Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Emicrania, troppa caffeina potrebbe essere una causa scatenante

I titoli di Sky Tg24 delle ore 8 del 9/8

3' di lettura

Una ricerca condotta dal Beth Israel Deaconess Medical Center ha evidenziato come tre o più porzioni di bevande contenenti caffeina possano essere associate a maggiori probabilità di insorgenza della patologia 

Troppo caffè o bibite con caffeina possono essere causa di un attacco di emicrania il giorno stesso o il giorno seguente il consumo. Lo ha rivelato una complessa ricerca, condotta dalla dottoressa Elizabeth Mostofsky del Beth Israel Deaconess Medical Center e dell’Harvard T.H. Chan School of Public Health a Boston, pubblicata sulla rivista ‘The American Journal of Medicine’. In questo studio sono stati coinvolti 98 adulti che hanno manifestato frequenti episodi di emicrania e ne hanno tenuto conto in un diario elettronico due volte al giorno per un minimo di sei settimane, fornendo dati su 825 emicranie durante 4.467 giorni di osservazione.

Le auto rilevazioni dei pazienti coinvolti

Ogni giorno, i partecipanti allo studio hanno riportato sul diario le porzioni totali di caffeina, tè, bibite gassate e bevande energetiche che hanno consumato, oltre ad aver compilato rapporti dettagliati che riguardavano il mal di testa, specificandone l'insorgenza, la durata, l'intensità e i farmaci usati per combatterla. I partecipanti hanno anche fornito informazioni dettagliate su altri fattori scatenanti dell'emicrania, inclusi l'assunzione di bevande alcoliche, i livelli di attività, i sintomi depressivi, lo stress psicologico, i modelli di sonno e i cicli mestruali. I ricercatori coinvolti nel lavoro, elaborando i dati, hanno scoperto che, tra i pazienti che soffrono di emicrania episodica, una o due porzioni di bevande contenenti caffeina non erano associate a mal di testa nel giorno del consumo, ma tre o più porzioni di bevande contenenti caffeina possono essere associate a maggiori probabilità di insorgenza di emicrania, sia nel giorno stesso del consumo sia in quello successivo. Tuttavia, tra le persone che raramente consumavano bevande contenenti caffeina, anche una o due porzioni aumentano le probabilità di avere mal di testa nel giorno del consumo. "Quelle porzioni contengono da 25 a 150 milligrammi di caffeina, quindi non possiamo quantificare la quantità di caffeina associata ad un aumentato rischio di emicrania. Tuttavia, in questa analisi condotta nell'arco di sei settimane, l'assunzione di bevande contenenti caffeina da parte di ciascun partecipante dovrebbero essere abbastanza coerenti con le conclusioni dello studio", hanno specificato i ricercatori.

Il duplice ruolo della caffeina

"Mentre alcuni potenziali fattori scatenanti, come la mancanza di sonno, possono solo aumentare il rischio di emicrania, il ruolo della caffeina è particolarmente complesso, perché può scatenare un attacco ma aiuta anche a controllare i sintomi", ha affermato la Mostofsky. "L'impatto della caffeina dipende sia dalla dose che dalla frequenza di utilizzo, ma poiché ci sono stati pochi studi prospettici sul rischio immediato di emicrania a seguito dell'assunzione di bevande contenenti caffeina, ci sono prove limitate per formulare raccomandazioni dietetiche per le persone che soffrono di emicrania”, ha precisato l’esperta.

Una o due porzioni non sono associate al rischio

Per valutare il legame tra l'assunzione di bevande contenenti caffeina e l'emicrania nello stesso giorno o il giorno seguente, il team di esperti ha confrontato l'incidenza dell’emicrania di un singolo partecipante nei giorni in cui ha assunto bevande contenenti caffeina con quella dello stesso partecipante nei giorni in cui non ne aveva assunta. I ricercatori hanno ulteriormente abbinato l'incidenza del mal di testa al giorno della settimana, eliminando le abitudini del fine settimana rispetto a quelle del giorno della settimana che possono anche avere un impatto sull'emicrania. "Nonostante l'elevata prevalenza di emicrania e sintomi spesso debilitanti, un'efficace prevenzione dell'emicrania rimane sfuggente per molti pazienti", ha affermato Suzanne M. Bertisch, altra firmataria dello studio. "È interessante notare che, nonostante alcuni pazienti con emicrania episodica pensino di dover evitare la caffeina, abbiamo scoperto che bere una o due porzioni al giorno non era associato a un rischio maggiore di mal di testa”, ha concluso la dottoressa.  

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"