Coronavirus Roma, lo Spallanzani: "93 ricoverati, finora 476 dimessi"

Lazio
©Ansa

Così il bollettino: "Di questi 40 sono casi confermati Covid-19, di cui 31 attualmente ancora positivi al tampone per la ricerca Sars-CoV 2, 53 sottoposti a indagini. Sei i pazienti che necessitano di supporto respiratorio"

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi a Roma

 

In questo momento sono ricoverati all'istituto Spallanzani di Roma "93 pazienti. Di questi 40 sono casi confermati Covid-19, di cui 31 attualmente ancora positivi al tampone per la ricerca Sars-CoV 2, 53 sottoposti a indagini", così il bollettino di oggi.

Nel frattempo, si allarga il focolaio al San Raffaele Pisana: 104 i contagi, cinque i decessi.

Il coronavirus ferma anche Roma-Pride. Per la prima volta, dopo 26 anni, nella Capitale non ci sarà la parata che ogni giugno dal 1994 sfila per le strade del centro, con carri, balli e canti, per rivendicare i diritti per la comunità Lgbtqia. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI)

19:23 - Palazzo occupato a Roma, cluster chiuso

"Il cluster presso lo stabile in piazza Attilio Pecile a Garbatella è chiuso. Non ci sono più casi positivi all'interno della struttura, i casi positivi sono tutti trasferiti e sono stati ricostruiti i contatti stretti. Sono stati eseguiti i tamponi a tutti e verrà mantenuta ora una sorveglianza sulla struttura da parte della Asl Roma 2". Lo comunica l'Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio.

18:58 - Fase 3: Regione, da lunedì formazione professionale in presenza

"Da lunedì 15 giugno riprenderanno tutte le attività inerenti la formazione professionale in presenza, comprese quelle di tipo teorico. Il provvedimento è stato formalizzato oggi dal Presidente Nicola Zingaretti in un'ordinanza sulla ripresa di diverse attività, tra le quali la formazione". E' quanto fa sapere in una nota Claudio Di Berardino, assessore al Lavoro e Formazione della Regione Lazio. "In quest'ambito - spiega - la scelta segue il Dpcm del 12 giugno ed è frutto di accordi siglati con le altre regioni italiane e delle linee guida elaborate in sede di Conferenza delle Regioni con il supporto degli uffici di prevenzione dei Dipartimenti di Sanità pubblica. I criteri per la ripartenza adottati sono quelli che hanno già guidato il riavvio delle attività economiche, dei tirocini e delle attività pratiche legate alla formazione: massima sicurezza per i presenti, dotazioni sanitarie, sanificazione degli ambienti, distanziamento sociale e ricorso alle modalità web quando la presenza non possa essere svolta in condizioni di sicurezza.".

18:20 - A Saxa Rubra due asintomatici: “Stanno bene”

“Care Colleghe, cari Colleghi, come vi avevamo informato giovedì scorso, abbiamo avuto tre casi positivi presso la sede di Saxa Rubra riconducibili al cluster San Raffaele Pisana”. A scriverlo è la task force Rai dedicata al coronavirus in una lettera ai dipendenti. La lettera segue il tracciamento sviluppato dalla ASL RM1, che aveva portato all'isolamento di 9 dipendenti della sede Rai di Saxa Rubra, a cui sono stati eseguiti i tamponi.

17:57 - Da lunedì ok congressi, fiere e cerimonie 

Da lunedì via libera nel Lazio a fiere, congressi, cerimonie, nonché attività che si svolgono in discoteche e simili, con eccezione delle attività di ballo. Lo prevede la nuova ordinanza firmata dal Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti avente ad oggetto 'Ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid-2019. Aggiornamento delle Linee Guida inerenti la riapertura delle attività economiche, produttive e sociali'. Il provvedimento consente inoltre a partire dal primo luglio 2020 le attività di ballo all'aperto, nonché le attività di sale giochi, sale scommesse e sale bingo. L'ordinanza inasprisce le condizioni per l'accesso a discoteche e simili imponendo la misurazione febbre all' ingresso, non lasciandolo come mero consiglio o possibilità. Chi ha più di 37,5 non potrà entrare. Gli spazi, tra l'altro, andranno riorganizzati "per garantire l'accesso in modo ordinato, al fine di evitare assembramenti di persone. Al solo fine di definire la capienza massima del locale, garantire almeno 1 metro tra gli utenti e almeno 2 metri tra gli utenti che accedono alla pista da ballo. Se possibile organizzare percorsi separati per l'entrata e per l'uscita". Più in generale, le attività a cui dà il via libera l'ordinanza dovranno svolgersi "assicurando il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per il personale, sia per i partecipanti che non siano abitualmente conviventi, con il numero massimo di 1000 partecipanti all'aperto e di 200 in luoghi chiusi, per ogni singola sala”.

