Recovery Fund, nella nuova bozza 209 miliardi all'Italia: 82 di sussidi e 127 di prestiti

Mondo
©Ansa

Una trattativa a oltranza in Consiglio europeo, con la ripresa del vertice che è slittata più volte. Conte: "Cauto ottimismo". Fonti italiane rivelano: “Battaglia enorme di Conte contro il calo dei 700 miliardi”. Sassoli: "Parlamento pronto a non dare suo consenso". I Paesi frugali sarebbero aperti a dare l'ok a 390 miliardi di sussidi. Il bilancio europeo 2021-2027 nella nuova proposta di Michel resta a 1.074 miliardi di impegni e aumentano i rebate per Danimarca, Germania, Olanda, Austria e Svezia

La trattativa a oltranza del vertice Ue sul Recovery fund (COS'È) prosegue. I leader europei si sono riuniti oggi 20 luglio, nel tardo pomeriggio e in plenaria durante la serata, per la quarta giornata di lavori e all'orizzonte si intravede una nuova proposta del presidente del Consiglio europeo Charles Michel per trovare un accordo. Il primo ministro portoghese Antonio Costa, prima della ripresa del vertice ha detto che c'è un accordo sul tavolo per un Recovery fund di 700 miliardi di euro, con 390 miliardi di euro in sovvenzioni e 310 miliardi di euro in prestiti. Nell’ultima proposta, all’Italia spetterebbero in totale 208,8 mld, di cui 81,4 miliardi di sussidi e 127,4 miliardi di prestiti. Le ultime indiscrezioni arrivate da fonti diplomatiche parlano di un'apertura dei Paesi frugali (CHI SONO E COSA VOGLIONO) alla possibilità di dare il loro ok ai 390 miliardi di sussidi per il Recovery Fund, ma molto dipenderà anche dagli altri elementi che compongono il nuovo negoziato. Intanto, fonti italiane fanno sapere che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte "ha fatto una battaglia enorme per il mantenimento dell ammontare globale del Recovery fund a 750 mld. Mentre gli altri stavano accettando la riduzione a 700 Conte in tutte le sue bilaterali ha incessantemente insistito su una cifra che aveva un forte valore di risposta ai cittadini italiani e europei”.

Scontro Conte-Rutte in Consiglio 

Momenti di tensione anche in nottata tra Conte e Rutte. "Lungo braccio di ferro dopo la plenaria - fanno sapere fonti italiane - anche l'ultima versione sulla governance non andava bene a Conte. Cosa che ha comportato un'ulteriore pausa del Consiglio". 

Fonti vertice: ok a soluzione su stato di diritto

Nel frattempo la soluzione sul rispetto dello stato di diritto al vertice dei leader Ue sarebbe stata adottata da tutti i capi di Stato e di governo ad acclamazione. A riferirlo sono fonti diplomatiche europee.  Con l'avvio della plenaria, Charles Michel ha introdotto il tema e il lettone Krisjanis Karins ha riferito come il gruppo di leader abbia lavorato alla modifica dei paragrafi della proposta messa sul tavolo sabato. Tutti hanno adottato il testo per acclamazione.

Michel: “Proposta frutto di molto lavoro collettivo”

leggi anche

Aiuti Ue, tutti i nodi del Recovery Fund

La nuova proposta, ha detto Michel "è frutto di un lavoro qualitativo estremamente intenso. I negoziati sono stati molto difficili. So che gli ultimi passi sono molto difficili ma sono fiducioso, e anche se ci sono delle difficoltà, e anche se è importante continuare a lavorare, penso e sono convinto che un accordo sia possibile". "Questa proposta - ha aggiunto - è il frutto di molto lavoro collettivo con tutti i leader e con i loro team".

