Coronavirus, i bimbi più piccoli contagiosi come gli adulti: lo studio

Salute e Benessere

A sostenerlo è uno studio, pubblicato sulla rivista scientifica “Jama Pediatrics” e condotto dagli esperti dell'ospedale pediatrico Ann & Robert H. Lurie di Chicago, secondo cui anche i bambini sotto i 5 anni possono trasmettere il virus

"Il nostro studio non è stato progettato per dimostrare che i bambini più piccoli diffondono il Covid-19 tanto quanto gli adulti, ma è una possibilità. Dobbiamo tenerne conto negli sforzi per ridurre la trasmissione mentre continuiamo a conoscere meglio questo virus". E’ questa la premessa che ha fatto Taylor Heald-Sargent, specialista in malattie infettive, nel presentare i risultati di uno studio effettuato dagli esperti dell'ospedale pediatrico Ann & Robert H. Lurie di Chicago, secondo cui anche i bambini più piccoli possono trasmettere il virus Sars-Cov2, proprio come quelli più grandi o come gli adulti.

Il focus sui bambini sotto i 5 anni

approfondimento

Coronavirus mondo, oltre 17 milioni di casi. In Usa 1.400 morti in 24h

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica “Jama Pediatrics”,  ha permesso di scoprire, in particolare, che anche i bambini di età inferiore ai 5 anni che hanno contratto forme di coronavirus da lievi a moderate, manifestano una carica virale maggiore rispetto ai bambini più grandi e agli adulti, In sostanza, in base al lavoro di ricerca degli scienziati americani, esiste la possibilità che anche i bambini più piccoli trasmettano il virus, così come può succedere nelle persone di altre fasce di età.  “Questa scoperta ha importanti implicazioni a livello di salute pubblica, in particolare durante le discussioni sulla sicurezza della riapertura delle scuole e degli asili", ha spiegato Heald-Sargent, autore principale dello studio e professore presso la Northwestern University Feinberg School of Medicine.

Analizzati 145 casi

Gli esperti, nell’affrontare la ricerca e come segnala proprio il sito dell’ospedale pediatrico di Chicago, hanno analizzato 145 casi di malattia, in forme da lieve a moderata, entro la prima settimana dall'esordio dei sintomi. Hanno confrontato la carica virale in tre gruppi di età: bambini di età inferiore ai 5 anni, bambini di età compresa tra 5 e 17 anni e adulti di età compresa tra 18 e 65 anni. Il confronto ha fatto emergere i risultati poi diffusi che, hanno spiegato gli esperti, sorprendono solo se si pensa che la capacità dei bambini più piccoli di diffondere il coronavirus potrebbe essere stata sottovalutata a causa della chiusura rapida e sostenuta delle scuole e degli asili durante la pandemia. "Abbiamo visto che i bambini sotto i 5 anni con Covid-19 hanno una carica virale maggiore rispetto ai bambini più grandi e agli adulti, il che può suggerire una maggiore trasmissione, come vediamo con il virus respiratorio sinciziale, noto anche come RSV", ha aggiunto l’esperto.  

Salute e benessere: Più letti