Pd, Bonaccini "Ero comunista e non me ne vergogno, Schlein è un'amica"

Politica
©IPA/Fotogramma

Il candidato alla segreteria del Pd in un'intervista al Corriere della Sera parla delle sue due grandi passioni: il calcio e la politica. La Meloni " è una che ha fatto la gavetta", della Schlein " se toccherà a me, la metterò nella segreteria" e sulle primarie del 26 febbraio scommette che verranno in tanti a votare perchè "la Sinistra esiste ancora in Italia"

ascolta articolo

“Sono stato un comunista emiliano. E non ho nulla di cui vergognarmi; anzi, ne sono orgoglioso”. Così si descrive il candidato alla segreteria del Pd e presidente dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini in un’intervista al Corriere della Sera.  Si definisce “ malato di calcio” e da piccolo sognava di fare il calciatore: “volevo giocare centravanti ma a nove anni fui operato”  poi a vent’anni ha iniziato a fare politica nel Pci. “Non posso e non voglio dire di non essere mai stato comunista” afferma Bonaccini che ricorda: “Quando Occhetto disse che dovevamo cambiare nome e simbolo, pensai: finalmente. E convinsi i miei genitori”. Padre camionista, madre operaia emigrata in Svizzera " entrambi erano militanti” ammette Bonaccini che dichiara “ il comunismo sovietico ha distrutto la libertà” poi aggiunge “ però bisogna ricordare che i comunisti italiani hanno contribuito a liberare il Paese. E a fare dell’Emilia una Regione tra le più ricche d’Europa, mentre nel ’46 era tra le più povere d’Italia”. 

"Meloni un’avversaria, mai una nemica”

approfondimento

Pensioni, le ipotesi di riforma per superare la legge Fornero

Alla domanda di Aldo Cazzullo: Oggi c’è un pericolo fascista in Italia? Bonaccini risponde di no. “Giorgia Meloni non è fascista. Semmai il pericolo è un sovranismo amico di Paesi che hanno torsioni autoritarie, come l’Ungheria”. Sempre nell'intervista al Corriere della Sera il candidato alla segreteria Pd osserva che il presidente del Consiglio è “ una che ha fatto la gavetta. Per lei è stata particolarmente dura, perché è una donna, e la politica italiana è molto maschilista. Se vincerò le primarie, le chiederò un incontro” conferma Bonaccini “ Non certo per discutere del bilancio” spiega l’esponente Dem “ ma per dirle che la considero sempre un'avversaria, mai una nemica”. 

"Se c’è da accogliere i migranti, noi ci siamo”

approfondimento

Meloni e Macron, oggi colloquio telefonico su Ucraina e migranti

Parlando di migranti Bonaccini ricorda: “A Natale qui in Emilia-Romagna ne sono arrivati 130 salvati in mare, non dimenticherò mai i loro occhi; nessuno deve morire annegato. E se ci sarà da votare un provvedimento del governo che condividiamo, nell’interesse nazionale lo faremo”.

"La sinistra in Italia esiste ancora”

approfondimento

Primarie Pd, la guida: chi può votare, come e quando

 In questa legislatura staremo dove ci hanno collocati gli elettori: all’opposizione. Al governo andremo solo se vinceremo le prossime elezioni”. E della Schlein cosa pensa? “L’amicizia e l’affetto non verranno mai meno. Se toccherà a me, la coinvolgerò nella segreteria. Se toccherà a lei, mi metterò a sua disposizione”. A proposito delle primarie del 26 febbraio Bonaccini è sicuro che verrà tanta gente a votare. “ Siamo l’unico partito a farle. La sinistra in Italia esiste ancora. Ha voglia di riscatto. E lo dimostrerà”. Il  Pd non rischia la scomparsa, peggio rischia l’irrilevanza. “Io sono per tornare alla vocazione maggioritaria. Che non significa non fare alleanze, che sono necessarie. Significa non delegare nulla a nessuno. Non delego i voti di sinistra ai 5 Stelle, né i voti moderati al Terzo polo. Vogliamo andare a prenderceli noi. E anche a prenderli a destra”.

Politica: I più letti