Vaccini, l'Agenzia Europea del farmaco chiede ai produttori i dati sulle nuove varianti

Mondo
©Fotogramma
The European Medicines Agency (EMA) will announce its verdict on Monday December 21, (today) about the corona vaccine that the American Pfizer and the German BioNTech have made together. The vaccine is expected to be approved for use in the European Union. The Amsterdam-based EMA gives important advice. The final decision is up to the European Commission. Amsterdam, Netherlands, on December 21, 2020. Photo by Robin Utrecht/ABACAPRESS.COM (Amsterdam - 2020-12-21, Utrecht Robin/ABACA / IPA) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate

L'Ema, Agenzia europea del farmaco, ha chiesto alle aziende produttrici di vaccini di presentare dati relativi alla protezione dei loro farmaci contro le nuove varianti di SARS-CoV-2. L'obiettivo: rispondere alle domande sulla possibilità di introdurre un nuovo ceppo in un vaccino approvato 

In una nota, l'Agenzia europea del farmaco ha chiesto ai produttori di vaccini di presentare dati sulla protezione dei loro farmaci contro le nuove varianti, come per esempio quella inglese, sudafricana o brasiliana. 

approfondimento

Varianti Covid in Italia, ecco in quali regioni sono state individuate

I dati, chiarisce l'Agenzia, serviranno per "un documento di riflessione che definirà i dati e gli studi necessari per supportare gli adattamenti dei vaccini esistenti alle mutazioni attuali o future di SARS-CoV-2 nell'Unione Europea".

approfondimento

Vaccino J&J, l’azienda: “Non serve richiamo e funziona sulle varianti”

Ema intende rispondere a tutte le domande relative alla possibilità di introdurre un nuovo ceppo in un vaccino approvato. 

Ema conferma: nessuna domanda per il via libera al vaccino Sputnik

approfondimento

Covid, cosa sappiamo del vaccino russo Sputnik

In merito al vaccino Sputnik, l'Ema ha voluto fare alcune precisazioni. In una nota, l'Agenzia ha confermato che "non ha finora ricevuto" domande per una revisione continua o un'autorizzazione del vaccino Sputnik V (Gam-COVID-Vac). 

Gli sviluppatori del vaccino del Centro nazionale di epidemiologia e microbiologia Gamaleya in Russia, "hanno ricevuto consulenza scientifica dall'Ema", ricorda l'agenzia, e "hanno espresso il loro interesse affinché il vaccino venga preso in considerazione per una revisione continua".

Al momento, però, nessuna domanda di autorizzazione è stata presentata.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.