Coronavirus, in Spagna 222 morti e oltre 15mila casi in 24 ore

Mondo
©Ansa

Si tratta del giorno peggiore di questa settimana. Il Paese ha superato ampiamente quota 900mila contagi e ha quasi raggiunto le 34mila vittime

In Spagna non si arresta la seconda ondata di contagi da coronavirus (AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - LO SPECIALE). Nelle ultime 24 ore sono stati registrate 222 nuove vittime e 15.186 nuovi contagi. Secondo i media locali, si tratta della peggior giornata della settimana. La Spagna, il Paese più colpito di questa seconda ondata, ha ormai superato quota 900mila contagi (oltre 930mila secondo i dati della Johns Hopkins University) e quasi 34mila vittime.

La situazione in Spagna

leggi anche

Coronavirus, le nuove misure in Europa dopo l'aumento dei casi

Il governo spagnolo ha attuato da qualche giorno nuove restrizioni per affrontare il nuovo aumento di contagi. A Madrid, epicentro di questa seconda ondata, e in altre 9 città della comunità autonoma il 2 ottobre era entrato in vigore un lockdown parziale, ma dopo il braccio di ferro tra il governo nazionale e le autorità locali, la Corte suprema di giustizia di Madrid non aveva ratificato la misura. Il governo centrale ha quindi deciso di decretare dal 9 ottobre lo stato d'allarme a Madrid per cercare di arginare la pandemia di coronavirus. Intanto il 14 ottobre le autorità della Catalogna hanno deciso di chiudere tutti i bar e ristoranti della comunità autonoma per 15 giorni. Nella regione, per contenere l'avanzata dell'epidemia, le autorità hanno anche deciso di ridurre la capacità dei centri commerciali al 30% e quella delle palestre al 50%. Le nuove misure restrittive comprendono anche l'interruzione delle lezioni frontali nelle università e la sospensione di tutte le competizioni sportive - federate, scolastiche o private - per due settimane.

Mondo: I più letti