Elezioni Usa 2020, la convention repubblicana sarà chiusa alla stampa

Mondo
©Getty

La decisione, persa per contenere i contagi da Covid-19, è senza precedenti nella storia moderna americana. L'evento, già fortemente ridimensionato, è in programma dal 21 al 24 agosto a Charlotte, in North Carolina

Con una decisione senza precedenti nella storia moderna americana, la convention repubblicana di fine agosto in programma a Charlotte, in North Carolina, sarà chiusa alla stampa. Lo riporta la Cnn che cita un portavoce del partito. Per assicurare il rispetto del distanziamento sociale dovuto al Coronavirus, ai giornalisti non sarà permesso essere presenti dove i delegati voteranno per nominare formalmente il presidente Donald Trump candidato repubblicano alla presidenza per le elezioni del 3 novembre 2020. Sarà però possibile però seguire le votazioni via streaming (CORONAVIRUS : GLI AGGIORNAMENTI LIVE - I PAESI CON PIÙ CONTAGI NEL MONDO).

Le paure legate ai contagi da Coronavirus

approfondimento

Usa 2020, Trump ipotizza il rinvio del voto finché non sarà sicuro

La convention repubblicana si svolgerà dal 21 al 24 agosto e il portavoce ha spiegato che la decisione di chiudere l'evento alla stampa è legata alle restrizioni imposte dalle autorità locali per contenere la diffusione dei contagi da Covid-19. L'evento di Charlotte era già stato fortemente ridimensionato a causa della pandemia e dell'opposizione delle autorità locali allo svolgimento in piena regola dell'evento che avrebbe richiamato migliaia di persone tra delegati, ospiti e giornalisti.

La riorganizzazione degli eventi dei repubblicani

Il partito repubblicano aveva quindi lasciato a Charlotte una parte dei lavori, ridimensionando il numero dei delegati presenti, e il presidente Trump aveva spostato la serata dell'incoronazione a Jacksonville, in Florida. Ma il tycoon era stato poi costretto a cancellare anche questo appuntamento visto che la Florida è diventata uno dei nuovi Stati epicentro della pandemia negli Usa. Gli Stati Uniti, inoltre, rimangono ancora il primo Paese al mondo per numero di contagi.

Mondo: I più letti