Trump torna sul palco e attacca: “Biden e sinistra radicale stanno distruggendo il Paese”

Mondo
©Getty

L’ex presidente Usa ha parlato alla convention del partito repubblicano della North Carolina. "Stanno tagliando i fondi alla polizia, l'immigrazione illegale sta di nuovo esplodendo e la disoccupazione è fuori controllo. Dobbiamo batterli alle prossime elezioni di metà mandato, non abbiano altra scelta", ha detto sulla nuova amministrazione. Attacchi anche a Fauci (“Ha sbagliato su tutto”), alla Cina (“È ora che paghi”) e a Facebook (“Spegnere le voci è vergognoso”)

Donald Trump torna sul palco e attacca Joe Biden, Anthony Fauci, Facebook e la Cina (VIDEO). L’ex presidente Usa ha parlato alla convention del partito repubblicano della North Carolina, in una sala di Greenville stracolma di sostenitori: gli oltre 1.250 posti sono andati sold out in due giorni. Si tratta del secondo intervento pubblico di Trump dopo il comizio del 6 gennaio scorso, degenerato nell'assalto a Capitol Hill. Il primo era stato a febbraio davanti alla platea del Cpac, la conferenza dei conservatori americani. Il tycoon, quindi, è tornato a parlare in pubblico dopo oltre tre mesi e l’obiettivo è quello di aprire una nuova stagione di comizi in stile campagna elettorale: stagione che potrebbe portare alla sua nuova candidatura alle presidenziali del 2024.

Trump attacca Biden

leggi anche

Usa, il New York Times: "Amministrazione Trump indagò su Italygate"

Durante il suo intervento, Trump non ha risparmiato critiche al presidente in carica. Joe Biden e la sinistra radicale “stanno distruggendo il Paese”, ha detto. E ancora: "Stanno tagliando i fondi alla polizia, l'immigrazione illegale sta di nuovo esplodendo e la disoccupazione è fuori controllo. Dobbiamo batterli alle prossime elezioni di metà mandato, non abbiano altra scelta". Il tycoon è poi tornato sull'esito delle presidenziali del novembre scorso, ribadendo la tesi delle "elezioni rubate" e parlando di "crimine del secolo". L'ex presidente ha assicurato anche che la partita, a suo modo di vedere, non è ancora chiusa perché - dall'Arizona ad altri Stati come la Georgia e la Pennsylvania - potrebbero esserci sorprese se si continuerà a valutare quanto accaduto con i voti. Nelle ultime settimane, sembra che Trump abbia detto ai suoi che ad agosto tornerà alla Casa Bianca: se il riconteggio dei voti in Arizona andrà a buon fine (cosa esclusa anche dagli stessi repubblicani), sogna un effetto domino in altri Stati Usa in grado di consegnargli la vittoria. Nessun cenno esplicito, comunque, a una possibile nuova discesa in campo per le presidenziali del 2024.

“Fauci ha sbagliato su tutto”

leggi anche

Coronavirus, Fauci chiede alla Cina 9 cartelle cliniche

Non è mancato un attacco a Anthony Fauci, virologo e consigliere della Casa Bianca sul coronavirus. "Ha sbagliato su tutto, ma è sempre in tv, più di ogni altro politico", ha detto Trump. In passato, il tycoon era arrivato a definire lo scienziato “un idiota”. Era prevedibile, quindi, che ora non avrebbe perso l’occasione per cavalcare le polemiche che di recente hanno travolto il virologo, con la crescente richiesta da ambienti conservatori delle sue dimissioni. Tanto che la Casa Bianca di Joe Biden è stata costretta più volte a ribadire la sua fiducia nell’esperto. Sempre in tema Covid, Trump ha accusato l'amministrazione Biden di farsi umiliare da Pechino. “È giunto il momento che il mondo chieda il conto alla Cina di quanto accaduto con la pandemia. È ora che la Cina paghi, deve pagare", ha aggiunto.

Su Facebook: "Spegnere le voci è una cosa vergognosa”

leggi anche

Facebook, l'ex presidente Donald Trump sospeso per due anni

Trump ha parlato anche di Facebook, dopo la decisione del social di sospendere per due anni il suo profilo. "Spegnere le voci è una cosa vergognosa e ingiusta", ha detto. Parole che, appunto, sono arrivate poche ore dopo la conferma di Facebook della sospensione del tycoon dalla piattaforma per almeno due anni, fino al gennaio 2023. Il suo account e i suoi profili sono oscurati, come su Twitter e altri social media. Per l'ex presidente è un brutto colpo, soprattutto dopo il fallimento della sua piattaforma social, di fatto un blog che scimmiottava Twitter e che Trump ha deciso di “spegnere” dopo poche settimane visto lo scarso seguito.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24