Mondiali Qatar, il giornalista Usa Grant Wahl muore durante Argentina-Olanda

Mondo
©Getty

Veterano dei cronisti sportivi, nei giorni scorsi, era stato brevemente fermato dalle autorità di Doha perché indossava una t-shirt arcobaleno a sostegno dei diritti Lgbtq. Il decesso sarebbe avvenuto per un attacco cardiaco. Ma il fratello accusa: "Si tratta di omicidio"

ascolta articolo

Grant Wahl, 48 anni, giornalista del canale americano CBS Sports, che aveva fatto notizia dopo essere stato arrestato in Qatar per aver indossato una maglietta arcobaleno, è morto ieri a Doha, secondo quanto annunciato dalla moglie e dalla Federazione americana di calcio, probabilmente per un attacco di cuore. Aveva lavorato per la rivista Sports Illustrated come esperto di calcio prima di entrare a far parte di CBS Sports nel 2021 (MONDIALE IN QATAR, GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE).

 Wall Street Journal: "Morto per un attacco di cuore"

leggi anche

Mondiali, Croazia elimina il Brasile. Argentina vince contro l'Olanda

Il decesso è avvenuto mentre copriva i quarti di finale tra Argentina e Olanda. Secondo la radio americana NPR, è crollato in sala stampa mentre la partita volgeva al termine. Il personale medico ha praticato un soccorso d'urgenza sul posto prima di portarlo via in barella. Secondo il quotidiano americano The Wall Street Journal, Wahl sarebbe morto per un attacco di cuore.

Arrestato il 21 novembre in Qatar per aver indossato maglietta arcobaleno

leggi anche

Mondiali 2022, Qatar: “Fascia arcobaleno divisiva per valori islamici"

Wahl era sposato con un medico, Celine Gounder, nota specialista in malattie infettive apparsa più volte in televisione durante la pandemia di Covid-19. Era stato trattenuto il 21 novembre dal personale di sicurezza in Qatar perché - come da lui stesso reso noto su Twitter - aveva indossato una maglietta arcobaleno alla partita tra Stati Uniti e Galles, per sostenere i diritti LGBT+.

 

Il giornalista si sentiva male da giorni

approfondimento

Mondiali 2022, Santos su CR7: "Abbiamo discusso, lasciatelo in pace”

L'inviato della Cbs aveva raccontato di sentirsi poco bene da giorni. "Il mio corpo mi sta presentando il conto", aveva affermato nel suo 'Futbol with Grant Wahl', "tre settimane di poco sonno, stress e tanto lavoro possono farlo. Quello che era inziiato come un raffreddore è peggiorato dopo Usa-Olanda (del 3 dicembre, ndr) e ho sentito il petto su nuovi livelli di pressione e disagio". Si era anche fatto un tampone per il Covid, negativo, e gli era stata diagnosticata una probabile bronchite. "Mi hanno prescitto un trattamento di antibiotici e uno sciroppo per la tosse e sto cominciando a sentirmi meglio, ma di nuovo: 'No bueno'", aveva concluso. Rafael Cores, un giornalista di Univision che lo ha visto accasciarsi accanto a lui quattro minuti prima della fine dei supplementari, ha raccontato che "stava lavorando al suo laptop e solo pochi minuti prima" avevano scherzato insieme.

Il fratello accusa: "Io credo che sia stato ucciso"

approfondimento

Mondiali 2022, arriva la bandiera pantone che aggira i divieti LGBT

Da queste notizie sembra quindi avvalorarsi l'ipotesi che si sia trattato di un infarto. In un video il fratello il fratello di Wahl, Eric, ha però denunciato che il giornalista sarebbe stato ucciso perché tre settimane prima aveva cercato di entrare allo stadio con una maglietta arcobaleno. "Io sono gay ed è per questo motivo che aveva indossato la maglia arcobaleno ai mondiali", ha affermato, "mio fratello stava bene di salute ma dopo quel gesto aveva ricevuto minacce. Io credo che sia stato ucciso, vi prego ai aiutarmi". 

Mondo: I più letti