Lavrov e la frase su Hitler ebreo, il premier israeliano Bennett: Putin si è scusato

Mondo

Le affermazioni del ministro degli Esteri russo, che in un'intervista a Rete 4 aveva detto che Zelensky ha origini ebraiche "come Hitler", avevano scatenato l’ira di Israele

ascolta articolo

Le scuse sono arrivate direttamente da Putin. Il presidente russo in un colloquio con il premier israeliano Naftali Bennett, si è scusato per le recenti affermazioni del suo ministro degli esteri Sergey Lavrov che in un'intervista a Rete 4 ha detto che Zelensky ha origini ebraiche "come Hitler", scatenando l'ira di Israele. (IL LIVEBLOG SULLA GUERRA IN UCRAINA - LO SPECIALE).

La nota di Israele

approfondimento

Lavrov: "Anche Hitler era ebreo". Ira di Israele

A dare notizia delle scuse del presidente russo è stato l'ufficio del primo ministro israeliano Naftali Bennett. "Il premier ha accettato le scuse del presidente Putin per i commenti di Lavrov e lo ha ringraziato per aver chiarito la sua posizione sul popolo ebraico e la memoria dell'Olocausto". Secondo quanto riferito, Bennett ha anche chiesto a Putin di "esaminare le opzioni umanitarie" per l'evacuazione dei civili da Mariupol, "una richiesta arrivata dopo il colloquio di ieri di Bennett con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky". Il comunicato del servizio stampa del Cremlino non conteneva questo aspetto tra i contenuti del colloquio elencati. 

Mondo: I più letti