Von der Leyen: "La Russia è una minaccia all'ordine mondiale"

Mondo
©Ansa

La presidente della Commissione europea, da Tokyo, dopo aver incontrato il primo ministro giapponese, sottolinea: c'è in gioco "il futuro di un ordine mondiale basato su regole". Guterres intanto avverte: "Nessuna possibilità immediata per un accordo di pace"

ascolta articolo

La Russia è la "minaccia più diretta" all'ordine internazionale a causa della sua invasione dell'Ucraina. A dirlo è la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. Mosca, ha poi aggiunto, "ha un patto preoccupante con la Cina". Le parole di Von der Leyen sono arrivate dopo aver incontrato il primo ministro giapponese Fumio Kishida, a Tokyo, insieme al presidente del Consiglio europeo Charles Michel  (TUTTE LE NEWS SUL CONFLITTO LIVE). "Accolgo con favore la posizione decisa che il Giappone ha assunto" di fronte all'aggressione russa. "Come l'Ue, il Giappone comprende la posta in gioco qui. Non solo il futuro dell'Ucraina. Non solo il futuro dell'Europa. Ma il futuro di un ordine mondiale basato su regole", ha poi scritto von der Leyen su Twitter.

Ue-Giappone, cooperazione per stabilità mercati energia

approfondimento

Rigassificatori in Italia, quanti sono e dove saranno i nuovi impianti

Dopo l’incontro a Tokyo, Ue e Giappone in una nota congiunta hanno sottolineato: “L’Ue esprime apprezzamento al Giappone per la solidarietà dimostrata all'inizio di quest'anno nel garantire forniture di gas naturale liquefatto sufficienti e convenienti ai mercati dell'Ue. Alla luce delle sanzioni contro la Russia, coopereremo per mantenere stabili i mercati energetici globali e contribuire a garantire la reciproca sicurezza dell'approvvigionamento". E viene aggiunto: "Sosteniamo l'Ucraina in collaborazione con il G7 e mettendo in campo ulteriori sanzioni contro la Russia di Putin”.

Guterres: "No possibilità immediate per accordo pace"

approfondimento

Draghi da Washington: "Ucraina ha bisogno di piano Marshall"

Intanto, nelle ultime ore, sulla crisi ucraina è intervenuto nuovamente il segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres: "È chiaro per noi che, al momento attuale, non ci sono possibilità immediate di un accordo di pace o possibilità immediate di un cessate il fuoco globale", ha detto durante la visita al presidente austriaco Alexander Van Der Bellen.

Mondo: I più letti