Guerra Ucraina, Zelensky: “Ogni ritardo delle armi è un permesso alla Russia di ucciderci”

Mondo
Facebook/Volodymyr Zelensky

Il presidente ucraino in un video-messaggio chiede all’Occidente forniture militari in tempi brevi: “Coloro che hanno le armi e le munizioni devono sapere che il destino di questa battaglia dipende anche da loro”. Poi accusa: “Nelle regioni di Kherson e Zaporizhya vengono costruiti centri di tortura, gli aiuti umanitari vengono bloccati e le persone muoiono di fame”. E avverte: Mosca sta preparando un’offensiva nell'Est del Paese, “vogliono letteralmente distruggere e mettere fine al Donbass”

ascolta articolo

“Parlo direttamente in questi casi: ogni ritardo nelle armi, ogni ritardo politico è un permesso per la Russia di togliere la vita agli ucraini. Così la interpreta la Russia”. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, nel suo ultimo video-messaggio, torna a chiedere forniture militari all’Occidente e avverte: "Le truppe russe si stanno preparando per un'operazione offensiva nell'est del nostro Paese. Che inizierà nel prossimo futuro" (GUERRA IN UCRAINA: LO SPECIALE - TUTTI GLI AGGIORNAMENTI LIVE). In un'intervista alla Cnn trasmessa domenica, Zelensky ha denunciato che circa 5.000 bambini sono stati "deportati" dalla regione di Mariupol in Russia dall'inizio dell'invasione: "Circa 5.000 bambini sono stati deportati da questa regione nella parte della Russia perché non gli hanno permesso di andare nella parte dell'Ucraina". Quei "bambini. Dove sono? Non lo sa nessuno".

“Il destino delle persone dipende da chi ha le armi”

vedi anche

Guerra Ucraina, cos’è la Fab-3000, una delle più potenti armi russe

"Stiamo facendo di tutto per garantire la difesa - dice Zelensky nel video-messaggio - Siamo in costante contatto con i partner. Siamo grati a coloro che aiutano davvero con tutto ciò che possono. Ma coloro che hanno le armi e le munizioni di cui abbiamo bisogno e ritardano nella loro fornitura devono sapere che il destino di questa battaglia dipende anche da loro. Il destino delle persone che possono essere salvate". "Il 53esimo giorno di guerra - continua il presidente ucraino - è finito e da 53 giorni aspettiamo risposte su alcuni punti delle nostre richieste di armi. E alcune risposte sono formulate in modo che la consegna possa iniziare solo a maggio”.

“Nel Sud centri di tortura, rapimenti e aiuti umanitari bloccati”

approfondimento

Guerra in Ucraina, sale il numero di generali russi morti al fronte

"Il mondo democratico - continua Zelensky - deve rispondere a ciò che stanno facendo gli occupanti nel Sud del nostro Stato, nelle regioni di Kherson e Zaporizhya. Lì vengono costruiti centri di tortura, le autorità locali e chiunque sia ritenuto visibile alle comunità locali viene rapito. Gli insegnanti vengono ricattati, i soldi per le pensioni vengono rubati, gli aiuti umanitari vengono bloccati e le persone muoiono di fame”. “Gli occupanti - aggiunge - stanno anche cercando di spaccare sull'esempio delle cosiddette repubbliche separatiste di Donetsk e Luganks, trasferendo questo territorio alla zona del rublo e subordinandolo alla macchina amministrativa russa".

“Vogliono distruggere e mettere fine al Donbass”

leggi anche

Guerra in Ucraina, Zelensky: “Non cederemo il Donbass alla Russia"

Parlando poi di un'imminente offensiva della Russia nella parte orientale dell'Ucraina, Zelensky accusa: "Vogliono letteralmente distruggere e mettere fine al Donbass. Distruggere tutto ciò che un tempo dava gloria a questa regione industriale. Proprio mentre le truppe russe stanno distruggendo Mariupol, vogliono spazzare via anche altre città e comunità nelle regioni di Donetsk e Lugansk".

Mondo: I più letti