Putin: "L'Occidente crea tensioni nell’ex Urss, vogliono bagni di sangue"

Mondo
©Getty

Il presidente russo, in riunione con i capi dei servizi di intelligence delle ex repubbliche sovietiche, ha spiegato che il conflitto in Ucraina è uno dei risultati della "dissoluzione dell'Unione sovietica". Poi ha sottolineato che "l'egemonia unipolare" occidentale "si sta inesorabilmente sgretolando", aggiungendo che i Paesi che ne fanno parte cercano di fermare questo processo "creando sempre nuove crisi". Nel pomeriggio a Erdogan ha detto: "Boicottaggio Nord Stream atto di terrorismo internazionale"

ascolta articolo

Allarga i confini del conflitto il presidente della Russia Vladimir Putin. Durante una riunione dei capi dei servizi d'intelligence dei Paesi della Comunità degli Stati indipendenti (di cui fanno parte 9 delle 15 ex repubbliche sovietiche in Europa e Asia centrale, ndr), il leader russo ha detto che gli Stati occidentali stanno cercando di provocare guerre nella Csi. "Gli oppositori geopolitici dei Paesi della Csi sono pronti a mettere in pericolo qualsiasi nostro Stato", ha sostenuto il capo del Cremlino (GUERRA IN UCRAINA, SEGUI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE).

"Rischi per l'intera regione dell'Asia-Pacifico"

leggi anche

Guerra Ucraina, Draghi a Zelensky: "Non riconosceremo referendum"

Secondo il leader russo, anche il conflitto in Ucraina è uno dei risultati della "dissoluzione dell'Unione Sovietica" di trent'anni fa. L'Occidente, per Putin, cerca infatti di aumentare le tensioni nei territori dell'ex Urss provocando rischi nell'intera regione dell'Asia-Pacifico. Il presidente russo ha sottolineato che l'Occidente sta cercando di riaccendere vecchi conflitti, creando nuovi problemi e crisi, provocando rivoluzioni colorate e scatenando massacri sanguinosi. "Noi lo abbiamo visto più di una volta", ha spiegato, "basta guardare a ciò che sta accadendo ora tra Russia e Ucraina e ai confini di alcuni altri Paesi della Csi".

"L'egemonia unipolare occidentale sta inesorabilmente crollando" 

leggi anche

Nyt, le intercettazioni dei soldati russi: “Putin è pazzo”

Tutto questo, secondo Putin, viene fatto per impedire la formazione di un ordine mondiale più giusto. Il leader russo ha aggiunto che "l'egemonia unipolare" occidentale "si sta inesorabilmente sgretolando, sottolienando che  "questa è una realtà oggettiva" anche se i Paesi che ne fanno parte rifiutano "di accettarlo categoricamente".  Poi il leader russo ha aggiunto che gli Stati occidentali cercano di fermare questo processo "conducendo una politica del diktat in tutti i settori".

"Mobilitazione rimane parziale, rimediare a errori"

leggi anche

La Finlandia chiude i confini ai russi in fuga dalla mobilitazione

La mobilitazione militare in Russia per Putin rimane "parziale" e riguarda solo i riservisti che hanno già esperienza militare. Pertanto, se ci sono stati casi di "mobilitazione illegale" le persone che sono state chiamate alle armi per errore devono essere immediatamente lasciate tornare alla vita civile.

Putin a Erdogan: contro Nord Stream atto terrorismo internazionale

approfondimento

Nord Stream, a chi conviene il sabotaggio del gasdotto? Le ipotesi

Nel tardo pomeriggio Putin ha avuto un colloquio telefonico con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan durante il quale ha ribadito che i danni al gasdotto Nord Stream costituiscono un "atto di terrorismo internazionale". 

Mondo: I più letti