Elezioni politiche 2022, la guida completa: come si vota il 25 settembre

Politica
©IPA/Fotogramma

Oggi dalle 7.00 alle 23.00 gli elettori sono chiamati alle urne per il rinnovo della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica: ecco tutto quello che c’è da sapere e gli strumenti messi a disposizione da Sky TG24 per orientarsi nel voto

ascolta articolo

È il giorno delle elezioni politiche: oggi, domenica 25 settembre i cittadini italiani sono chiamati alle urne per il rinnovo dei due rami del Parlamento. Le votazioni si tengono in un solo giorno, dalle 7.00 alle 23.00. Le operazioni di spoglio delle schede inizieranno subito dopo la chiusura dei seggi mentre le nuove Aule si riuniranno entro il 13 ottobre. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle elezioni politiche 2022. (LO SPECIALE DI SKY TG24 SULLE ELEZIONI - TUTTI GLI AGGIORNAMENTI LIVETROVAPARTITO: IL TEST - TROVACOLLEGIO - IL SEGGIOMETRO - TUTTI I VIDEO - TUTTE LE INTERVISTE AI LEADER - CASA ITALIA - IDEE A CONFRONTO: I PROGRAMMI ELETTORALI DEI PARTITI SU SKY TG24).

Per cosa si vota

leggi anche

Elezioni del 25 settembre, come si vota: la guida facile

Le elezioni politiche sono convocate per eleggere i membri del Parlamento. Con il voto del 25 settembre saranno rinnovati i membri della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica. La recente riforma costituzionale ha fissato in 400 i deputati e in 200 i senatori elettivi, esclusi quelli a vita nominati dal Presidente della Repubblica. A partire da questa tornata elettorale, possono votare per entrambi i rami del Parlamento i cittadini che abbiano compiuto il 18esimo anno di età.

La legge elettorale

leggi anche

Elezioni politiche 2022, come funziona la legge elettorale Rosatellum

L’attuale legge elettorale, detta Rosatellum, è un sistema misto che prevede l’attribuzione del 37% dei seggi con sistema maggioritario, del 61% con sistema proporzionale e del 2% agli elettori residenti all’estero per ciascuna delle due Camere. Sulle due schede elettorali, una per la Camera e una per il Senato, sono presenti sia i nomi dei candidati per i collegi uninominali sia i nomi di quelli nei listini proporzionali. Sky TG24 ha realizzato uno strumento che consente di risalire a quale collegio appartiene il proprio comune o indirizzo e individuare così chi sono i candidati in corsa in quella zona. Si può accedere al Trovacollegio cliccando qui.

Come si vota

leggi anche

Elezioni 2022, come si vota per non invalidare le schede. FOTO

Per poter esprimere il proprio voto i cittadini si devono recare presso uno specifico seggio, indicato sulla propria tessera elettorale. Il documento, insieme alla carta d’identità o altro documento di riconoscimento, deve essere portato con sé per votare. In caso si sia smarrita la tessera elettorale oppure non ci siano più spazi liberi, è possibile recarsi presso l’ufficio elettorale del Comune. In occasione delle elezioni politiche gli uffici saranno aperti dalle ore 9.00 alle ore 18.00 il 23 e il 24 settembre e, nel giorno della votazione, per tutta la durata delle operazioni di votazione, e quindi dalle 7.00 alle 2300. Il voto si può esprimere in diversi modi: tracciando una “X” sul nome del candidato uninominale, ci si esprime anche per i collegi plurinominali; il voto verrà spartito tra le liste sotto il nome del candidato uninominale. A ciascuna sarà assegnata una percentuale, sulla base dei voti complessivi ottenuti in quel collegio. Allo stesso modo, tracciando una “X” a matita sulla lista nel collegio plurinominale, si va a esprimere in automatico anche il voto per il collegio uninominale, che andrà al candidato sostenuto dalla lista per cui si è deciso di votare. Sulla scheda è possibile tracciare anche più di una “X”: si possono ad esempio indicare sia la lista che i nomi che la accompagnano nel collegio plurinominale. Anche in questo caso, il candidato uninominale otterrà un voto. La scheda è valida anche se decide di segnare una "X" sia sul nome del candidato al collegio uninominale che sul simbolo della lista nel plurinominale. Il Rosatellum non consente, invece, il voto disgiunto: non si può dunque votare per il candidato/a di una coalizione nella parte maggioritaria e per un partito che non fa parte di quella coalizione.

La ripartizione dei seggi

leggi anche

Parlamento in formato ridotto dopo voto: 200 seggi Senato, 400 Camera

Per ottenere la maggioranza assoluta in Parlamento, una lista o una coalizione ha bisogno di ottenere almeno 201 seggi alla Camera e 101 al Senato (non considerando il voto dei senatori a vita). Sky TG24 ha sviluppato il Seggiometro, che permette ai lettori di visualizzare, attraverso gli algoritmi elettorali di YouTrend, come i dati percentuali nazionali dei partiti potrebbero tradursi in seggi alla Camera e al Senato sulla base dell’attuale sistema elettorale. Lo strumento permette inoltre, una volta formatisi gli emicicli di Camera e Senato, di scomporre e ricomporre le coalizioni, per capire come si potrebbe formare una maggioranza di governo. È possibile accedere al Seggiometro cliccando qui.

I partiti in campo alle elezioni

leggi anche

"Casa Italia - Idee a confronto": i programmi elettorali dei partiti

Sono molte le liste e le idee in campo in queste elezioni. Sky TG24 ha messo a confronto i programmi dei principali partiti a “Casa Italia, idee a Confronto”: una versione del format che attraverso il montaggio ha posto l’accento esclusivamente sulle idee avanzate per risolvere i problemi più urgenti e rilevanti del Paese. È possibile vedere le risposte e le soluzioni proposte da Emma Bonino, Carlo Calenda, Giuseppe Conte, Nicola Fratoianni, Enrico Letta, Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Antonio Tajani.

Per chi votare alle elezioni

Per aiutare gli elettori a orientarsi e scoprire tra i partiti qual è la proposta più vicina alle proprie idee in vista delle elezioni politiche, Sky TG24 ha messo a disposizione dei lettori il Trovapartito: è possibile accedere allo strumento cliccando qui.

Politica: I più letti