Ucraina, Draghi a Kiev il 16 giugno insieme a Macron e Scholz

Mondo

Andrea Bonini

I leader vogliono dimostrare a Zelensky che l'Europa c'è. Si tratta di un viaggio delicato e, per ragioni di sicurezza, non sono stati forniti dettagli

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie dal mondo.

 

Questa volta il momento sembra davvero arrivato. Dopo settimane di lavoro diplomatico e la messa a punto di un sistema di sicurezza all’altezza del rischio, nelle prossime ore Draghi, Macron e Scholz saranno Kiev. Con loro anche il premier romeno per dire a Zelensky che l’Europa c’è, che parla con una sola voce e che ha una sua posizione, indipendente - seppur allineata in questa fase - con gli Stati Uniti. Della visita per questioni di sicurezza si sa poco. (GUERRA IN UCRAINA. LO SPECIALE - GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA)

Per Draghi unità imprescindibile

leggi anche

Draghi in Israele: i temi del viaggio, dall’energia all’Ucraina

Il viaggio è delicato e nessun dettaglio viene fornito. Da quel poco che è trapelato occuperà gran parte della giornata di giovedì. Il messaggio per Putin è chiaro: si sbaglia se pensa di riuscire a dividere l’Europa. Che è il punto su cui ha lavorato di più proprio il premier Draghi. Anche e sopratutto quando la Germania appariva timorosa nello stringere sulle sanzioni e nella partita di affrancamento dal gas russo. Per il premier italiano l’unità - costi quel che costi - è sempre stata e deve continuare ad essere un punto imprescindibile. Non è un caso che proprio Draghi sia più avanti degli altri su misure che - seppur dolorose - potrebbero assestare un ulteriore colpo a Putin, come il tetto massimo al prezzo del gas. Misure che non devono frenare il tentativo di arrivare a un cessate il fuoco che per Palazzo Chigi resta l’obiettivo numero uno.

Poi la visita a Erdogan

vedi anche

Crisi del grano, Turchia cerca nuova mediazione tra Russia e Ucraina

Con Zelensky si parlerà anche di questo. Capire le condizioni ucraine - perché è a Kiev che spetterà sempre l’ultima parola - per arrivare anche ad una tregua temporanea. La sensazione è che il momento possa essere propizio. Sul campo le posizioni sembrano consolidarsi con la Russia forte nei territori già occupati a suo tempo e l’Ucraina che ha retto all’assalto. Potenzialmente è proprio questo stallo che potrebbe rappresentare una base di partenza. Senza dimenticare che tutto avviene a una settimana dall’avvio di una dieci giorni di vertici internazionali - Consiglio europeo, G7, summit Nato - che potrebbero imprimere una svolta in questo senso. Per Draghi subito dopo ci sarà anche la visita a Erdogan, dove l’Italia ritorna dopo 15 anni. La Turchia sta cercando da settimane ormai di porsi come mediatore per una soluzione della crisi. L’Italia è pronta ad aiutarla su questa strada, laddove dovessero vedersi spiragli reali di apertura.

Mondo: I più letti