie, in pellicole chiassose, esuberanti, svalvolate come questo sequel 

Venom-La furia di Carnage tra ironia e azione

approfondimento

Venom: La Furia di Carnage, la clip con la 1°trasformazione di Carnage

Si sa, non c’è niente di più serio del gioco. Cosi Venom - La furia di Carnage si balocca con gli stilemi dei Buddy Movie degli anni Ottanta e Novanta. Eddy e il parassita extraterrestre sembrano una versione delirante del duo formato da Mel Gibson e Danny Glover in Arma Letale. Anzi, talvolta, paiono una coppia di fatto, i protagonisti di una sit-com perduti tra le schermaglie d’amore. Ça va sans dire, trattandosi pur sempre di un cinecomic griffato Marvel, l’action non manca, Tra rintocchi di campana, altari e confessionali, la sfida finale sullo sfondo della cattedrale di Frisco, oppure l’adrenalinica evasione dal carcere di San Quintino ricordano il primo Tim Burton, anche se qui è la computer graphic a farla da padrona. Tuttavia, i momenti più efficaci sono quelli del racconto intimo di un freak incompreso. Un mostro che anelerebbe pasteggiare a cervelli umani, ma che si accontenta di schidionate di cioccolata, un alieno che come animali domestici ha due galline chiamate Sonny e Cher. Insomma, c’è un “pop” di tutto in questa epifania di cultura camp e suggestioni kitsch, anche un invito a tentare di vivere tutti insieme in armonia su questo globo terracqueo. Frase che pronunciata da un doppelganger alieno dagli afflati cannibalici, nel corso di un rave, assume grazie alla sua imprevedibilità, un’efficacia inaspettata

Tom-Venom-Hardy contro Woody-Carnage-Harrelson

approfondimento

Tom Hardy compie 44 anni: i suoi film più belli, da Venom a Revenant

In questo ipertrofico coté citazionista, che avvolge il film, parimenti ai letali tentacoli di Venom, la partecipazione di Woody Harrelson è azzeccata quanto un’oliva in un martini cocktail. Con un haircut punibile per legge e il ghigno luciferino di un Natural Born Killer (Oliver Stone docet), l’attore ci offre un villain funzionale a una storia in cui la sospensione dell’incredulità è d’obbligo. Basti pensare all’importanza mediatica che il suo malevolo personaggio, Cletus Kasady, alias, Carnage, dà ancora alla carta stampata. Sicché solo Tom Hardy (doppiato da Adriano Giannini), stropicciato nella sua varsity jacket dei Detroit Lion, poteva tenere testa a un istrione crudele, psicotico ma pure innamorato pazzo. Perché, oltre a essere in fissa per la carneficina, il furioso antagonista ama Frances Louise Barrison, meglio nota come Shriek, interpretata da Naomie Harris. Una Erinni maltrattata dalla vita e capace di uccidere con la sua voce. Tant’è che a differenza di tanti altri titoli con protagonisti supereroi, in Venom - La furia di Carnage a nessuno importa di conquistare o distruggere il mondo. Si tratta solo di vendicarsi, magari con una maniera un filo esagerata, di chi riteniamo ci abbia fatto del male.

Venom 2, La regia di Andy Serkis funziona

approfondimento

Venom: la furia di Carnage, anticipato il film con Tom Hardy: la data

Se il film funziona, se questo eroe/antieroe che dialoga con se stesso come Marco Aurelio, ma non con i medesimi risultati, ci convince, il merito è pure del regista Andy Serkis.  A suo agio con i reietti e gli incompresi divorati dalle proprie ossessioni, l’ex Gollum gioca bene le sue carte e dosa con sagacia ironia e azione, tra tenebre e luce. L'attore e regista britannico attinge all'immagianrio di Todd McFarlane  (non a caso autore anche di Spawn)  per creare u un cinecomic sbarazzino e al tempo stesso fosco. Anche per quanto concerne la consueta sequenza incastonata fra i titoli di coda.  Perché quando il protagonista è un io diviso, nonostante il vento tra i capelli, la sabbia tra i piedi e il mare all’orizzonte, il pericolo è sempre in agguato. E come per Don Chisciotte, le illusioni possono trasformarsi in realtà e i mulini diventare davvero giganti dalle braccia rotanti.

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.