16:31 - Registrati 5 nuovi casi per il focolaio San Raffaele

"Oggi registriamo un dato di 16 casi positivi (ai quali si aggiungono 9 recuperi di notifiche) di cui 5 riferibili al focolaio del San Raffaele Pisana di Roma e di questi due sono tecnici del centro Rai di Saxa Rubra che sono contatti dei contatti del caso indice (un paziente del San Raffaele Pisana). A Saxa Rubra è in corso l'indagine epidemiologica e i tamponi", ha detto l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato. "Il focolaio raggiunge così un totale di 104 casi positivi e 5 decessi correlati – spiega D'Amato - Bisogna mantenere alta l'attenzione oggi senza i cluster avremmo registrato solamente 2 nuovi casi ed è positiva la stabilizzazione nelle province che registrano zero casi e zero decessi con Viterbo che non ha nuovi casi da circa 15 giorni".

"L'indagine epidemiologica sul cluster San Raffaele Pisana viene eseguita a ritroso a partire dal primo maggio e la Asl Roma 3 sta chiamando i pazienti dimessi dalla struttura presso i drive-in (aperti anche domani) per effettuare i test sierologici" prosegue l'assessore aggiungendo che "oltre al Numero Verde 800.118.800 la Asl Roma 3 ha messo a disposizione il numero 333.6106975 per i pazienti dimessi dal primo di maggio e loro contatti stretti per avere tutte le informazioni necessarie". "Il focolaio è sotto controllo e sembra rallentare e sono in corso le operazioni per trasferire 64 pazienti dai reparti di medicina e riabilitazione cardiologica e respiratoria presso strutture ospedaliere - prosegue D'Amato - Cluster chiuso anche a Montopoli (Rieti) dove sono tutti negativi i tamponi eseguiti nell'ambito dell'indagine epidemiologica riferibile all'Irccs San Raffaele Pisana ed è stato comunicato al sindaco. Alla Garbatella sono 9 i casi positivi riferibili al cluster dello stabile di Piazza Attilio Pecile. Tutti già trasferiti". "Proseguono le attività per i test sierologici sugli operatori sanitari e le Forze dell'ordine. I decessi sono stati 2 nelle ultime 24h ai quali si aggiungono 23 recuperi di notifiche per valutazione di accertamento, mentre è record dei guariti che hanno più che triplicato gli attuali positivi e sono complessivamente 5.779 unità" commenta l'Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D'Amato.

15:35 - Palazzo occupato a Roma, 9 finora i casi positivi

Sono 9 finora i casi positivi di coronavirus registrati all'interno del palazzo occupato alla Garbatella. Secondo quanto si è appreso, si tratta del nucleo familiare risultato positivo e di altre quattro persone. Sono stati tutti trasferiti in strutture dedicate.

Secondo quanto si è appreso, all'interno del palazzo occupato vivono circa cento persone di varie nazionalità tra cui italiani, bulgari, peruviani, senegalesi e tunisini. Complessivamente si tratta di 45 nuclei familiari con bambini. Lo stabile di sette piani, un ex edificio della Asl dismesso occupato anni fa, è stato isolato. Sul posto gli agenti del commissariato Colombo che hanno circoscritto l'area da cui è vietato entrare e uscire.

14:45 -  Asl Roma 1: tre nuovi casi per focolaio S. Raffaele Pisana 

"Tre nuovi casi positivi di cui due tecnici del Centro Rai di Saxa Rubra (in corso indagine epidemiologica, eseguiti 70 test), riferibili al cluster dell'Irccs San Raffaele Pisana". Lo rende noto la Asl Roma 1 sulla pagina Facebook "Salute Lazio". "12 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare" prosegue la Asl. 

14:39 - Asl Roma 2: 9 nuovi casi cluster palazzo occupato a Roma 

Nove nuovi casi positivi riferibili al cluster del palazzo occupato di piazza Attilio Pecile in zona Garbatella a Roma. Lo rende noto la Asl Roma 2 sulla pagina Facebook "Salute Lazio". Sono stati "tutti trasferiti presso altre strutture dedicate - prosegue la Asl - al momento non ci sono casi positivi all'interno della struttura". Ieri una famiglia che abitava nel palazzo è risultata positiva al Covid ed è stata subito trasferita all'Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Palidoro. Sono stati eseguiti i tamponi e i test sierologici a tutti i presenti della struttura. Il palazzo è stato già da ieri isolato e gli agenti del commissariato Colombo hanno transennato l’area.

