Von der Leyen: "Futuro Ue si scrive anche in Ucraina. Embargo petrolio entro 6 mesi"

Mondo
©Getty

"Vogliamo che l'Ucraina vinca questa guerra", dichiara la presidente della Commissione Europa che presenta il sesto pacchetto di sanzioni per la Russia

ascolta articolo

Annunciato il sesto pacchetto di sanzioni da parte della Commissione Europea contro la Russia. Il piano prevede prima di tutto di limitare il petrolio russo in tutta Europa entro sei mesi. Sarà un divieto di importazione dell’oro nero russo, sia via nave che via oleodotto, greggio e raffinato, con un'uscita graduale in un modo che “consenta a noi e ai nostri partner di assicurarci rotte di fornitura alternative e di minimizzare l'impatto sui mercati globali". A dirlo è la presidente Ursula von der Leyen, intervenendo nella plenaria del Parlamento Europeo a Strasburgo. "Per questo - continua la presidente - termineremo alla fornitura di petrolio greggio entro sei mesi e di prodotti raffinati entro fine anno. Perché, per aiutare l'Ucraina, la nostra economia deve restare forte". (GUERRA IN UCRAINA: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI LIVE - LO SPECIALE - LE DIRETTE E I REPORTAGE)

Von der Leyen: sanzioniamo responsabili dei crimini di guerra

approfondimento

Guerra Ucraina Russia, le ultime notizie del 4 maggio sulla crisi

Due i punti cardine del discorso di Von der Leyen: le sanzioni e la ricostruzione. "Prima di tutto sanzioniamo i responsabili dei crimini a Bucha e del disumano assedio a Mariupol ". Un importante segnale a tutti coloro che perpetrano la guerra del Cremlino. “Sappiamo chi siete e dovrete rendere conto di quello che avete fatto" aggiunge von der Leyen. “Gli ucraini stanno combattendo per riaffermare le idee di base: che sono loro i padroni del loro futuro e non un leader straniero. Che è il diritto internazionale che conta e non la legge del più forte. E che Putin deve pagare un prezzo alto per la sua brutale aggressione" sottolinea Von der Leyen.

Von der Leyen: vogliamo che l’Ucraina vinca questa guerra

approfondimento

Zelensky: "Faremo di tutto per far uscire civili"

 

"Vogliamo che l'Ucraina vinca questa guerra. Ma vogliamo anche creare le condizioni per il successo dell'Ucraina nel dopo guerra” ribadisce la presidente che passa al capitolo ricostruzione. Si tratta di un sostegno economico a breve termine per aiutare gli ucraini a far fronte alle conseguenze della guerra. “Il Pil dell'Ucraina dovrebbe diminuire dal 30% al 50% solo quest'anno” spiega. “E il Fondo monetario internazionale stima che, da maggio in poi, l'Ucraina ha bisogno di 5 miliardi di euro ogni mese, semplicemente, per mantenere il paese in funzione, pagare le pensioni, gli stipendi e i servizi di base. Dobbiamo sostenerli, ma non possiamo farlo da soli. Sono lieta che gli Stati Uniti abbiano annunciato un massiccio sostegno al bilancio. E anche noi, come Team Europe, faremo la nostra parte", conclude la presidente. 

Mondo: I più letti