Guerra in Ucraina, Kiev: "Scoperte 22 camere di tortura a Kharkiv"

Mondo
©Getty

L'ultima di è stata ritrovata a Piski-Radkivskii, nel distretto di Izium, dove sono state rinvenute giacche e borse del personale dell'esercito ucraino. Trovati i corpi di 534 ucraini nella parte liberata della città

ascolta articolo

Le autorità ucraine hanno denunciato la scoperta di 22 camere di tortura nella regione di Kharkiv, nelle aree in precedenza sotto il controllo delle forze russe. (GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE). Lo ha riferito Serhii Bolvinov, capo del dipartimento investigativo della polizia regionale. "Praticamente in tutte le città e le grandi città in cui si sono stabilite le truppe russe, sono stati trovati luoghi di detenzione di civili e prigionieri di guerra. I principali metodi di tortura includono percosse, soffocamento ed elettrocuzione, tra le altre pratiche", ha fatto sapere Bolvinov, secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa Ukrinform. L'ultima di queste camere è stata ritrovata a Piski-Radkivskii, nel distretto di Izium, dove sono state rinvenute giacche e borse del personale dell'esercito ucraino. Da informazioni precedenti sembrerebbe che una dozzina di soldati russi si trovassero regolarmente nell'edificio utilizzato per le torture.

I corpi di 534 ucraini uccisi scoperti a Kharkiv

approfondimento

Gli ex prigionieri del battaglione Azov riabbracciano le famiglie

I corpi di 534 ucraini uccisi dai russi sono stati scoperti nella parte della regione di Kharkiv liberata dalle forze ucraine. Lo ha annunciato Serhiy Bolvinov, capo del dipartimento investigativo della direzione della polizia nazionale nella regione di Kharkiv, durante un briefing online, secondo quanto riporta Unian. "Purtroppo abbiamo già registrato e prelevato dai territori disoccupati i corpi di 534 civili, di cui 226 donne, 260 uomini, 19 bambini (13 di loro non sono stati identificati) e 29 resti umani, il cui sesso non è stato ancora determinato" , ha detto Bolvinov aggiungendo che sono state scoperte 22 camere di tortura.

Un'altra camera delle torture: e maschere anti-gas e capsule dentali

Soltanto ieri un'altra galleria degli orrori è stata trovata in un bosco a Pisky-Radkivski, villaggio nella regione di Kharkiv sulla riva destra del fiume Oskil. Una nuova camera delle torture scoperta dalla polizia ucraina nella località da poco tornata sotto il controllo di Kiev dopo la ritirata delle truppe di Mosca dove sono state rinvenute "una maschera antigas messa sulla testa di una vittima che è stata coperta con uno straccio che bruciava e sepolta viva" e "una scatola di capsule dentali d'oro". "Una mini Auschwitz", ha denunciato il ministero della Difesa ucraino pubblicando le due immagini, scattate dal capo del dipartimento investigativo dei servizi di sicurezza nell'oblast, Serhiy Bolvinov: un'inquietante riproposizione delle pratiche naziste nei confronti dei prigionieri nei campi di concentramento.

Mondo: I più letti