13:51 - Roma Pride 2020, dopo 26 anni niente parata

Il Coronavirus ferma anche Roma-Pride. Per la prima volta, dopo 26 anni, a Roma non ci sarà nella Capitale la parata che ogni giugno dal 1994 ha sfilato nelle strade del centro, con carri, balli e canti, per rivendicare i diritti delle persone Lgbtqia. "Quest'anno il Roma Pride, con grande senso di responsabilità, si è fermato perché non era possibile chiamare i grandi numeri della nostra piazza garantendo la sicurezza per tutte e tutti" spiega Sebastiano Secci portavoce del Roma Pride e presidente del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli. "Il Pride - aggiunge - è contaminazione, sovrapposizione di spazi, di lotte, di esperienze e di vite. Dal 1994 andare al Roma Pride significa attraversare le strade della nostra città con le nostre musiche, i nostri carri ma soprattutto i nostri corpi e le nostre rivendicazioni. In piazza portiamo le nostre istanze sociali, politiche e culturali ma lo facciamo rivendicando anche un modo di manifestare il nostro orgoglio che appartiene, ormai da oltre 50 anni, alla comunità Lgbtqai internazionale". Secci spiega pero' che non poter "scendere in piazza non significa fermare le nostre lotte. La nostra comunità da decenni lotta e continuerà a farlo, perché noi da sempre lottiamo con orgoglio".

10:47 - Lo Spallanzani: "93 ricoverati, finora 476 dimessi"

In questo momento sono ricoverati all'istituto Spallanzani di Roma "93 pazienti. Di questi 40 sono casi confermati Covid-19, di cui 31 attualmente ancora positivi al tampone per la ricerca Sars-CoV 2, 53 sottoposti a indagini. Sei i pazienti che necessitano di supporto respiratorio. I pazienti dimessi e trasferiti a domicilio o in altre strutture territoriali sono a questa mattina 476". Lo si apprende dal bollettino medico di oggi dell'Istituto.

10:33 - Virginia Raggi: "Riaprono in sicurezza Tourist Info point"

"Sono di nuovo aperti al pubblico i Tourist Info Point di via dei Fori Imperiali, via Minghetti e Castel S. Angelo. Ambienti sanificati, grafiche a terra per garantire le distanze interpersonali e dispositivi in plexiglas per le postazioni degli operatori: i nostri servizi dedicati all'accoglienza tornano operativi in tutta sicurezza". Così la sindaca di Roma, Virginia Raggi, su Facebook.

8:39 - Furti durante il lockdown, presa banda dei supermercati

Hanno messo a segno furti anche durante il lockdown, ma sono stati arrestati dai carabinieri. Sei i colpi in supermercati compiuti in quel periodo a distanza di pochi giorni in tutta la provincia di Roma. Custodia cautelare in carcere per cinque persone accusate di aver formato una associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti ai danni di esercizi commerciali, legati alla grande distribuzione, in cui svaligiavano le casseforti. 

8:35 - Il virus non molla nel Lazio (e nemmeno in Lombardia)

Nel Lazio l'indice Rt monitorato dal ministero della Salute e dall'Istituto Superiore di Sanità in tutte le regioni, è a quota 0,93 contro lo 0,75 della scorsa settimana, attestando la Regione in coda alla classifica, seguita solo dalla Puglia che ha lo 0,94. Il dato si riferisce ai casi con data prelievo/diagnosi nella settimana dell'1-7 giugno (aggiornati al 9 giugno) confrontati con la settimana del 25-31 maggio. Sul fronte del cluster del San Raffaele, prosegue l'indagine epidemiologica che andrà a ritroso a partire dal primo maggio e già sono stati chiamati i primi 200 pazienti dimessi dalla struttura presso i drive-in per effettuare i test sierologici. L'attenzione resta altissima e i pazienti positivi sono stati tutti trasferiti. Proseguono le attività per i test sierologici sugli operatori sanitari e le Forze dell'ordine. I due deceduti nelle ultime 24 ore riferibili al focolaio sono due donne di 82 anni e 89 anni, entrambe proveniente dalla struttura e morte la prima all'ospedale militare del Celio e al seconda al POliclinico Gemelli. I pazienti sono tutti in trasferimento verso l'Istituto Spallanzani ed è stato dato mandato alla struttura San Raffaele di comunicare tempestivamente le informazioni ai famigliari. Intanto nel Lazio è record di guariti: 317 nelle ultime 24h e complessivamente raggiungono le 4.913 unità.

8:21 - Si allarga il focolaio al San Raffaele Pisana: 99 positivi e cinque decessi

Si allarga il focolaio romano al San Raffaele Pisana. Ieri dei 27 casi rilevati ben 22 sono riferibili al focolaio dell'istituto di riabilitazione che raggiunge così numeri consistenti: 99 positivi e cinque decessi, due nelle ultime 24 ore.

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24