Covid-19, Guerra (Oms): “I reparti di Medicina Interna di mezza Italia sono saturi”

Salute e Benessere

Il direttore aggiunto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) invita a rafforzare la prima linea e metterla nelle condizioni di filtrare i ricoveri

I reparti di Medicina Interna di mezza Italia sono saturi. A lanciare l’allarme, nel corso di un intervento ad Agorà (su Rai 3) è stato Ranieri Guerra, direttore aggiunto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms). Le sue parole indicano che oltre alle terapie intensive, anche altri reparti sono in difficoltà a causa della seconda ondata dell’emergenza coronavirus Sars-CoV-2 (segui la DIRETTA di Sky TG24). “Il dato allarmante, dal mio punto di vista, è quello dei ricoveri ordinari, che sta saturando i reparti di Medicina interna di mezza Italia. Questo è un dato su cui è assolutamente fondamentale riflettere, perché rappresenta la sofferenza del territorio e il fatto che la prima linea venga superata”, ha spiegato Guerra. “La prima linea deve essere rafforzata e messa in grado di filtrare i ricoveri. Alcuni di questi, infatti, sono ricoveri sociali, nel senso che sono persone anziane o malate che non trovano risposta a livello domiciliare”, ha aggiunto.

Convegno europeo Knowledge Hub dell'organizzazione mondiale della Sanita' su salute e migrazione, nella foto il direttore generale per la salute e prevenzione sanitaria del ministero Ranieri Guerra (Alberto Lo Bianco/Fotogramma, palermo - 2016-11-15) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate
Convegno europeo Knowledge Hub dell'organizzazione mondiale della Sanita', su salute e migrazione

Guerra: “È un errore politicizzare le nuove misure”

approfondimento

Nuovo Dpcm, è possibile fare visita ai congiunti? Le regole per zona

Commentando i parametri scelti per la divisione in zone previsti nel nuovo Dpcm, Guerra ha spiegato che “il sistema degli indicatori su cui si basa la distinzione delle zone è basato sulla evidenza fattuale, questo serve proprio a disinnescare la negoziazione politica che, altrimenti, avrebbe portato chissà dove. È un momento in cui non ce lo possiamo permettere, credo che sia un grave errore anche politicizzare o cercare di buttarla sulla discussione e sulla negoziazione”.

La risalita della curva

Parlando con Adnkronos, due settimane fa Guerra aveva dato la sua opinione sulla risalita della curva dei contagi di coronavirus. "Nella seconda metà di ottobre avevamo detto e ripetuto che la situazione sarebbe stata critica perché corrispondeva a due periodi incubatori: la riapertura delle scuole e la ripresa in pieno servizio della pubblica amministrazione. Non c'è nulla di inatteso. C'è però un aumento della mortalità ancora limitato e tutto sommato un intasamento delle terapie intensive ancora gestibile".

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24