La proposta

Secondo quanto si apprende, la Resilience and Recovery Facility, ovvero il cuore del Recovery Fund, assegnata ai Paesi secondo una chiave di allocazione diretta, nella nuova proposta messa sul tavolo da Michel è di 672,5 miliardi: di questi 312,5 miliardi sono sovvenzioni (aumenta rispetto alla prima proposta da 310 miliardi, ma scende rispetto a quella di sabato a 325). I trasferimenti a fondo perduto spacchettati tra i programmi sono invece 77,5 miliardi (rispetto ai 190 mld della prima proposta). Inoltre, il bilancio europeo 2021-2027 resta a 1.074 miliardi di impegni. Aumentano i rebate per Danimarca, Germania, Olanda, Austria e Svezia. Alla Danimarca andranno 322 milioni annui di rimborsi, alla Germania 3,671 miliardi, all'Olanda 1,921 miliardi, all'Austria 565 e alla Svezia 1,069 miliardi.

Le cifre per l'Italia

Secondo quanto si apprende, la nuova composizione del Recovery Fund porterebbe all'Italia 208,8 mld, di cui 81,4 miliardi di sussidi e 127,4 miliardi di prestiti. Lo rendono noto fonti italiane, divulgando una tabella con i primi calcoli. La proposta iniziale prevedeva 173,826 miliardi totali, di cui 85,242 miliardi di sussidi e 88,584 miliardi di prestiti. Dunque l'aumento totale sarebbe di 34,974 miliardi, con un calo dei sussidi di 3,842 miliardi e un aumento dei prestiti di 38,816 miliardi.

Conte: stanotte svolta, cauto ottimismo

approfondimento

Recovery Fund: significato, cos'è e come funziona

Il premier Conte oggi è sembrato più possibilista sulla trattativa: "Stanotte c'è stata una svolta: dobbiamo essere ancora cauti ma direi che sono cautamente ottimista.  Mi batto fino alla fine perché le risorse siano cospicue e favoriscano la ripresa". Il presidente del Consiglio ha aggiunto: "Non stiamo scherzando. Stiamo offrendo una risposta europea e non possiamo scherzare più. Lo dobbiamo ai nostri cittadini colpiti dalla gravità delle conseguenze della crisi: non è tempo di tergiversare". Il premier ha infine spiegato che l'Italia è  "favorevole alla condizionalità climatica perché i sussidi sono orientati alla svolta energetica e digitale".

Sassoli: Pe pronto a non dare suo consenso

Intanto però, il presidente del Parlamento Ue David Sassoli, ha detto che "dopo giorni di discussioni, gli europei si aspettano una conclusione all'altezza di questa fase storica. Siamo preoccupati per un futuro che mortifichi la solidarietà europea e il metodo comunitario". Sassoli ha spiegato che "il Parlamento Ue ha indicato le proprie priorità e si aspetta che vengano rispettate. Occorrono subito nuove risorse proprie e una efficace difesa dei principi dello stato di diritto. Inoltre, il Parlamento ha più volte chiesto la soppressione dei rebates. Senza queste condizioni il Pe non darà il proprio consenso". Il presidente del Pe ha concluso dicendo che "il Covid-19 non si è esaurito e ci sono nuovi focolai in Europa. È più che mai necessario agire presto e con coraggio". 

Il vertice fra trattative e tensioni

approfondimento

Recovery Fund, chi sono i "Paesi frugali" e cosa chiedono

A Bruxelles, nel vertice dedicato anche al Quadro finanziario pluriennale oltre che al Recovery fund, non si arresta dunque il braccio di ferro sugli aiuti che l'Ue metterà in campo per provare a superare la crisi economica provocata dall'emergenza coronavirus (AGGIORNAMENTI LIVE). Secondo le ultime indiscrezioni, le posizioni si stanno avvicinando, con i Paesi che chiedono un ridimensionamento degli aiuti come Danimarca, Svezia e Finlandia, che starebbero rivedendo le loro posizioni. I leader dell'Unione europea, però, non riescono a convincere il premier olandese Mark Rutte. E ieri il presidente francese Emanuel Macron avrebbe perso le staffe, battendo i pugni sul tavolo e urlando contro il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, reo di essersi allontanato per rispondere al telefono.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24