Stati Generali, Conte: “Non ci accontenteremo di ripristinare la normalità”

Politica
©Ansa

Il presidente del Consiglio al termine del primo giorno di dibattiti per il rilancio del Paese dopo l’emergenza coronavirus: “Abbiamo condiviso le linee strategiche di intervento su modernizzazione del Paese, transizione ecologica, inclusione sociale, territoriale e di genere”. Il ministro dell'Economia Gualtieri: “Gli investimenti saranno il perno del piano”

“Abbiamo condiviso le linee strategiche di intervento per la modernizzazione del Paese, la transizione ecologica, l'inclusione sociale, territoriale e di genere. La settimana prossima ci confronteremo con le forze politiche, sociali e culturali del Paese su progetti concreti e confido anche in un confronto con l’opposizione”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte durante una conferenza stampa convocata alla fine del primo giorno degli Stati generali per il rilancio del Paese (COSA SONO) dopo l'emergenza coronavirus (GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - LO SPECIALE - GRAFICHE). Conte ha definito quella appena chiusa una “giornata molto utile, che promette molto bene”. “Non sprecheremo neanche un euro se non per il rilancio del Paese - ha aggiunto -. Non ci accontenteremo di ripristinare la normalità: l’Italia era indietro da vari lustri nella crescita economica, non vogliamo ripristinare lo stato precedente ma migliorare le nostre performance”.

Conte: “Il Recovery Fund è ancora da definire”

approfondimento

Perché il Recovery fund rappresenta l’ultima chiamata per l’Italia

Conte ha anche parlato degli strumenti economici messi a disposizione dall’Unione europea per la ripresa. “Il Recovery Fund - ha detto - va ancora definito: non credo che il Consiglio europeo del 19 giugno sarà risolutivo ma faremo in modo che sia importante”. “Se riuscirò a portare a casa il Recovery Fund che prevede ingenti risorse - ha proseguito - sarà una vittoria. Per questo rivolgo ai partiti di opposizione un appello: c’è ancora da lavorare su questo progetto, diano una mano con i Paesi Visegrad nell’interesse nazionale”. Queste risorse, ha detto Conte, potrebbero servire anche per attuare una riforma fiscale: “È tra gli obiettivi, abbiamo un fisco non equo e inefficiente”. Sempre sulla gestione dell’emergenza a livello europeo, Conte ha detto che “all’Italia è stato riconosciuto di essere stata un esempio”. 

Gualtieri: “Gli investimenti saranno il perno del piano”

approfondimento

Coronavirus, la situazione in Italia: grafici e mappe

Accanto a Conte, nella conferenza stampa a Villa Pamphili, c’erano anche i ministri dell’Economia e dell’Innovazione, Roberto Gualtieri e Paola Pisano. “Il perno di questo piano (di rilancio, ndr) saranno gli investimenti - ha detto Gualtieri - vogliamo portarli a un livello al di sopra della grande crisi, vogliamo diventare tra i Paesi che investono di più in scuola, ricerca, formazione e innovazione. Vogliamo diventare leader nei pagamenti digitali”. Il ministro dell’Economia ha detto che l’intenzione è quella di recuperare risorse “contrastando l’evasione fiscale e attingendo appieno a questo grande piano per il rilancio dell’Europa”.

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24