Esa: l'affascinante scatto dei satelliti sul Queensland, in Australia

Scienze

L’European Space Agency ha diffuso un’immagine, elaborata, che monitora una particolare area pastorale situata nel sud-ovest del Paese, ovvero Channel Country, particolarmente importante per la sua biodiveristà

Nell’ambito del progetto “Earth from Space”, l’European Space Agency (Esa) si serve dei due satelliti della missione Copernicus Sentinel-2 per monitorare attentamente la Terra vista dallo spazio. Uno degli ultimi, curiosi, scatti proposti riguarda una parte di Channel Country, una regione pastorale situata nel sud-ovest del Queensland, in Australia. Il nome di quest’area, estesa per 155000 kmq, deriva dai numerosi fiumi e canali intrecciati che la attraversano e che sono particolarmente evidenti durante i periodi di piena.

La descrizione del paesaggio

approfondimento

Diesel nel fiume, disastro ambientale in Siberia ripreso dai satelliti

Il paesaggio è prevalentemente arido e comprende terreni alluvionali pianeggianti che vengono drenati dai fiumi Georgina, Thomson, Diamantina e Barcoo. Questa regione, di solito desertica, diventa rigogliosa e favorisce la crescita della vegetazione dopo periodi di inondazioni. Quindi il terreno viene utilizzato per il pascolo del bestiame. Alla fine di marzo 2019, si legge proprio sul sito dell’Esa, il ciclone tropicale Trevor ha colpito il nord-ovest del Queensland e ha prodotto una serie di forti piogge. Secondo l'Ufficio del governo australiano di meteorologia, livelli di alluvione sono stati registrati in tutti i bacini di Channel Country. L’immagine a “falsi colori”, catturata dai satelliti dell’Esa poco dopo il passaggio del ciclone, è datata 5 aprile 2019 ed è stata elaborata in modo che i colori facciano riferimento a differenti lunghezze d'onda che normalmente l’occhio umano non può percepire, il che rende ad esempio la vegetazione di un rosso brillante. Fango e sedimenti nelle acque dei fiumi Georgina e Diamantina e gli altri canali più piccoli risaltano invece grazie alla colorazione in ciano. Il deserto, il terreno nudo e le rocce, infine, sono visibili nei toni del verde.

L'area fotografata dai satelliti dell'Esa
L'area fotografata dai satelliti dell'Esa - Copernicus Sentinel data (2019), processed by ESA, CC BY-SA 3.0 IGO

Tre laghi d’acqua dolce

approfondimento

Lo scatto dei satelliti sopra il deserto più antico della Terra. FOTO

Nella parte in basso a sinistra dell'immagine è, invece, visibile l'area del lago Machattie. Si tratta di una vasta zona di circa 900 km quadrati che comprende tre laghi d'acqua dolce: il lago Machattie appunto, poi il lago Mipia e il lago Koolivoo e due pianure alluvionali vicine. La regione è particolarmente popolata da uccelli importanti per la biodiversità: si stima siano oltre 300.000 gli uccelli acquatici che transitano per la zona, monitorata dallo spazio per segnalare eventuali fenomeni naturali che possano alterarne l’ecosistema.

Scienze: I più letti